Home . Onomastico . Emerologico . Patronati . Diz.Nomi . Ricerca . Ultimi . Più visitati


Newsletter
Per ricevere i Santi di oggi
inserisci la tua mail:

E-Mail: info@santiebeati.it


> Home > Sezione Venerabili > Venerabile Francesco Gonzaga Condividi su Facebook Twitter

Venerabile Francesco Gonzaga Vescovo di Mantova

.

Emblema: Bastone pastorale


Generale dell'Ordine dei Frati Minori, principe del Sacro Romano Impero, nacque a Gazzolo il 31 luglio 1546 dal marchese Carlo Gonzaga e da Emilia Boschetto; al Battesimo gli fu imposto il nome di Annibale. Di temperamento ardente e attivo, dimostr˛ ben presto di possedere una volontÓ tenace e un'intelligenza acuta. Mortogli presto il padre, fu oggetto di assidue cure da parte degli zii Ercole Gonzaga, cardinale, e del marchese Ferrante. A undici anni fu inviato dallo zio cardinale nelle Fiandre presso la corte spagnola, dove continu˛ gli studi e gli esercizi cavallereschi; a dodici anni ricevette la prima Comunione; si distinse fra tutti per il suo comportamento nobile e serio e per la sua assiduitÓ nelle pratiche religiose.
Dalle Fiandre, seguendo il re di Spagna, si trasferý prima a Toledo e poi a Madrid; a quattordici anni portava il cilicio, ascoltava ogni giorno la Messa ed amava soccorrere in ogni modo i poveri.
Quando manifest˛ il proposito di farsi religioso tutti si opposero e tentarono ogni mezzo per dissuaderlo, chiedendo a tale fine anche l'aiuto del cardinale Ercole Gonzaga, presidente del concilio di Trento. Vinse la costanza del giovane il quale vestÝ l'abito francescano il 17 maggio 1562 in AlcalÓ, prendendo il nome di Francesco. La madre e i congiunti gli scrissero parole di fuoco, cercando di farlo ritornare nel mondo; ma nulla poterono contro la incrollabile volontÓ del sedicenne novizio che edific˛ i confratelli andando anche per la questua.
Profess˛ il giorno della Pentecoste, 29 maggio 1563, presenti i principi Giovanni e Carlo d'Austria, Alessandro Farnese e numerosissimi cavalieri.
Terminato il corso filosofico, fu inviato all'universitÓ di AlcalÓ per lo studio della teologia; finiti gli studi fu nominato predicatore, lettore, confessore.
Il padre generale del tempo lo richiam˛ in Italia ed egli si stabilÝ a Mantova dove i suoi governavano, dando esempio grandissimo di umiltÓ e povertÓ e predicando con grande successo.
Anche in Italia fu incaricato dell'insegnamento: lesse Scoto e s. Bonaventura, m eravigliando tutti per la profonditÓ della sua dottrina.
Edific˛ in S. Martino, nelle terre della sua famiglia, un convento, parte con l'aiuto dei suoi fratelli, parte mendicando il necessario. Non rifuggiva dai pi˙ umili servizi, anzi li cercava: lo si vide spazzare, fare il cuoco, mescolar la calce, andare in giro per la questua; nel 1577 fu nominato ministro provinciale del Veneto, nel 1579 il capitolo generale dell'Ordine tenutosi a Parigi, lo nomin˛ ministro generale: aveva appena trentadue anni, voleva rinunciare, ma il nunzio apostolico gl'impose di accettare quell'uffficio.
A tutti fu di grande esempio, nel lavoro, nell'orazione, nella povertÓ, nella caritÓ fraterna, nello zelo apostolico. Prescrisse che in tutto l'Ordine ogni sabato sera si cantassero le litanie della Vergine con l'Oremus dell'Immacolata. In otto anni di governo visit˛ l'Italia, la Francia, la Spagna, le Fiandre, la Germania. Invi˛ missionari in Cina Filippine, Brasile, tratt˛ questioni gravissime alle corti di Francia, Spagna, Portogallo. Edific˛ un convento in Bologna per ospitare religiosi polacchi venuti in Italia per dedicarsi agli studi superiori. Il pontefice Sisto V lo ebbe in somma stima.
Nel 1587, dopo otto anni, fu sollevato dall'onere del generalato e chiese umilmente di ritornare al convento di S. Martino; nell'ottobre del medesimo anno fu nominato vescovo di Cefal˙ in Sicilia. Anche nella sua diocesi visse poveramente, semplicemente e in casa volle che tutti i suoi familiari fossero di vita irreprensibile; a Cefal˙ celebr˛ un sinodo e, a Palermo, partecip˛ al parlamento generale e lo presiedette.
Attu˛ con solerzia le disposizioni emanate dal concilio di Trento. Riform˛ il canto ecclesiastico, edific˛ il seminario e il palazzo vescovile. Fu trasferito a Pavia e poi a Mantova, dove condusse sempre una vita di preghiera, caritÓ e penitenza; pag˛ i debiti dei carcerati, rinnov˛ la facciata della cattedrale, il palazzo vescovile, fabbric˛ il seminario e alcune case per famiglie povere.
Nel 1595 and˛ come legato pontificio a Parigi per pacificare Francia e Spagna. Terminata la missione, ritorn˛ in Italia nel 1598. Ben presto seppe che era stato nominato nunzio in Germania presso l'imperatore; ma tanto fece che riuscÝ ad evitare l'incarico; fu due volte ambasciatore del duca di Mantova presso i pontefici Leone XI e Paolo V, in occasione della loro elezione. In mezzo a tanti affari e alle cure pastorali, nonostante l'etÓ avan zata, lavorava con inalterato ardore apostolico, per nulla diminuendo l'abituale austeritÓ di vita, le durissime penitenze. Colpito da apoplessia, dopo un periodo di forzato riposo, volle porsi nuovamente al lavoro con tanta solerzia che di lui fu detto che lavorava per tre vescovi.
La sua giÓ debole salute, andava sempre deperendo, ma il Gonzaga aumentava le opere buone e l'esercizio eroico delle virt˙; infine volle distribuire tutti i suoi averi, per morire francescanamente povero. Costretto a letto dal male, pregava ininterrottamente; ricevette gli ultimi sacramenti con edificante pietÓ e piena consapevolezza: vol˛ al cielo, fra il rimpianto generale, l'11 marzo 1620.
I suoi funerali furono un trionfo: una folla incredibile, dai pi˙ umili, ai pi˙ nobili, fu presente: tutti erano certi che era morto un "gran servo di Dio", fu sepolto nella cattedrale di Mantova e la sua tomba fu meta di pellegrinaggi. Il decreto d'introduzione della causa fu emesso il 7 agosto 1627; nel 1904, dopo una lunga interruzione, la causa Ŕ stata ripresa.


Autore:
Antonio Cairoli


Fonte:
Bibliotheca Sanctorum

______________________________
Aggiunto/modificato il 2002-06-26

___________________________________________
Translate this page (italian > english) with Google


L'Album delle Immagini
è temporaneamente
disattivato




CD immagini

Sostienici e avrai TUTTE le immagini di Santiebeati
Clicca qui per richiederlo

Home . Onomastico . Emerologico . Patronati . Diz.Nomi . Ricerca . Ultimi . Più visitati