Home . Onomastico . Emerologico . Patronati . Diz.Nomi . Ricerca . Ultimi . Più visitati


Newsletter
Per ricevere i Santi di oggi
inserisci la tua mail:

E-Mail: info@santiebeati.it


> Home > Sezione F > San Fulcranno (Fulcrano) di Lodeve Condividi su Facebook Twitter

San Fulcranno (Fulcrano) di Lodeve Vescovo

13 febbraio

† 13 febbraio 1006

Martirologio Romano: A Lodève sempre nella Gallia Narbonense, nell’odierna Francia, san Fulcrano, vescovo, insigne nell’amore verso i poveri e nello zelo per il culto divino.


La sua Vita è stata scritta nella prima metà del secolo XIV, da Bernardo di Guido, vescovo di Lodève il quale, avendo usufruito di memorie preesistenti, sembra meritare, almeno nelle linee essenziali, piena fede.
Fulcranno nacque nel territorio di Lodève (Narbona) da genitori di distinta condizione sociale. Sua madre, cui qualche autore dà il nome di Eustorgia, mentre lo portava in seno, ebbe una visione notturna, in cui le parve di aver partorito, in luogo del figlio, un albero frondoso carico di pomi e che sotto i suoi rami molti uomini andassero a prender riposo.
Lo stesso presule di Lodève, Teodorico (per contrazione Teodrico), ne curò con la massima diligenza l'educazione. Tra le virtù, di cui il giovane crebbe adorno, si distingueva la castità, per amore della quale era solito affliggere la sua carne «fame, siti, frigore, nuditate, laboribus, vigiliis et ieiuniis».
Per questo, alla morte di Teodorico, che lo aveva ordinato sacerdote, fu chiamato dal clero e dal popolo a prenderne il posto. L’arcivescovo di Narbona confermò la scelta e lo consacrò nella basilica di san Paolo nel 949.
Messosi al lavoro, dopo aver eseguito in tutta la diocesi la sacra visita, poiché l’antica cattedrale, dedicata al martire san Genesio, era «vili schemate fabricata», ne innalzò una nuova più ampia e più bella, che dedicò, nel 975, alla presenza di tre vescovi. Contiguo ad essa costruì il monastero del Santo Salvatore, che prima sorgeva in luogo non idoneo; restaurò poi il monastero degli Apostoli, sito fuori della città, «iam pene eversum et dirutum», e, cacciati i reprobi monaci che lo abitavano, vi prepose un santo abate, suo amico.
Tra le virtù che il santo, come s’è detto, possedeva e praticava con sommo impegno, non teneva certamente l’ultimo luogo la fortezza. Un giorno, mentre la costruzione della cattedrale si avviava al suo termine, il visconte di Lodève, di nome Eldino, che governava con sistemi ingiusti e violenti ed esigeva, «ad contumeliam tanti pontificis», tributi che non gli spettavano, gli mandò un suo nunzio speciale per comunicargli il divieto di fabbricarvi a lato il campanile. Il santo, per tutta risposta, diede disposizione perché la torre fosse più alta e più forte.
Qualche volta passò anche i limiti. Allorché seppe che un vescovo dei dintorni s’era fatto giudeo, fu assalito da tanto e tale sdegno che, sebbene solo in privato, disse: «Quell’uomo dovrebbe essere bruciato». Quando apprese che il popolo aveva eseguito il suo augurio, pentitosi, fece penitenza.
Morì il 13 febbraio 1006 e fu sepolto in cattedrale, nella cappella di san Michele. Nel 1573 il suo corpo, che era stato trovato intatto in una ricognizione effettuata l'anno 1127, fu dagli Ugonotti, trascinato qua e là e diviso in piccoli pezzi. Si salvò un braccio, conservato a Lodève.
La sua festa si celebra il 13 febbraio.
 


Autore:
Pietro Burchi


Fonte:
Bibliotheca Sanctorum

______________________________
Aggiunto/modificato il 2018-02-15

___________________________________________
Translate this page (italian > english) with Google


L'Album delle Immagini
è temporaneamente
disattivato




CD immagini

Sostienici e avrai TUTTE le immagini di Santiebeati
Clicca qui per richiederlo

Home . Onomastico . Emerologico . Patronati . Diz.Nomi . Ricerca . Ultimi . Più visitati