Home . Onomastico . Emerologico . Patronati . Diz.Nomi . Ricerca . Ultimi . Più visitati


Newsletter
Per ricevere i Santi di oggi
inserisci la tua mail:

E-Mail: info@santiebeati.it


> Home > Sezione A > Beato Antonio Pavoni Condividi su Facebook Twitter

Beato Antonio Pavoni Sacerdote domenicano, martire

9 aprile

Savigliano, Cuneo, 1322/1325 - Bricherasio, Torino, 9 aprile 1374

Nacque a Savigliano (Cuneo) tra il 1322 e il 1325. Giovane ancora entrò nell’Ordine domenicano e, diventato sacerdote, venne destinato nel 1365 all’ufficio di inquisitore nelle regioni del Piemonte, Lombardia e Liguria, per salvaguardare l’integrità della fede messa in pericolo dai movimenti ereticali del tempo. Esercitò il suo ufficio con grande zelo e carità, e il 9 aprile 1374, a Bricherasio (Torino), venne ucciso con due colpi di pugnale. Il culto immemorabile reso al beato fu riconosciuto dal papa Pio IX nel 1856. La Diocesi di Pinerolo, nel cui territorio subì il martirio, celebra la sua memoria facoltativa il 9 aprile. Il calendario liturgio domenicano propone la memoria facoltativa del Beato Antonio Pavoni al 3 febbraio, unitamente ai Beati confratelli Pietro Cambiani da Ruffia e Bartolomeo Cerveri, anch'essi martiri per mano valdese. È sepolto nella chiesa domenicana di Racconigi (Cuneo).

Emblema: Palma

Martirologio Romano: A Bricherasio presso Pinerolo in Piemonte, beato Antonio Pavoni, sacerdote dell’Ordine dei Predicatori e martire, che, mentre usciva di chiesa, dove aveva appena predicato contro le eresie, fu ferocemente trucidato.


La città di Savigliano, in provincia di Cuneo, ebbe nei secoli XIV-XV un gruppo di suoi figli, domenicani che con la loro qualifica d’inquisitori, diedero lustro alla città delle loro origini; essi furono il beato Antonio Pavoni, il beato Pietro Cambiani, il beato Bartolomeo Cerveri tutti martiri e il padre Aimone Taparelli.
Il beato Antonio Pavoni vi nacque nel 1325 ed entrò nel convento domenicano locale di s. Domenico, vi sono incertezze sulla sua vita fino al 1365, quando fu nominato inquisitore generale per il Piemonte, succedendo al beato Pietro Cambiani suo concittadino.
In quell’epoca i Capitoli Generali domenicani richiedevano per questo delicato ufficio una preparazione teologica e tomista, di ubbidienza ai superiori e un adeguato zelo per l’unità della Fede. Queste qualità non mancavano a padre Antonio Pavoni, il quale si dedicò al compito arduo, tanto da porre spesso la propria vita in pericolo, la posizione geografica di Savigliano dove risiedeva, gli favoriva il rapporto con le valli di Pinerolo, centro dei seguaci della Chiesa Valdese.
Fu priore del convento per due volte nel 1368 e 1372; nel 1374, il vescovo di Torino, Giovanni Orsini gli affidò per la quaresima, una predicazione nei paesi situati all’imbocco della Val Pellice; dopo aver visitato Campiglione, Bibiana e Fenile si recò per la Pasqua a Bricherasio; nella successiva domenica in Albis 9 aprile, dopo aver celebrato la Messa e predicato in questa parrocchia, fu assalito da alcuni eretici nella piazza del paese e ucciso; tumulato a Savigliano, il suo corpo ebbe una prima traslazione nel 1468 e dal 1832 è conservato a Racconigi nella chiesa dell'Annunziat e di San Vincenzo Ferreri, meglio nota come San Domenico, attigua all'antico convento domenicano.
Fu dichiarato martire nel 1375 da papa Gregorio XI e proclamato Beato con la conferma dell’antico culto da papa Pio IX il 4 dicembre 1856. Il Martirologio Romano ricorda il suo nome al 9 aprile, anniversario della sua nascita al Cielo. L'Arcidiocesi di Torino, nel cui territorio il Beato nacque ed è sepolto, sino alla riforma liturgica seguita al Concilio Vaticano II ne faceva memoria nella medesima data, mentre ad oggi non lo si trova più nel calendario diocesano. Solo la Diocesi di Pinerolo, in cui si trova Bricherasio, ha mantenuto la memoria facoltativa del Beato al 9 aprile. Il calendario liturgio domenicano, infine, propone la memoria facoltativa del Beato Antonio Pavoni al 3 febbraio, unitamente ai Beati confratelli Pietro Cambiani da Ruffia e Bartolomeo Cerveri, anch'essi martiri per mano valdese.

PREGHIERA
O Padre, che hai dato al beato Antonio Pavonio
la forza di rischiare la propria vita
per la tua parola e la testimonianza del Vangelo,
trasformaci con la potenza del tuo Spirito,
perché diventiamo veri discepoli e testimoni del Cristo Signore.
Egli è Dio, e vive e regna con te,
nell’unità dello Spirito Santo,
per tutti i secoli dei secoli. Amen.


Autore:
Antonio Borrelli

_____________________
Aggiunto il 2017-09-27

___________________________________________
Translate this page (italian > english) with Google


L'Album delle Immagini
è temporaneamente
disattivato




CD immagini

Sostienici e avrai TUTTE le immagini di Santiebeati
Clicca qui per richiederlo

Home . Onomastico . Emerologico . Patronati . Diz.Nomi . Ricerca . Ultimi . Più visitati