Home . Onomastico . Emerologico . Patronati . Diz.Nomi . Ricerca . Ultimi . Più visitati


Newsletter
Per ricevere i Santi di oggi
inserisci la tua mail:

E-Mail: info@santiebeati.it


> Home > Sezione P > San Pomponio di Napoli Condividi su Facebook Twitter

San Pomponio di Napoli Vescovo

30 aprile

VI sec.

Martirologio Romano: A Napoli, san Pomponio, vescovo, che costruì all’interno della città una chiesa dedicata al Nome di Maria Madre di Dio e durante l’occupazione dei Goti difese dall’eresia ariana il popolo a lui affidato.


Governava la Chiesa di Napoli quasi certamente nel novembre del 536, quando i Greci di Belisario, dopo duro assedio della città, fecero strage non solo dei Goti, loro diretti nemici, ma anche di cittadini inermi e di ecclesiastici.
La cronaca dei vescovi gli assegna il ventunesimo posto e ventotto anni di governo (520-548?). Durante la dominazione gotica difese il suo gregge dall’eresia ariana, e lasciò come testimonianza della sua fede e della sua devozione mariana una superba basilica, che eresse nel centro della città probabilmente a ricordo del primo centenario del Concilio di Efeso (431). Il tempio, detto di santa Maria Maggiore e successivamente anche della Pietra Santa, subì varie trasformazioni; completamente rifatto nel 1653, rimane oggi della basilica romanica soltanto il campanile.
Durante la visita dell’arcivescovo Annibaie di Capua (1581) fu vista, sotto l’altare maggiore dell’antica chiesa, l’urna contenente i resti mortali del santo, ma nel 1743, durante la visita del cardinale arcivescovo Giuseppe Spinelli, se ne trovarono solo frammenti.
La leggenda, posteriore di circa dieci secoli e celebrata da G. Pontano e J. Sannazzaro, attribuisce al diretto intervento della Vergine l’edificazione del tempio. Pomponio avrebbe fatto ricorso alla Madre di Dio per ottenere la liberazione della città dall’incubo di un cinghiale invasato dal demonio e la Vergine, apparsagli in sogno, gli avrebbe ordinato di erigerle un tempio là dove avrebbe rinvenuto un panno di colore ceruleo. Il ricordo del favoloso episodio si celebrò fino al 1625 con i cosiddetti ludi della porchetta o porcella, che si tenevano sul sagrato del duomo nella festa di maggio del santo patrono.
La commemorazione di Pomponio era assegnata nei Calendari marmoreo, tutiniano, lotteriano e cassinese al 30 aprile, giorno della deposizione. La festa, caduta in oblio forse sulla fine del secolo XVI, fu ripristinata, con decreto della santa Congregazione dei Riti del 19 luglio 1634, al 14 maggio, data in cui è iscritta nel Martirologio Romano.


Autore:
Domenico Ambiasi


Fonte:
Bibliotheca Sanctorum

______________________________
Aggiunto/modificato il 2019-02-14

___________________________________________
Translate this page (italian > english) with Google


CD immagini

Sostienici e avrai TUTTE le immagini di Santiebeati
Clicca qui per richiederlo

Home . Onomastico . Emerologico . Patronati . Diz.Nomi . Ricerca . Ultimi . Più visitati