Home . Onomastico . Emerologico . Patronati . Diz.Nomi . Ricerca . Ultimi . Più visitati




Newsletter
Per ricevere i Santi di oggi
inserisci la tua mail:


E-Mail: info@santiebeati.it


> Home > Sezione E > Sant' Eteldreda di Ely Condividi su Facebook Twitter

Sant' Eteldreda di Ely Regina di Northumbria e Badessa

23 giugno

† Ely, Inghilterra, 679

La sua vita si svolse in gran parte della seconda metà del sec. VII, quando massimo era il fervore degli Angli, recentemente convertiti. Secondo il desiderio dei genitori, ella andò sposa al principe di Gyrvii, Tonbert, col quale tuttavia visse in perpetua continenza. Tre anni dopo il matrimonio, rimasta vedova, si ritirò nell’isola di Ely, che aveva ricevuto dal marito come dono di nozze, ed ivi per cinque anni condusse vita solitaria, trascorrendo in preghiera la maggior parte del suo tempo. Richiesta in matrimonio da Egfrido, il più giovane dei figli di Oswy, re di Northumbria, cedette a condizione che il giovane marito, appena un ragazzo, si impegnasse a rispettare la sua verginità. Questi accettò, ma in prosieguo di tempo, pentitosi, chiese al santo vescovo Wilfrìd di scioglierlo da quella che poteva essere stata una promessa sconsiderata. Dopo un periodo di contrasti, dietro consiglio di Wilfrid, Eteldreda si ritirò nel monastero di Coldingham, dove ricevette il velo dalla zia di Egfrido, s. Ebba. Terminato il noviziato, si ritirò nuovamente a Ely, fondandovi un doppio monastero, che governò fino alla morte, avvenuta nel 679.

Emblema: Collana, Due daine, Corona

Martirologio Romano: Nel monastero di Ely nell’Inghilterra orientale, santa Edeltrude, badessa: figlia del re e lei stessa regina di Northumbria, rifiutate per due volte le nozze, ricevette dal santo presule Vilfrido il velo monacale nel monastero da lei stessa fondato e che, divenuta madre di moltissime vergini, resse con il suo esempio e con i suoi consigli.


Sant’Eteldreda (Ediltrudis, Editrudis, Ethelreda, o Audrey) è una badessa vissuta nei secoli VI-VII.
Figlia di Anna, il re degli Angli orientali, era la sorella di Santa Sxsburga, Etelburga, Setrida e Witburga.
E’ una delle sante anglosassoni più popolari.
Sant’Eteldreda nacque a Exning nel Suffolk e visse nell’epoca in cui gli Angli si erano convertiti al cristianesimo.
Essendo una fanciulla nobile, regina di Northumbria, andò in sposa a Tonbert (Tomberto) princiupe di Gyrvii, il quale permise a sua moglie di rimanere vergine.
Dopo tre anni di matrimonio casto il principe morì, e Eteldreda vedova si ritirò nell’isola di Ely, che aveva ricevuto quale dono di nozze.
Nell’isola visse cinque anni in completa solitudine, trascorrendo maggior parte delle sue giornate in preghiera.
Dopo questi cinque anni, la donna venne chiesta in sposa da Egfrido, il più giovane dei figli di Oswy, re di Northumbria.
Eteldreda accettò il matrimonio a condizione che il nuovo marito rispettasse la sua verginità.
Egfrido, dopo alcuni anni, pentitosi della sua scelta, chiese al vescovo Vilfrido (Wilfrid) di sciogliere il matrimonio frutto di una promessa sconsiderata.
Etelreda, visse un periodo contrastato e su consiglio del vescovo si ritirò nel monastero di Coldingham, dove ricevette il velo da Santa Ebba, zia di Egfrido.
Terminato il noviziato Etelreda si ritirò nell’isola di Ely dove fondò un monastero doppio. Divenuta badessa, mantenne la carica fino all’anno 679 quando morì.
La tomba di Santa Eteldreda nella cattedrale di Ely, divenne meta di numerosi pellegrinaggi che continuarono fino all’epoca della Riforma.
La santa badessa era invocata contro il mal di gola e del collo e le collane, chiamate Tawdry (abbreviazione di St. Audry) acquistate nei pressi del monastero venivano portate agli ammalati per alleviarli dalle loro sofferenze.
Nel 694, e nel 1106 durante la ricognizione dei resti il suo corpo fu trovato incorrotto e deposto in una nuova tomba nella cattedrale di Ely.
Santa Eteldreda il cui emblema è una collana, due daine e una corona, nell'arte liturgica è raffigurata come una badessa, con un pastorale, un libro, un'asta o un giglio.  
La festa e la memoria per Santa Eteldreda si celebra nel giorno 23 giugno, giorno in cui si organizzava anche una processione in suo onore.


Autore:
Mauro Bonato

______________________________
Aggiunto/modificato il 2022-06-07

___________________________________________
Translate this page (italian > english) with Google

Album Immagini


Home . Onomastico . Emerologico . Patronati . Diz.Nomi . Ricerca . Ultimi . Più visitati