Home . Onomastico . Emerologico . Patronati . Diz.Nomi . Ricerca . Ultimi . Più visitati


Newsletter
Per ricevere i Santi di oggi
inserisci la tua mail:

E-Mail: info@santiebeati.it

> Home > Sezione M > Santa Maria Elena MacKillop (Maria della Croce) Condividi su Facebook Twitter

Santa Maria Elena MacKillop (Maria della Croce) Fondatrice

8 agosto

Fitzroy, Melbourne, Australia, 15 gennaio 1842 - Sidney, 8 agosto 1909

A 18 anni, nel 1860, è maestrina in una piccola città del Sud, Penola, collabora col parroco padre Julian Tenison Woods e crea con lui le prime due scuole cattoliche per l’istruzione gratuita. Trova presto un gruppo di giovani pronte a farsi maestre senza paga, e con esse dà inizio insieme a padre Woods al primo nucleo delle Suore di San Giuseppe del Sacro Cuore di Gesù, dette brevemente Giuseppine.
Nel 1868 il vescovo locale dà l’approvazione diocesana al nuovo Istituto, di cui padre Woods ha scritto la Regola. E lei, suor Maria Elena, è la Regola, quotidiana e viva; da lei tutte imparano non solo a istruire i bambini, ma ad aiutare le loro famiglie, a essere “famiglia” per i detenuti di cui nessuno si occupa. E quando si tratta di placare un condannato a morte, che vive nell’odio le sue ultime ore terrorizzando tutti, è suor Maria Elena che entra da sola in quella cella, sta col morituro, gli parla, e soprattutto lo ascolta come forse nessuno ha mai fatto. E il disperato, così, impara a sorridere anche alla morte.
La chiamano ormai Madre Mary. Il numero delle suore aumenta, i compiti pure. E anche le calunnie, le accuse pressappoco di ribellismo e sovversione, perché lei non vuole saperne di regolari contributi e sovvenzioni delle autorità. Tante ne dicono di lei, che nel 1871 il vescovo di Adelaide la scomunica, cacciando le Giuseppine dalla città. Chiariti poi i fatti, la scomunica sarà ritirata con scuse; intanto lei nel 1873 arriva a Roma, il papa Pio IX la accoglie e la incoraggia, e si avvia regolarmente la pratica per il riconoscimento canonico del suo Istituto, di cui sarà Madre generale fino alla morte.

Martirologio Romano: A Sydney in Australia, beata Maria della Croce (Maria Elena) MacKillop, vergine, che fondò la Congregazione delle Suore di San Giuseppe e del Sacro Cuore e la governò tra molteplici difficoltà e oltraggi.


Maria Elena MacKillop nacque a Fitzoroy (Australia) il 15 gennaio 1842, figlia primogenita di immigrati scozzesi, nella prima giovinezza già sentì la chiamata di Dio alla vita religiosa ma pur desiderandolo, non poté farlo fino ai 25 anni, dovendo aiutare nelle necessità la sua modesta famiglia.
Ebbe nel 1860 l’incarico di insegnante a Penola nell’odierno Stato dell’Australia Meridionale, dove incontrò padre Giuliano Tenison Woods che diventò il suo padre spirituale, divenendo poi cofondatrice con lui della Congregazione delle Suore di S. Giuseppe del Sacro Cuore di Gesù, la cui Regola venne scritta dallo stesso padre Woods, ottenendo l’approvazione canonica del vescovo locale nel 1868.
Maria Elena andò ad insegnare per quattro anni a Portland nello Stato di Vittoria per ritornare a Penola nel 1866 dove aprì una scuola cattolica per ragazzi poveri, coadiuvata da un primo gruppo di ragazze che aderirono alla sua opera di carità.
L’anno successivo 1867 aprì una seconda scuola ad Adelaide e altre ancora in breve tempo, nello stesso periodo anche le suore aumentavano di numero e l’attività si allargò così non solo alle scuole ma anche all’assistenza degli orfani, dei poveri, dei vecchi.
Ma difficoltà si presentarono in seguito a delle imprudenze dello stesso padre Woods e da cambiamenti avvenuti nella Costituzione dell’Istituto che la fondatrice Maria della Croce non accettava per niente, al punto da vedersi scomunicata dal vescovo di Adelaide, che comunque la revocò prima di morire. Nel 1873 si recò a Roma per chiedere l’approvazione dell’Istituto e sui suggerimenti ricevuti, rielaborò la Regola originaria fatta con padre Woods, il quale per questo si dissociò dalla Congregazione, rimanendo così a suor Maria della Croce tutto l’impegno delle attività e cure, affrontando dure lotte e sacrifici percorrendo immense distanze (siamo in Australia) per visitare, sostenere, aiutare le sue suore dovunque si trovassero, riuscendo ad ottenere l’approvazione nel 1888 da Leone XIII, con la disposizione di una madre generale residente a Sydney.
Debilitata nel fisico per gravi malattie, pur essendo rimasta indomita nello spirito, la madre Maria della Croce, morì l’8 agosto 1909 in Sydney e fu sepolta nella cappella della Casa-madre dell’Istituto.
Attualmente le suore di S. Giuseppe del S. Cuore di Gesù, sono il gruppo più numeroso di religiose femminili presenti in Australia, con diffusione nella Nuova Zelanda e Perù.
Papa Giovanni Paolo II l’ha beatificata il 19 gennaio 1995 a Sydney durante il suo viaggio apostolico in Oceania.
E' stata canonizzata a Roma da papa Benedetto XVI il 17 ottobre 2010.


Autore:
Antonio Borrelli

_____________________
Aggiunto il 2002-05-25

___________________________________________
Translate this page (italian > english) with Google

Album Immagini
Non vedi le immagini?
Clicca qui


CD immagini

Sostienici e avrai TUTTE le immagini di Santiebeati
Clicca qui per richiederlo

Home . Onomastico . Emerologico . Patronati . Diz.Nomi . Ricerca . Ultimi . Più visitati