Home . Onomastico . Emerologico . Patronati . Diz.Nomi . Ricerca . Ultimi . Più visitati


Newsletter
Per ricevere i Santi di oggi
inserisci la tua mail:

E-Mail: info@santiebeati.it

> Home > Sezione F > San Fiacrio (Fiacre) Condividi su Facebook Twitter

San Fiacrio (Fiacre)

30 agosto

Non si sa molto della vita di questo asceta di origine irlandese del VII secolo, che una sola fonte indica come vescovo. Nella «Vita» di Farone, vescovo di Meaux, in Francia, morto nel 670, si narra come questi donò a un uomo di nome Fefrus (il nostro santo) una proprietà nella zona del Breuil. Questi vi edificò un monastero, da cui nacque una cittadina: Saint Fiacre-en-Brie. Le reliquie di Fiacrio furono trasferite dal cenobio alla cattedrale di Meaux, dove sono tuttora. Il suo culto si estese in Francia, Belgio, Lussemburgo e Renania. È patrono degli ortolani. (Avvenire)

Patronato: Giardinieri, Ortolani, Tassisti, Malati di sifilide

Martirologio Romano: A Breuil sempre nel territorio di Meaux, san Fiacrio, eremita, che originario dell’Irlanda, condusse vita solitaria.


Un'aggiunta non anteriore al sec. X del Martirologio Geronimiano, al giorno 30 agosto riporta: "In pago Meldensi natalis s. Fiacrii, episcopi et confessoris". E' la sola fonte che menzioni il carattere episcopale di questo asceta del VII sec. di origine irlandese; gli antichi martirologi irlandesi d'altra parte ignorano completamente Fiacrio; il Martirologio di Gorman (intorno al 1170) è il primo a ricordarlo. Nel Martirologio Romano è celebrato al 30 agosto come confessore.
Non c'è dunque da meravigliarsi che si ignori quasi tutto della sua vita. La Vita di Farone, vescovo di Meaux, morto nel 670, racconta che costui diede a un sant'uomo di nome Fefrus una proprietà situata a tre miglia da Meaux nel Breuil per crearsi un monastero il quale sviluppandosi, divenne il centro di una città che prese il nome di S. Fiacre-en-Brie. Le reliquie di Fiacrio, che erano rimaste nella cappella del monastero, furono trasferite nel 1568 nella cattedraLe di Meaux, dove si conservano ancor oggi.
Il culto del santo, dapprima limitato a S.Fiacreen-Brie, frequentato luogo di pellegrinaggio, si estese in Francia (Bourges, Parigi, Bretagna, Le Puy-en-Velay) come in Belgio, nel Lussemburgo e nella Renania. Lo si invocava per la guarigionc delle emorroidi, chiamate "fic saint Fiacre" (forse per un semplice gioco di parole).
Siccome nella Vita di s. Farone è detto che il vescovo di Meaux avrebbe promesso al santo di dargli per la fondazione del suo monastero tanto terreno quanto ne poteva circoscrivere con un fosso in una giornata di lavoro, Fiacrio era venerato come patrono degli ortolani.


Autore:
Joseph-Marie Sauget


Fonte:
Bibliotheca Sanctorum

_____________________
Aggiunto il 2001-09-07

___________________________________________
Translate this page (italian > english) with Google

Album Immagini
visualizza


CD immagini

Sostienici e avrai TUTTE le immagini di Santiebeati
Clicca qui per richiederlo

Home . Onomastico . Emerologico . Patronati . Diz.Nomi . Ricerca . Ultimi . Più visitati