Home . Onomastico . Emerologico . Patronati . Diz.Nomi . Ricerca . Ultimi . Più visitati


Newsletter
Per ricevere i Santi di oggi
inserisci la tua mail:

E-Mail: info@santiebeati.it


> Home > Sezione A > Sant' Adamnano Condividi su Facebook Twitter

Sant' Adamnano Abate

23 settembre

Martirologio Romano: Nell’isola di Iona in Scozia, san Adamnano, sacerdote e abate: ottimo conoscitore delle Scritture e instancabile amante dell’unità e della pace, con la sua predicazione persuase molti sia in Scozia sia in Irlanda a celebrare la Pasqua secondo la consuetudine romana.


Nacque circa il 624 a Drumhome, nel Donegal (Irlanda), da una nobile famiglia imparentata con san Colomba, fondatore del monastero di Hy (Iona), dove ben presto anche Adamnano entrò, sotto il governo di Seghino. Distintosi per le sue virtù, nel 679 Adamnano fu eletto successore di Failbhe e divenne il nono abate di Tona. Aifrido, che alla morte del padre Oswy, re di Northumbria, era stato cacciato in esilio dall'usurpatore Ecfrido, si rifugiò presso Adamnano, e dal popolo fu soprannominato Dalta Adhamnain («alunno di Adamnano») a significare i legami di profonda amicizia che lo univano all'abate. Dopo che nel 685 Alfrido, morto Ecfrido, aveva visto riconosciuti i suoi diritti, Adamnano nel 686 fu inviato presso di lui per ottenere la restituzione di alcuni prigionieri catturati da Berct nel Meath: ricevuto con grandi onori, Adamnano riportò completo successo nella sua missione e tornò in Irlanda con sessanta compatrioti.
Nel 688, nel corso di una seconda visita ad Aifrido, Adamnano visitò numerose chiese inglesi e tra esse le abbazie di Wearmouth e di Jarrow, dove l'abate san Ceolfrido lo convinse ad adottare nella Chiesa irlandese l'uso romano per la tonsura e per la celebrazione della Pasqua. Tornato ad Hy, si prodigò, senza notevoli risultati però, per far accettare ai suoi monaci gli usi romani, ma nel 692, visitando l'Irlanda, egli riuscì a convincere il popolo a conformarsi ai precetti generali.
Nel 697 presiedette un Concilio a Birr, alla fine del quale fu promulgata la «legge degli innocenti» (Cain Adomnain, «legge di Adamnano»), volta a preservare le donne e i fanciulli dagli orrori della guerra. Nel 701 Adamnano partecipò al Concilio di Tara, in cui fu condannato un capo tribù, colpevole di un grave delitto: sentenza questa di notevole valore giuridico e sociale, stante la grande tracotanza di quei despoti locali. Nel 704, il 23 settembre, Adamnano morì nella sua abbazia, dove ebbe sepoltura.
Adamnano è patrono di Drumhome e a Raphoe si celebra un Eunan, primo vescovo di quella abbazia, da alcuni identificato con Adamnano. Venerato inoltre nelle contee di Derry e di Sligo, Adamnano gode di un popolare culto presso la Chiesa scozzese, nelle contee di Aberdeen, Banff e Forfar. Sembra che il nome Adam, tanto comune tra gli scozzesi, non sia altro che una corruzione di Adamnan (che, però, secondo Colgan, significherebbe forse «piccolo Adamo»).
Adamnano, che diede notevole impulso allo scriptorium monastico, fu buon latinista, tanto da meritarsi l'elogio di Beda: «vir bonus et sapiens», ma le sue opere sono scritte in un latino un po' rozzo. Probabilmente durante la seconda visita ad Aifrido, nel 688, Adamnano dedicò al re l'opuscolo De Locis Sanctis (ritenuto da Beda «legentibus multis utillimum»), una relazione del viaggio a Gerusalemme del vescovo franco Arculfo. L'opera, da cui Beda derivò il Situ Hierosolymae urbis atque ipsius Iudaeae, per tutto il Medioevo restò la principale fonte per la conoscenza della Terra Santa. Tra il 692 e il 697, Adamnano scrisse la Vita San Columbae in tre libri, fondandosi sulle leggende e sulle tradizioni irlandesi.
Ad Adamnano sono anche attribuite, senza molto fondamento, alcune prescrizioni ecclesiastiche: i Canones Adamnani (Mansi, XII, coli. 154 sg.). Un viaggio nell'oltretomba è l'argomento della Fis Adamnáin («la visione di Adamnano») in irlandese, ma Adamnano certamente non ne è l'autore. L'opera di Adamnano è edita nella Patrologia latina del Migne (PL, LXXXVIII, coil. 721-816) e la miglior fonte, per lo studio della sua vita, è la Historia Ecclesiastica di Beda, che, nel 688, all'età di tredici anni, vide Adamnano.
La festa di Adamnano cade il 23 settembre.


Autore:
Cuthbert Mc Grath


Fonte:
Bibliotheca Sanctorum

_____________________
Aggiunto il 2011-07-22

___________________________________________
Translate this page (italian > english) with Google


CD immagini

Sostienici e avrai TUTTE le immagini di Santiebeati
Clicca qui per richiederlo

Home . Onomastico . Emerologico . Patronati . Diz.Nomi . Ricerca . Ultimi . Più visitati