Home . Onomastico . Emerologico . Patronati . Diz.Nomi . Ricerca . Ultimi . Più visitati


Newsletter
Per ricevere i Santi di oggi
inserisci la tua mail:

E-Mail: info@santiebeati.it


> Home > Sezione L > San Luigi (Ludovico) Bertran Condividi su Facebook Twitter

San Luigi (Ludovico) Bertran Domenicano

9 ottobre

Valencia, Spagna, 1 gennaio 1526 - Valencia, Spagna, 9 ottobre 1581

Nel 1562 partì missionario per la Colombia, dove miracoli frequenti favorirono la conversione degli indios. Dal pulpito denunciò anche i soprusi dei conquistatori spagnoli: uno di essi volle attentare alla vita del santo, ma allo sparo lo schioppo si trasformò in crocifisso. Nel 1569 è di nuovo a Valenza come maestro dei novizi e poi priore. Della sua attività di consigliere prudente si avvalse anche s. Teresa d'Avila, che da lui ebbe parole di incoraggiamento e il presagio sul successo della riforma carmelitana.

Patronato: Noviziati Domenicani

Martirologio Romano: A Valencia in Spagna, san Luigi Bertrán, sacerdote dell’Ordine dei Predicatori, che insegnò il Vangelo di Cristo a varie popolazioni indigene dell’America Meridionale e le difese dagli oppressori.


Le Provincie dell’Ordine che avevano accolte volenterose l’impulso di riforma dato dal Beato Raimonda da Capua ne videro esultanti i magnifici frutti. In Spagna si proseguiva con alacrità e nel XVI° secolo uscirono dalle file dei Predicatori, santi e dotti evangelizzatori, martiri invitti. Uno dei tanti eroi è San Ludovico Bertran. A 19 anni entrò nell’Ordine nella nativa Valenza, e il santo Priore che l’accolse, Giovanni Micone, ne profetizzò la futura grandezza, dicendo che sarebbe stato un secondo S. Vincenzo Ferreri. Da Novizio fu specchio di penitenza e di orazione anche ai più provetti. A 25 anni fu nominato Maestro dei Novizi che per dieci anni guidò con ammirabile saggezza, i quali poi, quasi tutti morirono in odore di santità. Ma Ludovico bramava passare i mari come tanti suoi confratelli, per recarsi in quel Nuovo Mondo che con tante speranze si apriva alla vera fede, e un giorno, con licenza del Generale, partì. Nel 1562 fu suo campo di lavoro l’America Centrale, in particolare la Colombia, dove egli percorse a piedi le vaste regioni che comprendono l’Equatore, la Nuova Granata, le Isole dell’Arcipelago, convertendo in sette anni circa 150.000 indiani. Tornato in Patria, nel 1569, dopo si eroiche fatiche, fu ancora luce alle anime dentro e fuori il Convento, come Maestro dei Novizi, e Priore a Valenza. Colto dalla malattia, fra tante sofferenze, non faceva che ripetere quelle parole a lui tanto familiari: “Signore, qui bruciate, qui tagliate, qui non perdonate, purché mi perdoniate in eterno!”. Malgrado il fuoco che lo divorava volle morire con indosso il santo Abito di lana dell’Ordine. Era il 9 ottobre 1581. I suoi funerali furono un trionfo. Papa Clemente X il 12 aprile 1671 lo ha proclamato Santo. Papa Alessandro VIII lo ha dichiarato Patrono della Colombia. Il suo corpo è rimasto sepolto fino al 1936 nella chiesa cittadina di Santo Stefano, quando fu bruciato durante la Rivoluzione.


Autore:
Franco Mariani

______________________________
Aggiunto/modificato il 2002-04-10

___________________________________________
Translate this page (italian > english) with Google


L'Album delle Immagini
è temporaneamente
disattivato




CD immagini

Sostienici e avrai TUTTE le immagini di Santiebeati
Clicca qui per richiederlo

Home . Onomastico . Emerologico . Patronati . Diz.Nomi . Ricerca . Ultimi . Più visitati