Home . Onomastico . Emerologico . Patronati . Diz.Nomi . Ricerca . Ultimi . Più visitati


Newsletter
Per ricevere i Santi di oggi
inserisci la tua mail:

E-Mail: info@santiebeati.it

> Home > Sezione G > San Giudoco (Giudioco) di Piccardia Condividi su Facebook Twitter

San Giudoco (Giudioco) di Piccardia Prete ed eremita

13 dicembre

m. 13 dicembre 669

Nato in Bretagna all'inizio del VII secolo compý gli studi presso i monaci di Lan Mae-Imon. Divenne tra il 636 e 637 cappellano di Aimone del duca di Pointhieu. Sette anni dopo decise di condurre una vita eremitica, cambiando di volta in volta i luoghi di soggiorno, sostando per un lungo periodo a Ruinac. Costruý nei pressi della futura abbazia di Saint'-JossÚ-sur-mer due piccoli oratori in legno, l'uno in onore di San Pietro e l'altro in onore di San Paolo. Morý il 13 dicembre 669. I suoi resti furono deposti nella chiesa del suo eremitaggio fino al 903, data in cui per timore dei Normanni furono trasportati in Inghilterra. (Avvenire)

Martirologio Romano: Nella Neustria settentrionale, ora in Francia, san Giudoco, sacerdote ed eremita, che, figlio di Giutaele, re della Bretagna, e fratello di san Giudicaele, per non essere costretto a succedere al padre, lasci˛ la patria e si ritir˛ a vita eremitica.


Il nome di questo santo conosce forme differenti secondo le regioni e i paesi. Il suo nome latino Ŕ Iudocus. In Bretagna Ŕ chiamato Judoce o anche Huec o Judec o Uzec. Il suo nome francese tradizionale Ŕ Josse. In Germania e nei paesi circonvicini si trovano le forme Jobst o Jodok o Judok.
Quasi tutte le nostre informazioni su questo santo provengono da una Vita anonima composta nel sec. IX. Nel sec. XI questa narrazione fu ripresa e ampliata da Isembardo di Fleury e da Florenzio abate di Saint-Josse.
Nato in Bretagna all'inizio del sec. VII, Giudoco era il secondo figlio di Giutaele, re della Domnonea, che gli fece compiere dei buoni studi presso i monaci di Lan-Mae-lmon, vicino a Dinan. Fatto adulto, dopo aver rinunciato alla corona che gli offriva il fratello maggiore Giudicaele, allora in difficoltÓ col re Dagoberto I, partÝ per Roma, nel 636 o 637, con un gruppo di undici pellegrini. Appena ebbero attraversato il Cousnon, piccolo fiume che separa la Bretagna dalla Normandia, Giudoco domand˛ ai suoi compagni di tonsurarlo per mostrare chiaramente la sua appartenenza definitiva a Dio.
Dopo essersi fermati ad Avranches, poi a Chartres, i dodici pellegrini arrivarono a Parigi, dove trascorsero parecchi giorni. Di lÓ invece di prendere direttamente la strada d'Italia, risalirono verso il nord, fecero sosta ad Amiens, infine arrivarono sulle rive dell'Authie, in un luogo chiamato Villa sancii Petri, che si deve senza dubbio identificare con Dompierre-sur-Authie, presso CrÚcy (Somme). Essi furono accolti da Aimone, duca di Ponthieu, che divenne cosÝ amico di Giudoco, al punto di non volerlo lasciar partire quando gli altri pellegrini si rimisero in cammino e, chiesto al vescovo di Amiens di ordinarlo prete, lo tenne presso di sÚ come cappellano.
Dopo sette anni, Giudoco preg˛ Aimone di lasciarlo libero e di indicargli un luogo tranquillo dove poter condurre vita eremitica come desiderava. Il duca lo guid˛ sulle rive dell'Authie, in un luogo chiamato Brahic, il cui nome sembra conservato in quello dei due villaggi di Raye e di Labroye. Come molti eremiti Giudoco cambi˛ pi˙ volte il luogo del ritiro: dopo otto anni passati a Brahic si stabilÝ a Runiac, sulle rive della Canche, dove Aimone fece innalzare per lui una cappella dedicata a s. Martino. Tredici anni pi˙ tardi l'eremita essendo stato morso al piede da un serpente in cui credette di riconoscere il diavolo, lasci˛ Runiac e and˛ a risiedere su una collina prossima al mare, lÓ dove si leverÓ un giorno l'abbazia di Saint-JossÚ-sur-mer. Quivi costruÝ due piccoli oratori in legno, l'uno in onore di s. Pietro, l'altro di s. Paolo.
Realizz˛ infine il progetto che gli aveva fatto lasciare la sua Bretagna compiendo allora il pellegrinaggio a Roma, sul quale per˛ non possediamo disgraziatamente nessuna notizia sicura. MorÝ qualche anno dopo il suo ritorno, un 13 dicembre. La data del 669, sovente indicata come quella della sua morte, non Ŕ attestata da alcun documento. I suoi resti furono deposti nella chiesa del suo eremitaggio e vi restarono fino al 903, data in cui per timore dei Normanni furono trasportati in Inghilterra, ad Hyde, presso Winchester.


Autore:
Philippe Rouillard

_____________________
Aggiunto il 2002-06-22

___________________________________________
Translate this page (italian > english) with Google

Album Immagini
Non vedi le immagini?
Clicca qui


CD immagini

Sostienici e avrai TUTTE le immagini di Santiebeati
Clicca qui per richiederlo

Home . Onomastico . Emerologico . Patronati . Diz.Nomi . Ricerca . Ultimi . Più visitati