Home . Onomastico . Emerologico . Patronati . Diz.Nomi . Ricerca . Ultimi . Più visitati


Newsletter
Per ricevere i Santi di oggi
inserisci la tua mail:

E-Mail: info@santiebeati.it


> Home > Sezione Cardinali elettori > Card. Giovanni Battista Re Condividi su Facebook Twitter

Card. Giovanni Battista Re

Cardinale elettore

1934 -

Il cardinale Giovanni Battista Re, Prefetto della Congregazione per i Vescovi e Presidente della Pontificia Commissione per l'America Latina, è nato a Borno (Brescia) il 30 gennaio 1934. Ordinato sacerdote il 3 marzo 1957, il 1° luglio 1963 è stato destinato alla Nunziatura Apostolica in Panama. Il 9 ottobre 1987 promosso Segretario della congregazione per i vescovi, ha ricevuto l'ordinazione episcopale il 7 novembre dello stesso anno, come arcivescovo titolare di Vescovìo. Dopo due anni, è stato nominato sostituto per gli Affari generali della segreteria di stato. Da Giovanni Paolo II creato e pubblicato cardinale nel concistoro del 21 febbraio 2001, del titolo dei Santi XII Apostoli. Elevato all'ordine dei vescovi del titolo della Chiesa suburbicaria di Sabina Poggio-Mirteto (1 ottobre 2002).


Il Cardinale Giovanni Battista Re, Prefetto della Congregazione per i Vescovi e Presidente della Pontificia Commissione per l'America Latina (fino alla morte di Giovanni Paolo II, ndr), è nato a Borno (Brescia, Italia) il 30 gennaio 1934.

Proviene da una famiglia semplice della Val Camonica che dagli archivi comunali risulta essere a Borno dal 1630. È stata sempre una famiglia di contadini. Però il padre del Cardinale, che è ancora vivente ed ha 92 anni, è falegname. Il Cardinale ha un fratello e cinque sorelle, una delle quali è religiosa canossiana.

Entrato nel Seminario di Brescia all'età di undici anni, nel 1945, subito dopo la Seconda Guerra Mondiale, vi compì gli studi medi e superiori e frequentò i corsi filosofici e teologici. Fu ordinato sacerdote dal Vescovo di Brescia, Mons. Giacinto Tredici, il 3 marzo 1957.

Nell'ottobre successivo il suo Vescovo lo inviò a Roma per perfezionare gli studi, nella prospettiva di affidargli l'incarico di insegnante nel Seminario diocesano. Fu così alunno del Pontificio Seminario Lombardo per tre anni e frequentò la Pontificia Università Gregoriana, dove conseguì la laurea in Diritto Canonico.

Dall'ottobre 1960 e per tutto il 1961, fu docente nel Seminario di Brescia e, contemporaneamente, esercitò il ministero pastorale, come Vicario Cooperatore, nella parrocchia di san Benedetto, nella periferia bresciana.

Chiamato al servizio della Santa Sede, frequentò i corsi della Pontificia Accademia Ecclesiastica e il 1° luglio 1963 fu destinato come «Addetto» alla Nunziatura Apostolica in Panama.

Nel 1967 fu trasferito alla Rappresentanza Pontificia in Iran, dove rimase fino al gennaio del 1971, quando fu chiamato a prestare la sua opera presso la Segreteria di Stato, come Segretario particolare dell'allora Sostituto, Mons. Giovanni Benelli.

Il 12 dicembre 1979 il Santo Padre Giovanni Paolo II lo nominò Assessore della Segreteria di Stato.

Il 9 ottobre 1987 fu promosso Segretario della Congregazione per i Vescovi e ricevette l'ordinazione episcopale dalle mani del Santo Padre, nella Basilica Vaticana, il 7 novembre dello stesso anno, come Arcivescovo titolare di Vescovìo. Contemporaneamente è stato anche Segretario del Collegio Cardinalizio.

Dopo due anni, fu nominato Sostituto per gli Affari Generali della Segreteria di Stato. Con gli undici anni passati come Sostituto e gli altri che ha vissuto in Segreteria di Stato, assommano a ventotto gli anni in cui ha lavorato in tale Ufficio. Ha così potuto acquisire un'ampia conoscenza della vita della vita della Chiesa e delle problematiche del mondo.

Il 16 settembre 2000 è stato nominato Prefetto della Congregazione per i Vescovi e Presidente della Pontificia Commissione per l'America Latina.

La sua collaborazione con il Papa, nel corso di tutto il Pontificato di Giovanni Paolo II, è stata continua. Come Sostituto della Segreteria di Stato, egli ha anche accompagnato il Santo Padre in numerosi viaggi apostolici in Italia e all'estero.

In occasione della breve visita a Borno, il 19 luglio 1998, il Papa nel salutare la popolazione prima della recita dell'Angelus, si rivolse a lui chiamandolo «mio stretto, carissimo e fedelissimo Collaboratore».

Quando fu ordinato Vescovo, scelse il motto « Virtus ex alto », che ricorda la necessità dell'aiuto che viene dall'alto per poter realizzare qualche cosa di valido. Lo scelse in omaggio al Cardinale Benelli, il quale, a sua volta, lo aveva fatto proprio perché era il motto del Cardinale Elia Dalla Costa, Arcivescovo di Firenze, che lo aveva ordinato sacerdote.

Presidente Delegato per la 10ª Assemblea Generale Ordinaria del Sinodo dei Vescovi (ottobre 2001).

Da Giovanni Paolo II creato e pubblicato Cardinale nel Concistoro del 21 febbraio 2001, del Titolo dei Santi XII Apostoli. Elevato all'ordine dei Vescovi del titolo della Chiesa Suburbicaria di Sabina Poggio-Mirteto (1 ottobre 2002).
È membro:
- del Consiglio della II Sezione della Segreteria di Stato;
- della Congregazione per la Dottrina della Fede;
- della Pontificia Commissione per lo Stato della Città del Vaticano.


Fonte:
Zenit (aggiornata al 18.03.2004)

_____________________
Aggiunto il 2005-04-18

___________________________________________
Translate this page (italian > english) with Google


L'Album delle Immagini
è temporaneamente
disattivato




CD immagini

Sostienici e avrai TUTTE le immagini di Santiebeati
Clicca qui per richiederlo

Home . Onomastico . Emerologico . Patronati . Diz.Nomi . Ricerca . Ultimi . Più visitati