Home . Onomastico . Emerologico . Patronati . Diz.Nomi . Ricerca . Ultimi . Più visitati


Newsletter
Per ricevere i Santi di oggi
inserisci la tua mail:

E-Mail: info@santiebeati.it


> Home > Sezione M > Santa Maria de Mattias Condividi su Facebook Twitter

Santa Maria de Mattias Fondatrice

20 agosto

Vallecorsa, Frosinone, 4 febbraio 1805 - Roma, 20 agosto 1866

Maria de Mattias nacque il 4 febbraio 1805 a Vallecorsa, provincia di Frosinone, ultimo paese dello Stato Pontificio. Figlia di una famiglia benestante trascorse fino all'età di 17 anni un'esistenza tranquilla, senza particolari tribolazioni. Ma nel 1822 all'età di 17 anni attraverso l'incontro con san Gaspare del Bufalo, mentre predicava a Vallecorsa, avvenne la vera conversione di vita di Maria de Mattias. Il 4 marzo 1834, sotto la guida di un compagno di san Gaspare, il venerabile don Giovanni Merlini, fondò la Congregazione delle Suore Adoratrici del Sangue di Cristo. Il suo impegno si spese a favore dell'istruzione e delle catechesi dei giovani e delle mamme. Morì in concetto di santità a Roma il 20 agosto 1866.

Martirologio Romano: A Roma, santa Maria de Mattias, vergine, fondatrice della Congregazione delle Suore dell’Adorazione del Preziosissimo Sangue di Cristo.


E’ solare, impetuosa, vivacissima. E forse anche un po’ vanitosa, visto che le piace specchiarsi spesso e a lungo. Un giorno, però, a 17 anni, lo specchio non le dà più la gradevole sensazione delle volte precedenti: improvvisamente si sente brutta, non si piace più. Sente ribollire dentro un sacco di domande cui non sa dare risposta, il suo avvenire continua ad essere una grossa incognita, reclama una maggior libertà che i genitori (siamo a inizio Ottocento) non le vogliono dare. La tentazione è di scagliare contro quello specchio il primo oggetto pesante a portata di mano, ma all’improvviso la sua attenzione è attirata da un’immagine che lo specchio riflette: il quadro della Madonna, da un sacco di tempo in capo al letto cui lei non ha mai fatto troppa attenzione. Salta sul letto per osservarlo meglio ed è un “incontro ravvicinato” con la Madonna che le cambia la vita. Questa ciociara (nata a Vallecorsa, vicino a Frosinone, il 4 febbraio 1805) ha in suo papà un educatore eccezionale, che le insegna a pregare e ad amare la Sacra Scrittura. E’ lui a farle cogliere, quando è appena adolescente, il significato profondo dell’Agnello pasquale, come simbologia di Gesù che viene condotto alla morte e versa il suo sangue per la salvezza degli uomini. E la ragazzina ci ragiona su, concludendo che anche lei deve spendersi completamente, se necessario anche fino allo spargimento del sangue, per portare Gesù a tutti. Poi arriva una predica di don Gaspare del Bufalo (il futuro santo e fondatore dei missionari del Preziosissimo Sangue) a farla innamorare perdutamente di Gesù, al punto da trasformarla in predicatrice e missionaria. Non però in Africa,come aveva sognato da bambina, ma nella sua Ciociaria, in mezzo ai pastori, ai quali insegna a leggere, a scrivere ma soprattutto ad amare Gesù. Ad Acuto, una paesello di montagna non lontano da Roma, incomincia a predicare e catechizzare, in piazza e in chiesa, entusiasmando tutti e preoccupando qualcuno, tanto che il vescovo manda un gesuita in incognito a controllare la situazione, ma questo conclude che quella donna “parla meglio di un prete”. Si sposta a dorso di mulo da un paese all’altro, andando dietro alle richieste e alle necessità dei luoghi. E dove non può arrivare di persona spedisce lettere (quasi 2000): alla gente semplice, ma anche a preti e vescovi, sindaci e prefetti, per consigliare, educare, proporre e spronare. Con alcune compagne dà inizio alla Congregazione delle Adoratrici del Sangue di Cristo: insieme a lei dovranno dedicarsi all’evangelizzazione e alla promozione della persona umana attraverso scuole, ritiri spirituali, catechesi, accoglienza dei più poveri. Oggi sono più di 2000, sparse in tutti i continenti e in 26 nazioni. Muore a Roma, poco più che sessantenne, nel 1866 e nel 1950 Pio XII la dichiara beata. Nel 2003 Giovanni Paolo II° proclama santa Maria de Mattias, la suora che voleva spendersi completamente per il “caro prossimo” e che sognava di far conoscere Gesù a tutti, “perché Egli sia da tutti amato”.

Autore: Gianpiero Pettiti

 


 

Nacque in Vallecorsa (FR), il 4 febbraio 1805. In famiglia, soprattutto da suo padre, imparò non solo a pregare, ma anche ad amare la Sacra Scrittura, ciò che favorì la sua disponibilità all'azione dello Spirito.

La sana teologia, l'esperienza mistica e la sapienza nella vita quotidiana - rispecchiata nelle migliaia di lettere scritte di suo pugno - provano quanto l'umano e il divino si fossero fusi in lei: una donna tutta di Dio e tutta per il “caro prossimo”.

Ispirata da San Gaspare del Bufalo, Fondatore dei Missionari del Prez.mo Sangue, nel 1834 fondò la Congregazione delle Adoratrici del Sangue di Cristo, in Acuto, piccolo paese di montagna vicino Roma. Scopo della fondazione era perpetuare l'adorazione a Cristo crocifisso e risorto, e la collaborazione con lui all'opera della salvezza.

Maria rispose alla chiamata di Dio con la radicalità dei santi. Beate noi - scrisse alle prime discepole - se potremo dare la vita e tutto il nostro sangue per la fede, per salvare anche un'anima sola”.

Scelse come mezzo l'evangelizzazione e la promozione della persona umana, soprattutto dei poveri. Volle concretizzare il bell'ordine di cose che il gran Figlio di Dio, è venuto a stabilire in terra con il suo sangue”.

Per circa quaranta anni ebbe come guida spirituale il Venerabile Giovanni Merlini, C.PP.S, che la sostenne anche nell'Opera intrapresa, e fu il suo primo biografo.

Morì a Roma il 20 agosto 1866.

Il primo ottobre 1950 Pio XII la dichiarò Beata.

E' stata canonizzata da papa Giovanni Paolo II a Roma il 18 maggio 2003.

Le sue spoglie si venerano nella chiesa del Preziosissimo Sangue annessa alla casa generalizia del suo Istituto, in Roma.

Oggi circa 2.000 Adoratrici lavorano in tutti i continenti, in 26 nazioni: Albania, Argentina, Australia, Austria, Belgio, Bolivia, Bosnia, Brasile, Colombia, Corea, Croazia, Filippine, Germania, Guatemala, Guinea Bissau, India, Italia, Liechtenstein, Polonia, Serbia, Siberia, Spagna, Svizzera, Tanzania, Ucraina, USA.


Autore:
Suore Adoratrici del Sangue di Cristo

______________________________
Aggiunto/modificato il 2007-05-15

___________________________________________
Translate this page (italian > english) with Google


L'Album delle Immagini
è temporaneamente
disattivato




CD immagini

Sostienici e avrai TUTTE le immagini di Santiebeati
Clicca qui per richiederlo

Home . Onomastico . Emerologico . Patronati . Diz.Nomi . Ricerca . Ultimi . Più visitati