Home . Onomastico . Emerologico . Patronati . Diz.Nomi . Ricerca . Ultimi . Più visitati


Newsletter
Per ricevere i Santi di oggi
inserisci la tua mail:

E-Mail: info@santiebeati.it


> Home > Sezione E > Beata Eusebia Palomino Yenes Condividi su Facebook Twitter

Beata Eusebia Palomino Yenes Religiosa

10 febbraio

Cantalpino (Salamanca, Spagna), 15 dicembre 1899 - 10 febbraio 1933

Spagnola, nacque e visse nella umiltà. Nella prima giovinezza fu a servizio di diverse famiglie. Entrata nella Congregazione delle Figlie di Maria Ausiliatrice, venne addetta al cucina e ad altri lavori casalinghi. Contemporaneamente svolse un fruttuoso apostolato tra la gioventù. Nel 1931, prevedendo la guerra civile spagnola, si offrì vittima al Signore, che la chiamò a sé dopo lunga malattia. Il decreto sulle virtù eroiche è stato promulgato nel 1996.

Martirologio Romano: A Valverde del Camino presso Huelva nell’Andalusia in Spagna, beata Eusebia Palomino Yenes, vergine dell’Istituto delle Figlie di Maria Ausiliatrice, che offrendo un insigne esempio di umiltà, senza alcuna ostentazione, ma con spirito di abnegazione raggiunse nei lavori più umili i vertici della grazia.


Ho scritto il profilo di diversi santi o di candidati alla santità, ma i miei prediletti sono i “piccoli”, gli umili, quelli che hanno patito e che sono stati considerati dei buoni a nulla, da coloro che la sanno lunga. Penso a S. Bernardette Soubirous, a S. Teresina di Lisieux, al Suddiacono Girard, al piccolo (grandissimo!) Silvio Dissegna (1967-1979) di 12 anni, la cui causa di beatificazione ora procede a Roma.
Dio è il primo a prediligerli. È il suo stile: Dio sceglie quelli che sono nulla per confondere i forti (1 Cor 1,27). Una di questi piccoli è quella che stiamo per presentare.

Nata in un tugurio
Spagna, Cantalpino, un povero paese di contadini e di pastori. Nel 1899, in una famiglia poverissima, cui mancava spesso il pane, nasce Eusebia Palomino. La sua casetta – l’ho vista in una foto – è uno squallido tugurio, più povera dell’abitazione di Giovannino Bosco ai Becchi di Castelnuovo d’Asti.
Eppure Eusebia e i suoi familiari sono sereni, persino felici: mentre la mamma prepara la frugale cena, papà spiega il catechismo alle bambine. Pregano insieme il Signore e la Madonna. Vivono nell’abbandono fiducioso in Dio: Lui sa che ci sono pur loro al mondo.
A sei anni, Eusebia comincia a frequentare le prime classi elementari del villaggio. Sovente a scuola non è preparata, anche perché è spesso assente: i suoi hanno bisogno di lei nei lavori. Ma è intelligente e sa tante cose che le compagne più fortunate non sanno.
Non ancora decenne, un giorno segue il papà che lascia la casa e va a chiedere l’elemosina per sopravvivere nei paesi dove non è conosciuto. Per strada, Eusebia canta, prega la Madonna, come si parla con la mamma. Ritorna a Cantalpino e trova lavoro come “baby sitter” e domestica.
Il primo incontro con Gesù nella Comunione la rapisce di felicità. Possiede Lui, è posseduta da Lui. Per vivere fa anche la pastorella: le affidano pecore, mucche, vitellini cui accudire. È grande la pace nei pascoli: Eusebia, in silenzio, prega il dolce Ospite della sua anima.

Serva di Gesù Servo
Ma la povertà e la miseria sono sempre grandi. Così verso i 13 anni, trova lavoro a Salamanca. Il distacco dai suoi è doloroso. È assunta come serva in una casa di signori: come “criada”, cioè serva tutto-fare. Un’esperienza nuova che non la intimidisce.
Quando va a far la spesa, per strada avvicina i poveri e dà loro il poco che possiede. Non riesce a tenersi dal fermarsi con i bambini per parlare loro di Gesù, della Madonna, del loro amore per noi. I soldati che incontra, soli, spesso sbandati, le fanno tenerezza: con una semplicità disarmante, da vera bambina, dà loro una medaglietta della Madonna, ricorda loro i doveri cristiani. Quelli la guardano, la ascoltano incantati. Forse è un angelo disceso dal cielo?
Vede che le altre ragazze vanno a divertirsi: i balli, le compagnie rumorose. Prova il desiderio di fare le stesse cose, ma una Voce interiore le dice: “Questo non è per te”. Da fanciulla aveva avuto dei sogni e ora continua a averli. Una notte aveva sognato Gesù Crocifisso: le sue piaghe erano splendide e illuminavano il mondo. Un’altra volta sogna la Madonna con tanta gente ai suoi piedi. Poco tempo dopo, incontra una ragazza che la invita all’oratorio tenuto dalle Figlie di Maria Ausiliatrice.
Eusebia va, scopre un mondo nuovo: le pare d’essere nata proprio per vivere in quel mondo. Le Salesiane la assumono come collaboratrice, per lavorare in cucina, nell’orto, dove c’è da sfaccendare. Notano che ha qualcosa di eccezionale, sotto i suoi modi dimessi e schivi.
Le alunne dell’oratorio, dopo qualche giorno, fanno amicizia con Eusebia: è giovane come loro, parla con dolcezza, con una naturalezza da stupire. In breve tutte la cercano e commentano: “Dice cose meravigliose sulla Madonna”. Le ragazze vorrebbero stare sempre con lei. Ha su di loro un ascendente straordinario.
Un giorno passa l’Ispettore (il superiore della “provincia”salesiana) e le dice: “Tu vuoi diventare Figlia di Maria Ausiliatrice?”. Eusebia risponde: “Sì”. Non aveva mai avuto altro desiderio. Il 31 gennaio 1921, inizia il suo cammino formativo come postulante. Continua a lavorare come tuttofare. È un’innamorata di Gesù. I suoi scritti traboccano di espressioni ardenti. Davanti al tabernacolo, esclama: “Adiòs, mio Prigioniero, che te ne stai lì, pazzo di amore per me. Perché non mi fai tua prigioniera e pazza di amore per Te?”.
Il 5 maggio 1922, veste l’abito religioso: è novizia. Incarico: ortolana, con tutte le mansioni che capitano. È devotissima della Madonna e si fa sua “schiava d’amore” secondo l’insegnamento di S. Luigi de Montfort. Ama “il rosario delle Sante Piaghe” rivelato da Gesù stesso all’umile visitandina suor Marta Chambon.
Alla vigilia dei voti, si ammala gravemente e non è ammessa alla professione. Quando sta per essere rimandata a casa, le superiore la ammettono ai voti. Diventata finalmente Figlia di Maria Ausiliatrice, spiega: “Facciamoci sante, il resto è solo perder tempo”. Vive da serva, come Gesù, Servo di Dio, con un “sì” pieno, totale.

I fioretti di suor Eusebia
È destinata alla casa salesiana di Valverde del Camino. È l’agosto del 1924. Gli incarichi sono ancora quelli di un’umile “criada”: cucina, orto, guardaroba, qualche volta in oratorio. Ha un temperamento forte, ma è umile, dolcissima, mortificata, sempre pronta a spezzarsi dalla fatica. L’intimità con Gesù è sempre più profonda. Trova Dio dappertutto: nella preghiera, nella natura, nelle bambine che vengono all’oratorio. Vive alla sua presenza ma diventa estatica davanti al Tabernacolo, soprattutto quando Gesù Eucaristico è esposto solennemente sull’altare.
Le fanciulle la ascoltano e non si staccherebbero mai da lei: ella parla loro di Gesù Crocifisso, della Madonna, delle missioni, del Paradiso. Tutte la vogliono e la cercano e sentono in lei il fascino della santità. Uno dopo l’altro succedono tanti piccoli grandi episodi che stupiscono. Un giorno, tranquillizza con dati precisi e sconcertanti una madre che ha il figlio in guerra in Marocco. Un’altra volta fa scaturire l’acqua da un pozzo asciutto; un altro giorno, “non permette” che piova su una povera casa in costruzione, perché il proprietario non sia danneggiato. Un’altra volta, trova uova nel pollaio quando le altre suore, un istante prima, non ne avevano trovato neppure uno.
È sempre più innamorata della Madonna – che invoca con i titoli di Immacolata e di Ausiliatrice, come don Bosco, e diffonde, senza tregua la “schiavitù” d’amore a Lei, come aveva insegnato il Montfort. A Valverde, a Cantalupo, in altri paesi che riesce a raggiungere, moltissimi fanno “la consacrazione” alla Madonna. Così diffonde, per la salvezza della Spagna, alla vigilia della terribile rivoluzione comunista, il “rosario delle sante Piaghe di Gesù”.
Nel 1930, suor Eusebia emette i suoi voti perpetui. Invitata dalla maestra delle novizie, tiene uno stupendo discorso sull’amore di Dio. Chi l’ascolta, non comprende da dove possa venire quella sua sapienza così semplice e alta. A Valverde, molti, compresi sacerdoti e seminaristi, vengono a consigliarsi con lei su cose importanti, decisive. Intanto la rivoluzione avanza: bruciano i conventi, sacerdoti e credenti hanno vita sempre più grama.
Illuminata da Dio, suor Eusebia vede nel futuro e parla chiaro: “Ci saranno dei martiri”. Le sue profezie si avvereranno tutte. Si offre vittima per la salvezza della Spagna. Qualche tempo dopo, si ammala. Tutti la vogliono vedere: attorno al suo letto giungono i sacerdoti, i seminaristi, i bambini con le mamme. È serena, abbandonata al Signore, anche se comprende che verranno fatti terribili: “Ora il re dovrà andarsene. Ma tornerà e si chiamerà Juan Carlos”. La storia, 40 anni dopo, le darà ragione.
Il 10 febbraio 1935, suor Eusebia, a soli 36 anni, va incontro a Dio. “Durante la mia sepoltura – aveva detto – le campane suoneranno a gloria”. Capita così che all’uscita dalla chiesa, le campane da sole si mettono a suonare l’alleluja pasquale. Presto si parla di grazie e di miracoli.
Ma il miracolo più bello è lei, la piccola povera “mendicante” di Cantalpino, diventata un capolavoro dell’amore di Dio. Oggi attende la gloria degli altari: “Dio ha deposto i potenti dai troni e ha innalzato gli umili”.
La Famiglia Salesiana ne fa memoria il giorno precedente, il 9 febbraio.


Autore:
Paolo Risso

_____________________
Aggiunto il 2007-09-27

___________________________________________
Translate this page (italian > english) with Google


L'Album delle Immagini
è temporaneamente
disattivato




CD immagini

Sostienici e avrai TUTTE le immagini di Santiebeati
Clicca qui per richiederlo

Home . Onomastico . Emerologico . Patronati . Diz.Nomi . Ricerca . Ultimi . Più visitati