Home . Onomastico . Emerologico . Patronati . Diz.Nomi . Ricerca . Ultimi . Più visitati


Newsletter
Per ricevere i Santi di oggi
inserisci la tua mail:

E-Mail: info@santiebeati.it


> Home > Sezione G > Beato Guglielmo da Tolosa Condividi su Facebook Twitter

Beato Guglielmo da Tolosa

18 maggio

m. Tolosa, 18 maggio 1369

Il beato Guglielmo nacque a Toulouse, in Francia, verso l’anno 1297 ed entrò nell’Ordine agostiniano a circa 19 anni di età. Compiuti gli studi a Parigi, trascorse la maggior parte della sua vita a Tolosa. Di sentimenti assai delicati, buon predicatore, attirò molte persone alla vita religiosa. Amante della povertà, si dimostrò tenerissimo verso i poveri. Coltivò la mortificazione, ma la caratteristica della sua vita fu la preghiera, tanto che «pregare o contemplare o parlare di Dio» costituiva la sua attività preferita. Morì il 18 maggio 1369. Il papa Leone XIII confermò il suo culto nel 1893. Il beato Guglielmo ci indica la via per vivere continuamente alla presenza di Dio.

Martirologio Romano: A Tolosa sulla Garonna in Francia, beato Guglielmo, sacerdote dell’Ordine degli Eremiti di Sant’Agostino.


Il primo autore che scrisse sulla vita e sulla devozione verso il B. Guglielmo fu il suo concittadino Nicola Bertran nel De Tholosanorum gestis stampato nel 1515, dove raccolse tradizioni tolosane e molto probabilmente qualche relazione scritta.
Secondo questa fonte, Guglielmo nacque a Tolosa in Francia intorno al 1297 in seno a una nobile famiglia e all'età di diciannove anni entrò tra gli Agostiniani della sua città natale. Inviato a Parigi per proseguire gli studi, ottenne il titolo di Lettore in teologia. Al ritorno nella sua provincia di origine, venne incaricato della predicazione e presto ottenne grande fama come oratore, direttore di anime, conoscitore dei cuori e promotore della devozione alle anime del purgatorio.
La Vita riporta che la sua attività preferita era “pregare o contemplare o parlare di Dio”; descrive il suo zelo, i suoi digiuni rigorosi e i combattimenti col demonio, di persona e in qualità di esorcista. Riferisce anche grandi e svariati miracoli compiuti prima e dopo la morte.
Eccetto un breve periodo in cui fu Priore del convento di Pamiers, sembra che la maggior parte della sua vita dopo il rientro dallo studio parigino si sia svolta nel convento tolosano nel quartiere di Saint’Etienne, dove in quei giorni, esattamente nel 1341, venne celebrato il Capitolo Generale dell'Ordine di s. Agostino.
Ritenuto da tutti santo morì a Tolosa il 18 maggio 1369.
Fu sepolto nel cimitero conventuale, come si era soliti fare, ma pochi giorni più tardi, considerata la venerazione del popolo, memore delle sue virtù e riconoscente per le grazie ottenute tramite la sua intercessione, fu necessario trasferirlo all'interno della chiesa in un luogo più degno e accessibile alla devozione dei fedeli.
Leone XIII ne confermò il culto nel 1893.
La sua memoria liturgica ricorre il 18 maggio.


Autore:
P. Bruno Silvestrini O.S.A.

_____________________
Aggiunto il 2001-07-18

___________________________________________
Translate this page (italian > english) with Google


L'Album delle Immagini
è temporaneamente
disattivato




CD immagini

Sostienici e avrai TUTTE le immagini di Santiebeati
Clicca qui per richiederlo

Home . Onomastico . Emerologico . Patronati . Diz.Nomi . Ricerca . Ultimi . Più visitati