Home . Onomastico . Emerologico . Patronati . Diz.Nomi . Ricerca . Ultimi . Più visitati


Newsletter
Per ricevere i Santi di oggi
inserisci la tua mail:

E-Mail: info@santiebeati.it


> Home > Sezione A > Sant' Allucio di Campugliano in Valdinievole Condividi su Facebook Twitter

Sant' Allucio di Campugliano in Valdinievole Confessore

23 ottobre

m. 1134

Patronato: Pescia (PT)

Etimologia: Allucio = nutrito di luce, antico nome medioevale

Martirologio Romano: A Campugliano in Valdinievole in Toscana, sant’Allucio, che, vero uomo di pace, protesse i poveri e i pellegrini e liberò i prigionieri.


Poche zone della Toscana possono vantare l'amabilità alacre e la riposante bellezza della Val di Nievole, tra Montecatini e Lucca, e poche città possono assommare, come Pescia, centro della Val di Nievole, ricordi storici e operosità pratica, bellezze naturali e artistiche e sapiente fervore di vita e opere civili.
Sant'Allucio è il Santo di Pescia, e le sue reliquie sono accolte nella bella cattedrale della città. Ed è un Santo che ben incarna le caratteristiche di una terra e di un popolo, perché fu strenuo senza essere rigido; ascetico senza essere astratto; votato alla contemplazione, ma anche pronto all'azione; di profonda pietà, ma anche di ardente carità.
Egli era nato, nell'XI secolo, a Campugliano, in Val di Nievole, da famiglia contadina. Ragazzo, custodiva gli armenti, quando si fece notare per insoliti episodi che testimoniavano la sua non comune tempra spirituale.
Cresciuto d'anni, venne affidato alla sua operosa pietà l'ospizio di Campugliano, praticamente in rovina. Allucio lo riportò ad un'ammirabile efficienza di bene, aiutato da alcuni compagni ricchi come lui di zelo di carità, detti poi Fratelli di Sant'Allucio.
Per assistere meglio i poveri e i bisognosi, il giovane Allucio fondò un altro ospizio sul Monte Albano. Un terzo lo creò presso la riva dell'Arno, sul quale costruì addirittura un ponte, per comodità dei pellegrini. Quest'ultima non fu impresa facile, non soltanto per i problemi tecnici ma perché Sant'Allucio dovette convincere e ammansire il traghettatore locale, che traeva lauti guadagni facendo passare i viaggiatori da una sponda all'altra.
1 miracoli, a detta della tradizione, si moltiplicarono numerosissimi intorno al benefattore dei poveri. Per questo gli furono demandate, in città lontane, vere e proprie missioni diplomatiche, che Allucio svolse con successo, riuscendo a pacificare tra loro, per esempio, le due città rivali di Ravenna e di Faenza.
Tra gli interventi miracolosi tramandati dalla devozione, il più insolito fu quello dell'uomo al quale erano stati cavati gli occhi, come punizione per qualche delitto commesso, secondo la cosiddetta " legge del taglione ", comune nel Medioevo. Non per dispregio della giustizia, ma per pietà dell'accecato, anche se colpevole, Sant'Allucio avrebbe rimesso al loro posto gli occhi nelle cave orbite del condannato, restituendogli la vista.
Quanto era attivo nel fare il bene, altrettanto era severo con se stesso, Non mangiava mai carne, né formaggio, né uova. Digiunava tre volte alla settimana. E per sette Quaresime consecutive non toccò cibo affatto.
Morì nel 1134, sereno e attivo fino all'ultimo istante. Immediatamente venne fatto oggetto di un vivace culto popolare.
Soltanto nel '700, però, il suo culto venne autorizzato ufficialmente dalla Chiesa, e pochi anni dopo le reliquie di Sant'Allucio trovavano degna accoglienza nella cattedrale di Pescia, la città di cui l'antico Santo penitente e benefattore sembrava fatto su misura.


Fonte:
Archivio Parrocchia

_____________________
Aggiunto il 2001-10-26

___________________________________________
Translate this page (italian > english) with Google


L'Album delle Immagini
è temporaneamente
disattivato




CD immagini

Sostienici e avrai TUTTE le immagini di Santiebeati
Clicca qui per richiederlo

Home . Onomastico . Emerologico . Patronati . Diz.Nomi . Ricerca . Ultimi . Più visitati