Home . Onomastico . Emerologico . Patronati . Diz.Nomi . Ricerca . Ultimi . Più visitati




Newsletter
Per ricevere i Santi di oggi
inserisci la tua mail:


E-Mail: info@santiebeati.it


> Home > Sezione R > Santa Roselina Condividi su Facebook Twitter

Santa Roselina Priora certosina

17 gennaio

† Celle-Roubaud, Francia, 17 gennaio 1329

Roseline (o Rossolina, in provenzale) nacque intorno al 1270 ad Arcs-sur-Argens, nell’attuale dipartimento francese del Var, figlia di una nobile famiglia provenzale. Entrata nella Certosa di Sant’Andrea a Ramières per il noviziato, passò al monastero di Bertaud per la professione monastica, quindi si trasferì nel monastero di Celle-Roubaud, dove morì il 17 gennaio 1329. Alcune Vite agiografiche le attribuiscono miracoli e prodigi sia in vita, sia dopo la morte. Il 9 maggio 1851, il Beato Pio IX concesse alla diocesi di Fréjus (oggi di Fréjus-Tolone) di poter celebrare Roseline con Messa e Ufficio propri. La concessione fu estesa all’ordine certosino il 17 settembre 1857. Il Martirologio Romano del 2004, però, commemora Roseline col titolo di Santa. Le reliquie a lei attribuite sono venerate nella cappella a lei dedicata, a Celle-Roubaud.

Patronato: Draguignan

Martirologio Romano: Presso Fréjus nella Provenza in Francia, santa Roselina, priora di Celle-Roubaud dell’Ordine certosino, che rifulse per l’abnegazione, il digiuno dal cibo e dal sonno e l’austerità di vita.


I dati storici
Roseline (o Rossolina, in provenzale) nacque intorno al 1270 ad Arcs-sur-Argens, nell’attuale dipartimento francese del Var, figlia di una nobile famiglia provenzale, i de Villeneuve. L’identità dei suoi genitori è disputata: il padre, Arnaud II (o Giraud II) de Villeneuve; la madre, Sybille de Burgolle de Sabran des Arcs (o Aigline, di famiglia incerta).
Entrata nella Certosa di Sant’Andrea a Ramières per il noviziato, passò al monastero di Bertaud, nella diocesi di Gap, per la professione monastica, quindi si trasferì nel monastero di Celle-Roubaud, nella diocesi di Fréjus, dove morì il 17 gennaio 1329.
Suo fratello Hélion de Villeneuve fu un grande benefattore di quella Certosa, facendo costruire a proprie spese una chiesa consacrata dal vescovo di Digne, Elzeario.

I dati leggendari
Nelle due «Vite» a lei riferite, ovvero una in latino, scritta nel 1527, e una in francese, quest’ultima opera di un anonimo francescano, sono riferiti miracoli e prodigi prima ancora che Roseline nascesse.
Ad esempio, mentre sua madre era incinta, udì una voce che le preannunciava il destino a cui la figlia sarebbe andata incontro: «Partorirai una rosa senza spine, una rosa il cui profumo pervaderà tutta la contrada».

Fatti altrettanto leggendari
Quand’era poco più che una bambina, Roseline cominciò a esercitare la carità verso i più poveri. In un giorno di gennaio, nel pieno di una carestia, suo padre la sorprese mentre si recava a portare loro dei viveri. Quando però le chiese cosa contenesse il suo grembiule, la ragazza lo aprì, lasciando cadere una grande quantità di rose. Un episodio simile ricorre nelle agiografie di molti altri Santi, come Germana Cousin, Elisabetta del Portogallo, Elisabetta d’Ungheria, Casilda di Burgos, Diego di Alcalá e Rosa da Viterbo.
Una volta entrata in monastero, poi, si sarebbe verificato un altro episodio eccezionale. Roseline, talmente raccolta nella sua preghiera, si era dimenticata di preparare il pasto per le altre monache. Sotto i loro occhi, degli angeli si sostituirono a lei per allestire la mensa.
Le fu attribuita anche l’intercessione per uno dei suoi fratelli, prigioniero nell’isola di Rodi durante una Crociata, il quale si vide liberato dalle catene e trasportato immediatamente in Provenza.
Anche quando divenne priora a Celle-Roubaud, Roseline non dimenticò i poveri, che continuavano a bussare alle porte del monastero. Infine, poco prima di morire, domandò di poter tornare una semplice religiosa.

La questione delle reliquie
Roseline fu sepolta nel cimitero della Certosa di Celle-Roubaud, dove molti pellegrini vennero a pregare. Cinque anni dopo la morte, il suo corpo fu riesumato, ma gli occhi, per conservarli meglio, vennero posti in un reliquiario a parte.
Nel 1607 fu effettuata un’ulteriore traslazione: le reliquie furono sistemate in una tomba di marmo bianco. Nel 1894, un medico italiano, Pietro Neri, realizzò un trattamento conservativo: sul viso e sulle mani venne applicato uno strato di cera, che fece sembrare il corpo come mummificato. Lo scheletro fu poi sorretto da una struttura metallica, quindi rivestito dell’abito certosino e posto in un’urna di cristallo, sempre all’interno della chiesa di Celle-Roubaud.
Tuttavia, alcuni studiosi hanno dubitato che queste reliquie appartengano effettivamente a Roseline: è infatti uso dei Certosini essere sepolti senza cassa e con una croce senza iscrizioni. Sarebbe stato un intenso profumo, raccontano le agiografie, a rendere identificabile la sua esatta sepoltura.

Il culto
Il 9 maggio 1851, il Beato Pio IX concesse alla diocesi di Fréjus di poter celebrare Roseline con Messa e Ufficio propri. La concessione fu estesa all’ordine certosino il 17 settembre 1857. Il Martirologio Romano del 2004, però, commemora Roseline col titolo di Santa.
Il monastero di Celle-Roubaud era però già stato abbandonato dalle Certosine. In seguito ad alterne vicende, nel 1781 era diventato la sede estiva del vescovo di Fréjus. Oggi è sede di una tenuta vinicola, dove si produce un vino che prende appunto il nome di “Château Sainte-Roseline”.
La chiesa dell’ex monastero divenne quindi una cappella intitolata alla sola Roseline; ne conserva tuttora le reliquie. Dopo lavori di restauro, è stata arricchita da un mosaico realizzato da Marc Chagall nel 1975, che rappresenta l’episodio del pasto preparato dagli angeli.
Il 17 gennaio di ogni anno, santa Roselina viene festeggiata nelle diocesi di Gap e Fréjus-Tolone, mentre la cittadina di Draguignan, vicina ad Arcs-sur-Argens, la considera come propria patrona.


Autore:
Emilia Flocchini

______________________________
Aggiunto/modificato il 2022-01-18

___________________________________________
Translate this page (italian > english) with Google

Album Immagini


Home . Onomastico . Emerologico . Patronati . Diz.Nomi . Ricerca . Ultimi . Più visitati