Home . Onomastico . Emerologico . Patronati . Diz.Nomi . Ricerca . Ultimi . Più visitati


Newsletter
Per ricevere i Santi di oggi
inserisci la tua mail:

E-Mail: info@santiebeati.it

> Home > Sezione C > San Canio (Canione) di Atella Condividi su Facebook Twitter

San Canio (Canione) di Atella Vescovo e martire

25 maggio

Emblema: Bastone pastorale, Palma

Martirologio Romano: Ad Atella in Campania, san Canione, vescovo e martire.


Per ottenere un profilo biografico di San Canione dobbiamo riportarci alla 'PASSIO S.CANIONIS' accolta da Ferdinando Ugelli nella sua Opera "ITALIA SACRA" Tom. VII Col. 14-24. L'Ughelli asserisce la 'Passio' da un codice membranaceo della Cattedrale di Acerenza. Secondo la 'Passio' S.Canione fu un Vescovo Africano, della chiesa di Juliana, in Pirenaica. Sotto l'imperatore Diocleziano, al secondo anno del suo governo (292 d. C.) fu scatenata la famosa persecuzione contro i Cristiani e anche le province romane dell'Africa furono ferocemente setacciate. Canione fu condotto a Cartagine per essere sottoposto ad estenuanti interrogatori e a torture. Fu percosso nudo con staffili piombati, gli furono accostate alle carni fiaccole ardenti e, ridotto in fin di vita, fu gettato in carcere, non volendo sacrificare agli dei. Per ordine di Pigrasio, Prefetto di Cartagine, tratto fuori dalla prigione, persistendo nella testimonianza della sua fede in Cristo, fu sospeso alla catasta, e, percosso violentemente per un'ora, perdette tutto il suo sangue. Mentre era ancora nei tormenti il Santo Vescovo predicava il vangelo e convertì moltissimi pagani, di cui molti furono sottoposti al martirio con la decapitazione. Per la qual cosa il prefetto ordinò che S.Canione fosse sospeso all‚aculeo, e con promesse e lusinghe cercava di distoglierlo dalla vera fede. Ma Canione maggiormente affermava la sua incrollabile fede in Cristo, per cui fu sottoposto ad altre staffilate e sulle ferite fu fatto colare del piombo fuso. Il prefetto alla fine ordino` la decapitazione. Ma mentre conducono al posto designato il venerando martire si scatena un terribile cataclisma, accompagnato da movimenti tellurici, da uragani e da una ridda infernale di fulmini, grandine e tuoni che mettono in fuga i carnefici. Per ordine del prefetto, Canione viene allontanato dall'Africa, e il campione della fede, su di una barca sdrucita, sotto la guida di un angelo, toccò le sponde campane felicemente. E mentre gli africani rimproveravano al prefetto la perdita di un sì eccellente Presule per colpa sua, Canione riprendeva la sua opera pastorale in Atella, dove moltissimi pagani abbracciarono la fede cristiana. Canione confermava la sua opera apostolica con miracoli, guarigioni e con carismi eccezionali. Segnatamente s'impose per guarigioni dall'angina, per la liberazione degli ossessi e per miracoli di risurrezioni da morte. Tra i primi miracoli di cui parla la 'Passio' figura appunto la guarigione di un infermo che, appena il Santo giunse in Atella, gli fu presentato, presso l'anfiteatro di Atella, quasi moribondo. Era affetto dal male di squinanzia, cioè l'angina. Il Santo lo fece passare per sotto il fornice dell'anfiteatro e l'infermo guarì all'istante. Guarì dalla cecità la vedova Eugenia e un uomo posseduto dal demonio.

Ma anche in Atella gli emissari del male insorsero contro il Santo Vescovo e, provocando un tumulto di popolo, lo inseguirono per lapidarlo. Il Santo Vegliardo, non sapendo come sfuggire alla pioggia di pietre, si nascose in un roveto e i ragni coprirono il nascondiglio con la loro tela. Finalmente, fiaccato dai supplizi e dagli anni, raccomandando la sua anima a Dio, se ne volo` al cielo.

Il corpo fu vigilato per molti giorni da un uccello. Poi vennero i Cristiani e lo seppellirono nel cimitero dei santi Felice e Vincenzo, presso le due basiliche dei suddetti santi confessori. S.Elpidio vide la sua anima volarsene al cielo in forma di colomba e sulla sua sepoltura costruì una Chiesa e un 'cubiculum' con un'iscrizione che ricordava le fulgide virtù del santo.

Il suo corpo, dalle rovine di Atella, che era stata distrutta da Genserico dal vescovo di Acerenza, Leone, nell'anno 779, fu traslato in quella Chiesa Metropolitana. Dalle colonne dove e` sepolto scaturisce un liquido miracoloso, detto Manna. E` venerato anche il 'Baculus' cioè il Pastorale, dotato di un movimento spontaneo.

L'altra fonte che ci dà notizie di S.Canione e` la 'VITA S. CASTRENSIS', vita di S. Castrense di autore anonimo medioevale. Questa Vita fu accolta negli 'ACTA SANCTORUM' dai PP. Bollandisti del 1600, come risulta dalla biblioteca Hagiographica Latina 1644 e dallo storico captano Michele Monaco nell'opera 'Sanctuarium Campanum'.

In questa narrazione, scritta per l'edificazione dei fedeli, senza molte preoccupazioni di critica dei documenti, viene esposta la vicenda di Dodici Vescovi Africani, e cioè Castrense, prisco, CANIONE, Elpidio, Secondino, Rosio, Marco, Eraclio, Agostino, Adiutore, Vindonio, Tammaro, che sarebbero stati espulsi dall'Africa durante la persecuzione di Genserico, re dei Vandali e, posti su una nave sdrucita, sarebbero approdati sulle spiaggie campane. Il re vandalo che si era stabilito a Cartagine, scateno` una persecuzione contro i cristiani, per farli aderire all'eresia ariana. I primi ad essere imprigionati furono i Vescovi e i presbiteri delle chiese dell'Africa Settentrionale. I dodici Vescovi, nella prigione, furono confortati da un angelo e resistettero alle torture. Genserico, dietro consiglio di un suo ufficiale, Aristodemo, decise di far imbarcare i Vescovi su di una nave che non avrebbe potuto reggere il mare. Fu consentito a molti cristiani di imbarcarsi per seguire i loro Pastori nel fortunoso viaggio. La nave, anziche` essere inghiottita dai flutti, raggiunse felicemente le coste della Campania, secondo alcuni a LITERNUM, secondo altri a VOLTURNUM. I Vescovi toccano terra e guidati ciascuno da un angelo si dirigono alla volta dei centri abitati e vi predicano il messaggio della salvezza. Canione ed Elpidio entrano in Atella.

Considerando che la leggenda è un genere letterario che contiene elementi storici veri frammisti a molti altri di carattere fantastico e irreale, possiamo dire che di storicamente certo si deve ritenere che San Canione fu Vescovo e Martire in Atella. Difatti il Martirologio Geronimiano, che è il documento d'indiscussa autenticità, riporta alla data del 25 maggio il 'natalis' cioè il martirio di San Canione con questa espressione: 'In Campania Atellane Canionis'. Quindi è storicamente certo che San Canione morì martire in Atella.

Il Santo viene festeggiato nella parrocchia a lui dedicata il martedì dopo la domenica di Pasqua.


Autore:
Andrea Franzese

_____________________
Aggiunto il 2002-06-25

___________________________________________
Translate this page (italian > english) with Google

Album Immagini
visualizza


CD immagini

Sostienici e avrai TUTTE le immagini di Santiebeati
Clicca qui per richiederlo

Home . Onomastico . Emerologico . Patronati . Diz.Nomi . Ricerca . Ultimi . Più visitati