Home . Onomastico . Emerologico . Patronati . Diz.Nomi . Ricerca . Ultimi . Più visitati


Newsletter
Per ricevere i Santi di oggi
inserisci la tua mail:

E-Mail: info@santiebeati.it


> Home > Sezione G > Beato Gennaro Maria Sarnelli Condividi su Facebook Twitter

Beato Gennaro Maria Sarnelli Sacerdote redentorista

30 giugno

Napoli, 12 settembre 1702 - 30 giugno 1744

Nasce a Napoli il 12 settembre 1702 da Angelo, barone di Ciorani. Nel 1722 si laurea in diritto canonico e civile ed esercita l'avvocatura fino al 1728. In questi anni conosce un altro avvocato: Alfonso Maria de' Liguori. Ancora laico si associa al gruppo che gravita intorno a sant'Alfonso. Nel 1728 lascia la professione di avvocato, nel 1732 è sacerdote. Nello stesso anno de' Liguori fonda la nuova Congregazione del Santissimo Redentore (Redentoristi); Gennaro Sarnelli lo raggiunge un anno dopo ed insieme intraprendono una serie di missioni in tutta la Costiera Amalfitana e nei paesi dell'entroterra. Nel 1736 rientra a Napoli, dove si dedica all'evangelizzazione tra le prostitute. Si adopera inoltre per l'assistenza religiosa e materiale ai «facchinelli», minori sfruttati per il lavoro. Dal 1741 organizza una missione permanente nei sobborghi di Napoli. Muore a 41 anni, il 30 giugno 1744 a Napoli e viene sepolto nella parrocchia di Santa Maria dell'Aiuto. Verrà poi traslato nella casa madre dei redentoristi. Giovanni Paolo II l'ha proclamato beato il 12 maggio 1996. (Avvenire)

Martirologio Romano: A Napoli, beato Gennaro Maria Sarnelli, sacerdote della Congregazione del Santissimo Redentore, che si adoperò attivamente per l’assistenza ad ogni categoria di bisognosi.


Altro grande santo redentorista che sale agli onori degli altari; nacque a Napoli il 12 settembre 1702 da Angelo, barone di Ciorani, nel palazzo del duca Zapata, vicinissimo al Palazzo reale.
Nel 1722 si laureò in diritto canonico e civile ed esercitò l’avvocatura fino al 1728, in questi anni di professione conobbe un altro avvocato, il grande s. Alfonso Maria de’ Liguori; si distinse per fervore religioso e per l’assistenza assidua ai poveri degli ospedali napoletani, specie in quello denominato degli “Incurabili”.
Ancora laico si associò al gruppo che gravitava intorno a s. Alfonso, nell’animazione delle “Cappelle serotine”, assemblee popolari di preghiera e di formazione religiosa. Nel 1728 lasciò la professione di avvocato ed entrò nel seminario diocesano, venendo ordinato sacerdote l’8 giugno 1732; intanto s. Alfonso il 9 novembre di quello stesso anno, fondò a Scala vicino Amalfi e Ravello, la nuova Congregazione del Santissimo Redentore (Redentoristi); Gennaro Sarnelli lo raggiunse un anno dopo ed insieme intrapresero una serie di missioni in tutta la Costiera Amalfitana (la Divina Costiera) e nei paesi dell’entroterra.
Ma nel 1736 di comune accordo, ritornò a Napoli, dove intraprese una lotta gigantesca per la redenzione delle meretrici, vera piaga della Napoli di allora, ne convertì moltissime, sistemandole con onesti matrimoni, spesso dandole una dote, collocandole presso famiglie sicure o chiudendole in conservatori; per le incorreggibili ottenne una disposizione dal re Carlo III, che le limitava in alcuni sobborghi della città.
Per quest’opera meritevole, fu minacciato varie volte di morte da quanti sfruttavano le povere donne, ma egli non desistette, dichiarando: “Che si sarebbe chiamato fortunato se, per quest’opera di tanta gloria di Dio, avesse perduto anche la vita”.
Si adoperò inoltre per l’assistenza religiosa e materiale ai “facchinelli”, ragazzi sfruttati per il lavoro minorile, piaga continua delle necessità del Meridione.
D’accordo con s. Alfonso, organizzò a partire dal 1741, una missione permanente nei sobborghi di Napoli, raccogliendo un successo incredibile, al punto che il papa Benedetto XIV, in una sua lettera diretta ai vescovi del Regno di Napoli, ne raccomandava l’organizzazione in tutte le altre diocesi.
Fu scrittore fecondo, le sue numerose opere letterarie e di spiritualità, costituiscono una bibliografia di tutto rispetto, l’ ”Opera omnia” dei suoi scritti è uscita stampata in Napoli in 14 volumi dal 1848 al 1851.
Morì prematuramente a 41 anni, il 30 giugno 1744 a Napoli, fu sepolto nella parrocchia di S. Maria dell’Aiuto; poi in seguito traslato nella chiesa redentorista di Ciorani nel salernitano, casa madre della Congregazione liguorina.
S. Alfonso, che come si sa, visse a lungo, ne scrisse la biografia chiamandolo “gran servo del Signore” e che fu già pronta il 17 luglio di quello stesso anno.
Gennaro Maria Sarnelli fu per la Chiesa di Napoli uno dei suoi uomini apostolici più illustri; per i redentoristi, il gemello e l’emulo del fondatore.
Papa Giovanni Paolo II, l’ha beatificato il 12 maggio del 1996.


Autore:
Antonio Borrelli

______________________________
Aggiunto/modificato il 2002-10-10

___________________________________________
Translate this page (italian > english) with Google


L'Album delle Immagini
è temporaneamente
disattivato




CD immagini

Sostienici e avrai TUTTE le immagini di Santiebeati
Clicca qui per richiederlo

Home . Onomastico . Emerologico . Patronati . Diz.Nomi . Ricerca . Ultimi . Più visitati