Home . Onomastico . Emerologico . Patronati . Diz.Nomi . Ricerca . Ultimi . Più visitati


Newsletter
Per ricevere i Santi di oggi
inserisci la tua mail:

E-Mail: info@santiebeati.it


> Home > Sezione S > Beata Speranza di Gesù (María Josefa Alhama Valera) Condividi su Facebook Twitter

Beata Speranza di Gesù (María Josefa Alhama Valera) Vergine e fondatrice

8 febbraio

Santomera, Spagna, 30 settembre 1893 – Collevalenza, Perugia, 8 febbraio 1983

Madre Speranza di Gesù, al secolo María Josefa Alhama Valera, nacque a Santomera, nella provincia di Murcia, in Spagna, il 30 settembre 1893, primogenita dei nove figli di una famiglia di contadini. A dodici anni ricevette l’ispirazione di diffondere la devozione all’Amore Misericordioso di Gesù. Dopo un’esperienza di consacrata tra le Missionarie Claretiane, fondò a Madrid, la notte di Natale del 1930, la congregazione delle Ancelle dell’Amore Misericordioso, dedite all’accoglienza e all’educazione dei bambini poveri e degli orfani, nonché alla cura degli anziani e dei malati. Nel 1936 si trasferì a Roma, dove rimase per quindici anni. Nel 1951 si arrivò a Collevalenza, in provincia di Perugia e diocesi di Orvieto-Todi, dove fondò la congregazione dei Figli dell’Amore Misericordioso. Si spense a l’8 febbraio 1983, a ottantanove anni. È stata beatificata a Collevalenza il 31 maggio 2014. I suoi resti mortali sono venerati nella cripta del Santuario dell’Amore Misericordioso, fatto costruire da lei a Collevalenza. La sua memoria liturgica cade l’8 febbraio, giorno della sua nascita al Cielo.



L’infanzia
María Josefa Alhama Valera nacque a Santomera, nella provincia spagnola di Murcia, il 30 settembre 1893. Era la prima dei nove figli di José Antonio, bracciante agricolo, e María del Carmen, casalinga.
Crebbe nella povertà della famiglia, ma si dimostrò molto intelligente. Questo suscitò il suggerimento di un vicino di casa, o per meglio dire della baracca in cui abitava, di affidarla al parroco di Santomera, don Manuel Aliaga: i genitori acconsentirono.
Maria Josefa andò quindi a stare dal parroco che viveva con le proprie due sorelle. Lì ricevette un po’ d’istruzione senza frequentare nessuna scuola e imparò i lavori domestici. Rimase con loro fino ai 21 anni, nel 1914, quando partì per farsi religiosa.

Tra le suore Figlie del Calvario, poi tra le Missionarie Claretiane
Fece una prima esperienza in un istituto di suore addette agli ammalati, ma non ebbe esito positivo. In seguito, su consiglio del vescovo di Murcia, entrò tra le Figlie del Calvario, un Istituto di semiclausura, fondato nel 1863. Il 15 agosto 1916 professò i voti religiosi, assumendo il nome di suor Speranza di Gesù Agonizzante.
L’Istituto, tuttavia, presentava incerte prospettive per il futuro: a parte suor Speranza, le altre sette religiose erano tutte anziane. Perciò, nel 1921, si decise per una fusione con le religiose dell’Immacolata o Missionarie Claretiane, fondate nel 1855 da sant’Antonio Maria Claret, anch’esse dedite all’educazione cristiana.
Dopo un corso di Esercizi Spirituali, il 19 novembre 1921, cinque suore emisero i voti perpetui. Fra di esse, suor Speranza di Gesù Agonizzante, che divenne suor Speranza di San Giacomo. Trascorse in questa Congregazione nove intensi anni, svolgendo diverse mansioni: fu sacrestana, portinaia, economa, assistente delle bambine.
In quegli anni si accentuarono in lei fenomeni non comuni, che attiravano l’attenzione delle consorelle e di personalità spagnole ed estere. Per questa ragione, fu affidata alla guida dei più noti direttori spirituali dell’epoca.

La devozione all’Amore Misericordioso
Sin da quando aveva dodici anni ebbe in visione santa Teresa del Bambino Gesù, che l’esortava a diffondere nel mondo la devozione all’Amore Misericordioso, a cui santa Teresa stessa si era offerta vittima.
Una volta diventata religiosa, a partire dagli anni ’20 del secolo scorso, suor Speranza collaborò con il domenicano padre Juan González Arintero a diffondere questa devozione. Nei suoi scritti usava lo pseudonimo di “Sulamitis” (in riferimento al Cantico dei Cantici).

Gli inizi di una nuova congregazione   
Trasferita nella casa di Vicalvaro-Madrid dal 30 novembre 1921, nell’anno successivo suor Speranza cominciò ad avere problemi di salute e fu più volte in punto di morte.
Per poter svolgere, senza restrizioni, la sua missione verso i poveri, con l’aiuto di alcuni benefattori, aprì il collegio di “Nuestra Señora de la Esperanza” (Nostra Signora della Speranza) a Madrid in Calle del Pinar, ma poi, alla fine del 1930, consigliata dal suo direttore spirituale, lasciò le Missionarie Claretiane e diede vita a una nuova congregazione.

La nascita delle suore Ancelle dell’Amore Misericordioso
Nel Natale del 1930, nella povertà più assoluta, ebbe inizio in forma privata la fondazione delle suore Ancelle dell’Amore Misericordioso. Madre Speranza di Gesù, come ormai era nota, aprì nel 1931 il primo collegio a Madrid, a cui, con ritmo impressionante, seguirono altre case in diverse regioni della Spagna.
Lei e le compagne, che nel frattempo si erano aggiunte, annunciavano l’Amore Misericordioso attraverso la carità, dedicandosi anche all’assistenza domiciliare dei molti poveri e all’accoglienza di anziani e disabili. Il 6 gennaio 1935 le Ancelle divennero una congregazione di diritto diocesano, con decreto del vescovo di Vitoria.
Nel maggio 1936 madre Speranza si recò a Roma insieme a una insigne benefattrice: aprì una casa, presa in affitto, in via Casilina 222, una zona delle più povere della capitale italiana.

Il martirio incruento di madre Speranza
Negli anni che seguirono, dal 1936 al 1941, mentre in Spagna infuriava la guerra civile, anche madre Speranza visse una sorta di martirio incruento. La sua congregazione trovò infatti l’opposizione di vescovi e sacerdoti spagnoli, che si estese anche fra le stesse suore: alcune giunsero ad accusarla e calunniarla, invocando la sua rimozione da superiora generale.
A partire dal 6 agosto 1940, per tre anni, madre Speranza fu interrogata dal Sant’Uffizio per rispondere sull’ortodossia della dottrina dell’Amore Misericordioso, sulla sua condotta e sulla veridicità e natura dei particolari fenomeni a lei attribuiti.
Il 10 aprile 1941 il Sant’Uffizio accolse la congregazione sotto la sua diretta protezione, lasciando a madre Speranza il titolo di superiora generale e la possibilità di formare le suore, mentre alla Vicaria Generale, venne affidato il governo dell’Istituzione.
Madre Speranza accolse il provvedimento con spirito di sottomissione e ubbidienza, esortando le sue figlie a fare altrettanto. Solo nel Capitolo del 1952 fu nuovamente eletta superiora generale e tale rimase fino al 1976, quando venne nominata madre generale “ad honorem”.

La sua carità durante la seconda guerra mondiale
Libera da responsabilità e scagionata dalle accuse, durante la seconda guerra mondiale, intensificò la diffusione del messaggio dell’Amore Misericordioso. Avviò un laboratorio di cucito per aiutare con i proventi i bisognosi e per accogliere gratuitamente molti bambini poveri.
Accolse i rifugiati politici, nascose nei sotterranei i soldati allo sbando, sfamò chi aveva perso tutto. Infine aprì una nuova mensa, dove giunse ad accogliere oltre mille persone al giorno.

Nascita dei Figli dell’Amore Misericordioso
Il 15 agosto 1951. realizzando una sua speciale ispirazione, avvertita fin dal 1927, madre Speranza fondò la congregazione dei Figli dell’Amore Misericordioso: il loro indirizzo specifico doveva essere quello di sostenere i sacerdoti del clero secolare in spirito di comunione.
Tre giorni dopo, il 18 agosto 1951, madre Speranza si trasferì a Collevalenza, in provincia di Perugia e diocesi di Orvieto-Todi.

Il Santuario dell’Amore Misericordioso a Collevalenza
A Collevalenza ebbe un’ulteriore ispirazione, ovvero far costruire un santuario dedicato all’Amore Misericordioso, come segno tangibile della sua più profonda intuizione spirituale: Dio non è, secondo le sue parole, «un giudice severo ma un Padre pieno di amore e di misericordia che non tiene in conto le debolezze dei suoi figli, le dimentica e le perdona».
Lì madre Speranza accoglieva e riceveva più di cento persone al giorno, ascoltandole una alla volta, consolandole e invitandole ad amare il «buon Gesù», come lo chiamava lei.
Accanto al santuario madre Speranza fece scavare un pozzo, la cui acqua alimenta tuttora una serie di vasche: per questa ragione, Collevalenza divenne famosa alla stregua del Santuario di Nostra Signora di Lourdes.

La morte di madre Speranza e l’avvio della sua causa di beatificazione e canonizzazione
Prima di morire, l’8 febbraio 1983, poté incontrare personalmente il Papa: san Giovanni Paolo II, infatti, si recò il 22 novembre 1981 a visitare il santuario di Collevalenza. Era la sua prima uscita pubblica dopo l’attentato del 13 maggio precedente.
A fronte della fama di santità che già in vita aveva circondato madre Speranza, le congregazioni delle Ancelle e dei Figli dell’Amore Misericordioso domandarono l’apertura della sua causa di beatificazione e canonizzazione, per l’accertamento delle virtù eroiche, una volta trascorsi i cinque anni previsti dalle norme canoniche.

La causa fino al decreto sulle virtù eroiche
Il processo diocesano fu quindi aperto nella diocesi di Orvieto-Todi il 24 aprile 1988 e concluso l’11 febbraio 1990. Gli atti del processo diocesano hanno ottenuto la convalida il 12 giugno 1992. Un anno esatto dopo, il 12 giugno 1993, è stata consegnata la “Positio super virtutibus”.
I Consultori Teologi della Congregazione delle Cause dei Santi, l’11 gennaio 2002, si sono espressi all’unanimità sulle virtù eroiche di madre Speranza. Il loro parere positivo è stato confermato, il 5 marzo 2002, dal Congresso dei cardinali e dei vescovi membri della stessa Congregazione.
Quindi, il 23 aprile 2002, san Giovanni Paolo II ha autorizzato la promulgazione del decreto che dichiarava Venerabile madre Speranza.

Il miracolo per la beatificazione
La guarigione di Francesco Maria Fossa, un bambino affetto da una intolleranza alimentare multipla alle proteine, a cui era stata fatta bere l’acqua del Santuario dell’Amore Misericordioso, fu presa in esame come potenziale miracolo per ottenere la beatificazione. Il processo diocesano sul miracolo si è svolto dal 25 maggio 2001 al 16 luglio dello stesso anno.
Una prima riunione dei Consultori Medici della Congregazione delle Cause dei Santi non ritenne sufficienti gli atti del processo sull’asserito miracolo, in mancanza di documentazione sufficiente. Quando questa fu presentata, la Consulta Medica si espresse in maggioranza circa l’inspiegabilità scientifica del fatto.
Il 17 novembre 2012 i Consultori Teologi si espressero all’unanimità circa il nesso tra la guarigione del bambino e l’intercessione di madre Speranza. Il 18 luglio 2013, i cardinali e i vescovi della Congregazione confermarono il parere affermativo.
Il 5 luglio 2013, quindi, papa Francesco ha autorizzato la promulgazione del decreto che confermava la guarigione di Francesco Maria Fossa come miracolosa e ottenuta per intercessione di madre Speranza.

La beatificazione e il culto
La beatificazione si è svolta a Collevalenza il 31 maggio 2014, col rito presieduto dal cardinal Angelo Amato, Prefetto della Congregazione delle Cause dei Santi, come inviato del Santo Padre.
La memoria liturgica della Beata Speranza di Gesù è stata fissata all’8 febbraio, giorno della sua nascita al Cielo. I suoi resti mortali sono venerati nella cripta del Santuario dell’Amore Misericordioso.

La Famiglia dell’Amore Misericordioso oggi
Le Ancelle (distinte in religiose e addette alle attività temporali) e i Figli dell’Amore Misericordioso (religiosi sacerdoti, religiosi fratelli e sacerdoti diocesani aggregati), a cui si sono aggiunti i Laici dell’Amore Misericordioso, portano avanti gli insegnamenti della fondatrice tramite collegi, case d’accoglienza, scuole, laboratori professionali, servizio parrocchiale e nelle case del clero. Pur essendo giuridicamente autonomi le une dagli altri, formano la Famiglia dell’Amore Misericordioso, il cui motto è «Tutto per amore».


Autore:
Antonio Borrelli ed Emilia Flochini

______________________________
Aggiunto/modificato il 2019-01-10

___________________________________________
Translate this page (italian > english) with Google


L'Album delle Immagini
è temporaneamente
disattivato




CD immagini

Sostienici e avrai TUTTE le immagini di Santiebeati
Clicca qui per richiederlo

Home . Onomastico . Emerologico . Patronati . Diz.Nomi . Ricerca . Ultimi . Più visitati