Home . Onomastico . Emerologico . Patronati . Diz.Nomi . Ricerca . Ultimi . Più visitati


Newsletter
Per ricevere i Santi di oggi
inserisci la tua mail:

E-Mail: info@santiebeati.it


> Home > Sezione I > Sant' Ivo (Yves) di Chartres Condividi su Facebook Twitter

Sant' Ivo (Yves) di Chartres Vescovo

23 dicembre

Beauvais (Rouen), 1040 – Chartres, 23 dicembre 1116

Martirologio Romano: A Chartres in Francia, sant’Ivo, vescovo, che ristabilì l’ordine dei canonici e molto operò e scrisse per promuovere la concordia tra il clero e il potere civile e per il bene della Chiesa.


La vastissima bibliografia esistente sulla sua persona e sul contenuto delle sue opere e pensiero canonico, fa giustificare ampiamente quanto ebbe a dire di lui Jacques-Bénigne Bossuet (1627-1704), vescovo di Meaux, scrittore e sommo oratore francese, indicandolo come “il vescovo più santo e più sapiente del suo secolo”.
Yves nacque verso il 1040 presso Beauvais (Rouen) in un’agiata famiglia; i suoi genitori Ugo d’Auteuil e Ilmenberga, gli diedero una prima istruzione letteraria, proseguita poi a Parigi, grandissimo centro culturale già in quell’epoca.
Proseguì gli studi in teologia nell’abbazia di Le Bec in Normandia, dove ebbe come compagno di studi s. Anselmo e per maestro il giurista, poi monaco, Lanfranco di Pavia (sec. XI), divenuto arcivescovo di Canterbury nel 1070.
Yves fu poi nominato canonico di Nesles in Piccardia (regione storica della Francia settentrionale) ma dopo qualche anno venne richiamato a Beauvais da Guido vescovo di quella città, il quale gli diede l’incarico della direzione del monastero dei Canonici Regolari di Saint-Quentin, che era stato appena fondato, così Yves ne divenne la guida dal 1078 al 1090 e la fama della sua saggezza si diffuse in tutta la regione.
Aveva circa 50 anni quando il clero ed il popolo dei fedeli di Chartres, insigne città della Francia, sede della grandiosa cattedrale gotica, la cui costruzione sarebbe iniziata proprio in quel XII secolo, designò Yves come loro vescovo, al posto del deposto Goffredo accusato di simonia.
Goffredo si appellò a Roma, ma il papa Urbano II (1042-1099) gli diede torto, confermando l’investitura di Yves; anche il re di Francia Filippo I (1052-1108), come privilegio di quei tempi, gli consegnò il pastorale.
Ma quando fu chiesto all’arcivescovo di Sens, Richer suo metropolita di consacrarlo, questi si rifiutò non essendo stato consultato nel processo romano contro Goffredo.
A questo punto Yves decise di andare direttamente dal papa, che però aveva dovuto lasciare Roma per rifugiarsi a Capua, dovendo sfuggire alla soldataglia dell’imperatore di Germania Enrico IV (1050-1106) impegnato nella lotta per le investiture, già contro il papa s. Gregorio VII (1073-1085) suo predecessore; e fu a Capua che verso la fine del 1090, papa Urbano II lo consacrò vescovo di Chartres.
I primi anni del suo episcopato furono contraddistinti per lo scontro con il re francese Filippo I, il quale aveva contratto un matrimonio adulterino con Bertranda di Montfort; il vescovo si oppose suscitando l’ira del re che lo fece mettere in prigione per molti mesi. Ma dopo la sua liberazione Yves riprese le sue proteste, sia contro il re, sia contro i vescovi che gli erano favorevoli, ricorrendo perfino a Roma, affinché non venissero eletti in sedi episcopali, i partigiani del sovrano, che fu scomunicato nel 1095, anno in cui il papa Urbano II venne in Francia al Concilio di Clermont, dove predicò la prima crociata; a tale assise era presente anche Yves, come pure a quello del 1100 a Poitiers.
Il santo vescovo continuò la lotta contro il sopruso reale, finché nel 1104 Filippo I separatosi da Bertranda, venne riammesso nella comunità cattolica dal nuovo papa Pasquale II (1099-1118); ancora nel 1107 Yves ricevette a Chartres papa Pasquale II che si era recato in Francia.
Sempre difensore delle decisioni papali e strenuo protagonista nella lotta fra il papato e l’impero per le investiture dei vescovi, Yves dovette entrare anche in conflitto con il suo Capitolo, per le sue idee riformatrici, Capitolo che era in buona parte sostenuto da Luigi VI il Grosso (succeduto nel 1108 a Filippo I sul trono di Francia), una Bolla papale gli dette ragione nel 1114.
Nella sua opera episcopale primeggiano circa 300 ‘Lettere’ dense di consultazioni canoniche e teologiche, pratiche amministrative, interventi nei grossi affari del suo tempo, che permettono di conoscere il progresso della riforma gregoriana, attuata per mezzo della competenza e dello zelo episcopale che lo distinse.
Inoltre il santo vescovo per intervenire con efficacia nelle controversie del suo tempo, dovette appellarsi a dei testi canonici e siccome il ‘Decreto’ di Burcardo († 1025) vescovo di Worms e celebre canonista, il cui diritto canonico fece testo in tutta Europa, non era più rispondente alle esigenze riformatrici che Yves propugnava, e tenendo presente che le ‘collezioni’ gregoriane (raccolte di canoni e norme ecclesiastiche), erano in Francia recepite come troppo romane, egli fu costretto a redigere nuove norme giuridiche.
Le collezioni le citiamo soltanto: La ‘Tripartita’ (1093); il ‘Decretum’ (1094); la ‘Panormia’ (1094-1096), ognuna di queste opere consta di varie centinaia di frammenti (articoli, citazioni, norme del governo ecclesiastico; solo il ‘Decretum’ è composto da 17 libri e 3760 frammenti).
Si conoscono di lui 24 ‘Sermoni’ quasi tutti pronunciati nei Sinodi e Concili su argomenti dogmatici, disciplinari o liturgici.
Considerato conoscitore profondo della Bibbia e dei testi liturgici, professò sempre un grande attaccamento all’insegnamento della Chiesa e ogni suo scritto o parola abbonda di citazioni dottrinali; la diffusione della sua fama fu notevole e lo testimonia la cura con la quale sono stati conservati i suoi scritti.
Morì il 23 dicembre 1116 a Chartres e fu subito considerato un santo, in particolare nelle diocesi di Beauvais e Chartres, che gli tributarono un culto specifico. Papa s. Pio V ne concedette l’Ufficio ai Canonici Regolari del Laterano il 18 dicembre 1570.


Autore:
Antonio Borrelli

_____________________
Aggiunto il 2003-10-07

___________________________________________
Translate this page (italian > english) with Google


L'Album delle Immagini
è temporaneamente
disattivato




CD immagini

Sostienici e avrai TUTTE le immagini di Santiebeati
Clicca qui per richiederlo

Home . Onomastico . Emerologico . Patronati . Diz.Nomi . Ricerca . Ultimi . Più visitati