Home . Onomastico . Emerologico . Patronati . Diz.Nomi . Ricerca . Ultimi . Più visitati


Newsletter
Per ricevere i Santi di oggi
inserisci la tua mail:

E-Mail: info@santiebeati.it


> Home > Sezione G > Beato Giacomo Sales Condividi su Facebook Twitter

Beato Giacomo Sales Gesuita, martire

7 febbraio

Lezoux (Clermont), 21 marzo 1566 – Aubenas, 7 febbraio 1593

Martirologio Romano: Ad Aubenas nel territorio di Viviers in Francia, beati martiri Giacomo Salès, sacerdote, e Guglielmo Saultemouche, religioso, della Compagnia di Gesù, i quali, poiché con la loro predicazione rafforzavano tra la gente la fede cattolica, quando la città venne occupata dai protestanti, furono trucidati di domenica davanti al popolo per la loro fede.


La vicenda umana e il martirio del beato Giacomo Salès gesuita, si svolse nel terribile periodo delle guerre di religione (1562-1598) accadute in Francia e che videro protagonisti gli Ugonotti, cioè i seguaci della Riforma protestante di Giovanni Calvino (1509-1564), i quali in Francia assunsero questo nome, mentre in paesi anglosassoni si chiamarono ‘Puritani’.
Nell’autunno 1592 il governatore di Aubenas (Viviers) Guglielmo di Balezac, il quale nel 1587 aveva liberato la città dagli Ugonotti, imponendo loro una tregua generale firmata a Largentière, chiese al Provinciale dei Gesuiti un padre che predicasse l’Avvento e che fosse in grado di combattere pubblicamente gli errori dottrinari dei calvinisti.
A tale incarico fu designato il padre gesuita Giacomo Salès di 26 anni, accompagnato dal fratello coadiutore Guglielmo Saultemouche di 36 anni.
Giacomo Salès nacque a Lezoux (Clermont) il 21 marzo 1566, fin da fanciullo dimostrò un’inclinazione per gli argomenti spirituali e già a sette anni frequentò la chiesa per servire la Messa ogni giorno.
Un sacerdote colpito dalla sua pietà, lo indirizzò agli studi, svolti con grande profitto al punto da meritare dal 1568 al 1572, un posto gratuito nel Collegio di Billom, gestito dai Gesuiti.
Nel 1573 passò al Collegio di Parigi per lo studio della retorica e il 1° novembre dello stesso anno iniziò il noviziato a Verdun.
Fu ordinato sacerdote nel 1585 e una volta ultimati gli studi prese ad insegnare filosofia a Pont-à-Mousson e nel 1590 teologia a Tournon, dove tenne importanti lezioni, fondate sulla dottrina di s. Tommaso d’Aquino, cui parteciparono tanti allievi compreso degli ammirati calvinisti, ciò provocò varie conversioni.
Sempre combattendo i calvinisti, confutando le loro idee protestanti, tenne varie missioni in tante località, celebre quella tenuta ad Ornex.
Alla fine del novembre 1592 i due prescelti partirono per la missione di Aubenas; padre Giacomo Salès portava al collo una reliquia del beato Edmondo Campion († 1-12-1581) martire gesuita morto sulla forca del Tyburn di Londra; presagendo una tragica fine, perché salutò i suoi allievi con un addio.
La missione ad Aubenas si svolse egregiamente, al punto che il governatore chiese ed ottenne di trattenerli fino alla Pasqua; purtroppo alla Pasqua non si arrivò, perché il 5 febbraio di sera, gli Ugonotti rompendo la tregua concordata, improvvisamente assaltarono la città che il 6 mattina cadeva interamente nelle loro mani.
Consci del grave pericolo i due religiosi si comunicarono, consumando tutte le particole consacrate e si misero in preghiera.
Furono scoperti e trascinati davanti una specie di tribunale, i cui membri erano tutti calvinisti, capeggiati da un certo Pietro Labat, il quale aveva subìto giorni prima, una sconfitta in pubblica discussione con il Salès.
La discussione concernente la presenza reale di Gesù nell’Eucaristia, riprese e durò tutto il giorno, proseguendo il mattino seguente; la vibrante argomentazione di padre Salès, alla fine scatenò l’ira generale e specie del Labat e si gridò “Uccidetelo!”.
Trascinato fuori dall’aula nella piazza, fu aggredito dalla soldataglia calvinista, che prima gli fratturò una spalla con un colpo di archibugio e poi fu finito a colpi di pugnale.
Il suo compagno Guglielmo Saultemouche, anche se invitato a cercarsi una via di salvezza, volle invece rimanergli accanto per condividere con lui il martirio e la sua difesa della fede e dell’Eucaristia, così cadde trafitto da diciotto pugnalate, era il 7 febbraio 1593.
I corpi dei due martiri, dopo essere stati trascinati per le vie della città, vennero gettati fra le macerie di un’antica chiesa; raccolti da un cattolico vennero sepolti in un giardino, dove però i calvinisti continuarono ad offenderli con degli atti oltraggiosi alla loro tomba.
Dopo due anni, furono esumati e consegnati alla signora di Chaussy che l’aveva richiesti e che poi donò alla chiesa del nuovo Collegio dei Gesuiti di Aubenas; nel 1898 le reliquie furono traslate nella Cappella di Saint-Claire eretta sul luogo del martirio.
Il lungo processo di beatificazione, con i suoi secolari intervalli, si concluse con la loro beatificazione avvenuta a Roma il 6 giugno 1926, da parte di papa Pio XI. La loro comune celebrazione è al 7 febbraio.


Autore:
Antonio Borrelli

______________________________
Aggiunto/modificato il 2004-11-08

___________________________________________
Translate this page (italian > english) with Google


L'Album delle Immagini
è temporaneamente
disattivato




CD immagini

Sostienici e avrai TUTTE le immagini di Santiebeati
Clicca qui per richiederlo

Home . Onomastico . Emerologico . Patronati . Diz.Nomi . Ricerca . Ultimi . Più visitati