Home . Onomastico . Emerologico . Patronati . Diz.Nomi . Ricerca . Ultimi . Più visitati


Newsletter
Per ricevere i Santi di oggi
inserisci la tua mail:

E-Mail: info@santiebeati.it


> Home > Sezione Servi di Dio > Servo di Dio Luigi Avellino Condividi su Facebook Twitter

Servo di Dio Luigi Avellino Giovane laico

.

Vico Equense (Napoli), 16 aprile 1862 – Napoli, 13 aprile 1900


La sua storia sembra ricalcare quella del beato Nunzio Sulprizio (1817-1836), giovane lavoratore proveniente dalla provincia, malandato in salute, modello di sopportazione cristiana delle sofferenze e morto in ospedale a Napoli.
Anche Luigi Avellino nacque in provincia, a Vico Equense (Napoli) nella Penisola Sorrentina, il 16 aprile 1862, da Andrea Avellino e Lucia Volpe, genitori di sei figli e modesti lavoratori dei campi.
Luigi fu educato dal parroco Aiello, che gli fece anche da padrino di cresima e fin da ragazzo dimostrò una indole buona e docile.
Sotto la guida dello zio materno il sacerdote Giuseppe Volpe, si preparava a prendere la via del sacerdozio, quando a 16 anni fu costretto a lasciare gli studi e mettersi a lavorare nei campi per aiutare la famiglia.
Per le ulteriori difficoltà familiari, accettò di lavorare in una cava di pietra di tufo come manuale e qui si ammalò di artrite deformante, che lo fece diventare paralitico poco alla volta.
A Vico Equense, da sempre luogo di riposo, venne a villeggiare nell’autunno del 1882, il direttore dell’antico e grande ospedale degli Incurabili di Napoli, il dott. Ortale, il quale conosciutolo gli offrì il ricovero nel suo nosocomio.
A Napoli Luigi Avellino trascorse 18 anni, edificando tutti, medici, suore, infermieri e degenti, per la sua fede, il suo spirito di preghiera e di rassegnazione.
Organizzava e preparava le funzioni religiose e le feste solenni dell’anno, si prendeva cura materiale e spirituale degli altri ammalati, fu così nominato ‘priore’ del proprio reparto.
Terziario Francescano, praticò le virtù della povertà e umiltà, sopportando sorridendo le sofferenze che lo tormentavano e che lo portarono alla morte a 38 anni, il Venerdì Santo 13 aprile 1900.
Il 28 giugno 1911 fu aperto il processo informativo in cui testimoniarono con entusiasmo, sanitari, sacerdoti, assistenti e iscritti alle Confraternite del luogo.
I suoi resti mortali, dopo vari anni deposti in chiese napoletane, sono ora nella parrocchia del Ss. Salvatore di Vico Equense, dove fu battezzato.


Autore:
Antonio Borrelli

______________________________
Aggiunto/modificato il 2004-12-09

___________________________________________
Translate this page (italian > english) with Google


L'Album delle Immagini
è temporaneamente
disattivato




CD immagini

Sostienici e avrai TUTTE le immagini di Santiebeati
Clicca qui per richiederlo

Home . Onomastico . Emerologico . Patronati . Diz.Nomi . Ricerca . Ultimi . Più visitati