Home . Onomastico . Emerologico . Patronati . Diz.Nomi . Ricerca . Ultimi . Più visitati


Newsletter
Per ricevere i Santi di oggi
inserisci la tua mail:

E-Mail: info@santiebeati.it


> Home > Sezione Servi di Dio > Servo di Dio Vincenzo Carafa Condividi su Facebook Twitter

Servo di Dio Vincenzo Carafa Gesuita

.

Andria, Bari, 9 maggio 1585 – Roma, 8 giugno 1649


Uno dei tanti Testimoni della fede e della carità cristiana, che il tempo trascorso ha fatto finire nel dimenticatoio, nonostante la causa per la beatificazione aperta a Roma sin dal 18 marzo 1693 e da allora ferma.
Vincenzo Carafa nacque ad Andria in Puglia il 9 maggio 1585, figlio dei duchi Fabrizio Carafa e Maria Maddalena Carafa, donna di profonde virtù.
Fu alunno del Collegio dei Gesuiti di Napoli e a 19 anni, il 4 ottobre 1604 entrò nella Compagnia di Gesù, una volta compiuti gli studi fu ordinato sacerdote nel 1613; dal 1622 al 1627 fu maestro dei novizi, poi dal 1627 al 1630 Padre Provinciale di Napoli, rettore del Collegio napoletano dal 1633 al 1636 e infine settimo Generale dell’Ordine a partire dal 7 gennaio 1646.
Si distinse per l’amore ai poveri, per la cura degli ammalati, scrupoloso osservante delle regole, fu predicatore efficace sia tra il popolo, sia tra le classi elevate.
Per questi scopi rifondò a Napoli la Congregazione dei Nobili, spingendola verso un’ampia opera di carità e beneficenza.
In pratica fu Generale solo per tre anni, durante i quali con l’esempio di una vita santa e segnata dal dono della profezia e dei miracoli, richiamò i confratelli al fervore primitivo dell’Ordine.
Quando Roma dove risiedeva, fu colpita dalla peste e dalla carestia, padre Vincenzo Carafa organizzò varie opere di carità, dando cibo a migliaia di persone, avendo fatto il voto qualche anno prima, si mise al servizio degli appestati senza riserve, fino a contrarre il morbo che lo portò alla morte, avvenuta santamente l’8 giugno 1649.
Vincenzo Carafa fu scrittore di vari opuscoli ascetici di notevole importanza, che firmava sotto lo pseudonimo di “Luigi Sidereo”, ebbero larga diffusione e tradotti in varie lingue; mistico e asceta puntò sempre all’amore di Dio e all’unione con Lui.


Autore:
Antonio Borrelli

______________________________
Aggiunto/modificato il 2005-01-29

___________________________________________
Translate this page (italian > english) with Google


CD immagini

Sostienici e avrai TUTTE le immagini di Santiebeati
Clicca qui per richiederlo

Home . Onomastico . Emerologico . Patronati . Diz.Nomi . Ricerca . Ultimi . Più visitati