Home . Onomastico . Emerologico . Patronati . Diz.Nomi . Ricerca . Ultimi . Più visitati


Newsletter
Per ricevere i Santi di oggi
inserisci la tua mail:

E-Mail: info@santiebeati.it


> Home > Sezione A > Sant’ Antioco Condividi su Facebook Twitter

Sant’ Antioco Martire

16 luglio

Martirologio Romano: Ad Anastasiopoli in Galazia, nell’odierna Turchia, sant’Antioco, martire, fratello di san Platone.


Santi CIRIACO ed ANTIOCO, martiri in Galazia

La loro passio racconta che il medico Antioco, originario della città di Sebaste e fratello del celebre martire s. Platone, mentre andava curando infermi per le città della Galazia e della Cappadocia, venne arrestato come cristiano dal prefetto Adriano. Sostenne vari tor­menti : posto in una caldaia d'acqua bollente, get­tato in pasto alle fiere, uscì sempre indenne da queste prove e alle sue preghiere caddero infranti gli idoli. Infine, gli venne troncato il capo : dal suo collo uscirono sangue e latte. Alla vista di que­sto miracolo lo speculator Ciriaco si professò cristiano e fu anch'egli immediatamente decapitato.
Questo medesimo racconto troviamo riassunto in altre fonti (nel Sinassario Costantinopolitano al 15, 16 e 17 lugl. e nel Martirologio Romano al 15 lugl.) senza ulteriori particolari, mentre fonti parallele ci permettono, invece, di precisare alcuni dettagli ri­masti incerti. La passio di s. Platone, fratello di An­tioco ci testi­monia che il suo martirio avvenne sotto Massi­miano; Ciriaco e Antioco, quindi, furono probabilmente vitti­me della persecuzione dioclezianea. Per quanto ri­guarda la città di origine, tutti i testi ci danno Antioco come di Sebaste e, tra le sette città di questo nome che conosciamo, gli Ada Sanctorum scelgono quella di Armenia. Senonché le medesime fonti indicano il santo come appartenente alla Galazia : ora è perfet­tamente documentato che anche s. Platone era di Ancira (cf. Martyr. Hieron., p. 390), città della Frigia che però, dopo l'invasione dei Galli, venne a trovarsi in quella parte della Galazia abitata dai Tectosagi e che nell'epoca imperiale ebbe anche il nome di Sebaste dei Tectosagi (cf. Pauly-Wissowa, I, 2, col. 2222). Possiamo quindi ritenere i due martiri Antioco e Ciriaco originari di Ancira, come s. Pla­tone, e possiamo ragionevolmente supporre che in questa città sia avvenuto il loro martirio.
Infine, per quanto riguarda il loro culto abbiamo una testimonianza preziosa nell'antica Vita di s. Teodoro Siceota, del sec. VI, dove si racconta un miracolo avvenuto il 16 lugl. mentre Teodoro celebrava la solenne litur­gia in onore di A. nella chiesa a lui dedicata. Que­sta indicazione ci permette di rettificare le varie da­te dedicate ai due santi nel Martirologio Romano e nei sinassa-ri bizantini e di stabilire che, tra esse, è quella del 16 lugl. la più antica; insieme ci testimo­nia l'esistenza di una chiesa dedicata a s. Antioco nella città di s. Teodoro, cioè in Dara, città della Mesopotamia, che dal 507 era stata chiamata Anastasiopoli.


Autore:
Giovanni Lucchesi


Fonte:
Bibliotheca Sanctorum

______________________________
Aggiunto/modificato il 2009-06-02

___________________________________________
Translate this page (italian > english) with Google


L'Album delle Immagini
è temporaneamente
disattivato




CD immagini

Sostienici e avrai TUTTE le immagini di Santiebeati
Clicca qui per richiederlo

Home . Onomastico . Emerologico . Patronati . Diz.Nomi . Ricerca . Ultimi . Più visitati