Home . Onomastico . Emerologico . Patronati . Diz.Nomi . Ricerca . Ultimi . Più visitati


Newsletter
Per ricevere i Santi di oggi
inserisci la tua mail:

E-Mail: info@santiebeati.it


> Home > Sezione Chiese Orientali Ortodosse > San Procopio di Ustiug Condividi su Facebook Twitter

San Procopio di Ustiug “Folle per Cristo”, taumaturgo

8 luglio (Chiese Orientali)

† 1303

Mercante cattolico, si convertì a Novgorod e, dopo aver donato tutto ciò che possedeva ai poveri, diventò monaco presso il monastero di San Varlaam di Khutyn, sito poco distante dalle mura della città. Dopo qualche tempo decise di trasferirsì nella città di Ustjug dove decise di testimoniare la propria fede diventando un "Stolto in Cristo", sciegliendo cioè di vivere simulando la pazzia, in miseria e disprezzando il proprio corpo per poter meglio partecipare alla passione di Gesù. Fenomeno già presente fin dal V secolo nell'Impero bizantino, i “Folli per Cristo” si diffonderanno nei secoli successivi in tutta la Russia. A detta dei suoi agiografi fu Procopio il primo esponente di questo movimento religioso nel nord della Russia, fu infatti il primo che, interpretando le parole di San Paolo "Noi siamo gli Stolti per la grazia di Dio, ma tu sei saggio in Cristo; noi siamo deboli, ma tu sei forte; tu sei onorabile, ma noi siamo reietti" (Prima lettera ai Corinzi, 4,10) decise di vivere solo, trasportando nelle sue peregrinazioni tre pesanti assi di legno per mortificare il proprio corpo, vestendosi di stracci e dormendo sotto i porticati delle chiese. Visse accetando solo l'elemosina dei meno abbienti e mai delle persone ricche, poiché riteneva che quest'ultime avessero ottenuto ciò che possedevano in modo immorale, e tale atteggiamento lo costringeva a lunghi digiuni, che a volte perduravano per giorni. In ogni posto dove si recava esortava e ammoniva chi trovava sul suo cammino. Il popolo lo considerava santo già in vita poiché gli riconosceva il dono della profezia e il verificarsi di molti miracoli. Morì anziano nel 1303, presso i cancelli del monastero di Arkhangelsk. La venerazione popolare gli attribuì un gran numero di miracoli anche dopo la sua dipartita e furono numerose le persone che testimoniarono di averlo visto per le strade anche dopo la sua morte.


______________________________
Aggiunto/modificato il 2007-08-31

___________________________________________
Translate this page (italian > english) with Google


L'Album delle Immagini
è temporaneamente
disattivato




CD immagini

Sostienici e avrai TUTTE le immagini di Santiebeati
Clicca qui per richiederlo

Home . Onomastico . Emerologico . Patronati . Diz.Nomi . Ricerca . Ultimi . Più visitati