Home . Onomastico . Emerologico . Patronati . Diz.Nomi . Ricerca . Ultimi . Più visitati


Newsletter
Per ricevere i Santi di oggi
inserisci la tua mail:

E-Mail: info@santiebeati.it


> Home > Sezione Servi di Dio > Serva di Dio Marta Obregon Rodriguez Condividi su Facebook Twitter

Serva di Dio Marta Obregon Rodriguez Martire della purezza

.

La Coruña, Spagna, 1° marzo 1969 – Burgos, Spagna, 21 gennaio 1992

La ragazza spagnola Marta Obregon Rodriguez, appena ventiduenne, appartiene a quella folta schiera di ragazze cattoliche che non hanno esitato a testimoniare la loro fede difendendo la loro castità attentata dalle insidie di un qualche aggressore. Marta era la seconda di quattro figli, sua madre era membro dell’Opus Dei, ma lei entrò nel Cammino Neocatecumenale. Si fidanzò con Francisco Javier Hernando, militante del Circolo Cattolico. Per mantenere intatta la sua purezza, resistette ai tentativi di violenza messi in atto nei suoi confronti da Pedro Luis Gallego, un delinquente accusato di numerose violenze ed omicidi. La causa di beatificazione di Marta è stata introdotta dall’Arcidiocesi di Burgos ed ha ricevuto il Nulla Osta dalla Congregazione per le Cause dei Santi in data 28 aprile 2007.



È brillante, sportiva, dinamica. E anche bella. Di una bellezza, anzi, che non la fa passare inosservata, perché si accompagna ad un carattere estroverso e comunicativo “che attira come una calamita”, dicono i suoi amici. Marta Obregón Rodríguez è nata, seconda di quattro sorelle, il 1° marzo 1969 a La Coruña (Spagna), ma la famiglia si trasferisce a Burgos quando lei ha appena pochi mesi. Pratica pattinaggio, nuoto, atletica e nel tennis conquista i suoi primi trofei. Ha una voce meravigliosa, che qualcuno dice somigliare a quella di Bárbara Streisand, e sua inseparabile compagna è la chitarra, con la quale diventa l’anima degli incontri parrocchiali e delle feste tra amici. In famiglia si respira una religiosità profonda, mamma è attiva nell’Opus Dei, Marta invece si sente particolarmente attratta dalla spiritualità dei Neocatecumenali. Il che non la mette al riparo dalla crisi adolescenziale, che attraversa come tutti i coetanei, con una certa freddezza nei confronti delle pratiche religiose, pur non staccandosi mai del tutto dall’ambiente parrocchiale. Sono gli anni, anche, delle prime cotte, degli studi, dell’impegno. Studia lingue e va anche in Inghilterra a perfezionare il suo inglese, prima di orientarsi decisamente verso il giornalismo. A strapparla da questa vita spirituale troppo insignificante risulta decisivo un viaggio a Taizè con i Neocatecumenali nel 1990, dal quale ritorna entusiasta e determinata a dare una svolta al suo cammino di fede. Sembra davvero, lo testimoniano le amiche, che sia stata toccata da Cristo e inondata da un torrente di grazia. Pensa di inaugurare questo suo nuovo percorso spirituale con una buona confessione, ma il sacerdote cui si rivolge non la assolve. Marta entra così in un periodo particolarmente sofferto della sua vita, senza appoggi spirituali e per di più tormentata da una soffocante crisi di coscienza. È un altro sacerdote a farle sperimentare la gioia del perdono: da questa nuova confessione Marta esce come rinnovata e riparte piena di slancio a dare una nuova impronta ad ogni cosa che dice e che fa. Con Gesù tutto è davvero più facile e ne guadagnano tutti. Se ne accorge Javier, il “fidanzatino”, con il quale imposta un rapporto “a tre”, dove Dio gioca un ruolo di primo piano; se ne accorgono gli amici, tra i quali passa con l’allegria contagiosa di sempre, edificando tutti e spingendoli a Gesù.  Guarda al suo futuro lavoro come ad un’occasione per fare del bene e per testimoniare la sua fede: basta leggere i suoi primi articoli, in cui si batte per la vita, per la pace, per la giustizia. Ama la limpidezza e la serietà dei rapporti, per cui interrompe prontamente una gratificante collaborazione con una radio locale e un’incisione dei suoi canti, quando si accorge che potrebbero essere il preludio ad un rapporto sentimentale.  “Dio è la cosa più importante della mia vita”, dice, “è lui il mio unico amore”, e si stacca anche da Javier per essere libera di seguire Cristo, dandosi disponibile ad andare in missione con i Neocatecumenali.  E per prepararsi bene, prende sul serio la vita, lo studio, l’amicizia. “Riusciva ad entrare subito in relazione con tutti, aveva successo in ogni ambiente, tutti volevano stare con lei, parlare con lei, sapere di lei”: è il profumo di Cristo, che si diffonde al suo passaggio. Il 21 gennaio 1992, secondo il suo solito,trascorre molte ore al centro studentesco di Burgos, per preparare gli esami universitari di febbraio. Prima di rientrare in casa fa una sosta prolungata in cappella, davanti all’Eucaristia, perché, dice in quei giorni, “mi sento tanto più libera quanto più confido e mi abbandono a Lui”. Da un po’ di tempo si sente come pedinata e agli amici più cari ha confidato la sensazione che “la vita sia più breve di quello che pensiamo”. Fuori nevica, un amico le offre un passaggio in macchina, scaricandola davanti a casa, ma commette l’imprudenza di non attendere che entri nel portone di casa, ripartendo immediatamente. Mentre sta trafficando con la serratura viene caricata a forza su una macchina e scompare nel nulla. La ritrovano il 27 gennaio, senza vestiti, insanguinata e piena di lividi, buttata come uno straccio lungo l’autostrada, a cinque chilometri da Burgos: ha resistito con tutte le sue forze e non ha ceduto ad un delinquente, tal Pedro Luis Gallego, più conosciuto come il “violentatore dell’ascensore”, perché in ascensore ha assalito le sue cinque precedenti vittime, violentandole senza ucciderle. Su Marta, che aveva dato il suo cuore a Cristo, non è riuscito a prevalere e ha dovuto finirla con quattordici coltellate, una delle quali diretta al cuore. La diocesi di Burgos la ritiene martire della purezza e nel 2007 ha avviato la sua causa di beatificazione.
 


Autore:
Gianpiero Pettiti


Note:
Per maggiori informazioni: www.causademarta.net

_____________________
Aggiunto il 2011-01-13

___________________________________________
Translate this page (italian > english) with Google


L'Album delle Immagini
è temporaneamente
disattivato




CD immagini

Sostienici e avrai TUTTE le immagini di Santiebeati
Clicca qui per richiederlo

Home . Onomastico . Emerologico . Patronati . Diz.Nomi . Ricerca . Ultimi . Più visitati