Home . Onomastico . Emerologico . Patronati . Diz.Nomi . Ricerca . Ultimi . Più visitati


Newsletter
Per ricevere i Santi di oggi
inserisci la tua mail:

E-Mail: info@santiebeati.it


> Home > Sezione A > Sant' Auceia Condividi su Facebook Twitter

Sant' Auceia Re dei Barbari, martire

Date varie



Santi LUCEIA (Lucia), AUCEIA e compagni, martiri a Roma (?)

Le notizie su questi martiri sono molto oscure ed intricate e non soltanto per quanto riguarda il numero ed i nomi, ma anche per il tempo e luogo del loro martirio. Nei codici più antichi del Martirologio Geronimiano infatti sono loro dedicati ben sette latercoli e con notevoli dif­ferenze: al 1° e al 25 giug. sono attribuiti a Tessalonica solo Luceia ed Auceia; al 24 giug. a Roma con sessantadue o ventidue compagni; al 25 giug. la sola Luceia ad Alessandria e Tessalonica; al 26 giug. tutte e due a Roma o ad Alessandria, ma con la variante di Diogene per Auceia; al 1° lugl. ambedue a Roma, ma con otto o nove soci; al 18 e al 19 dic. ancora a Roma e con ventuno compagni, di cui sono riferiti dodici nomi soltanto.
In tanta diversità e confusione è impossibile stabilire quale sia il vero dies natalis, anche perché nessun'altra fonte ci soccorre. Floro di Lione si decise per il 25 giug. e la sua scelta, attraverso Adone ed Usuardo, è stata accolta nel Martirologio Romano, in cui è commemorata, con l'indicazione topografica di Roma, la vergine Luceia con altri venti­due soci. Probabilmente Floro conobbe la passio oggi esistente (BHL, II, p. 740, un. 4980-82) che già il Papebroch giudicava non solo antica, ma anche « sincera graviterque et verosimiliter scripta » e il Delehaye, per quanto la stimasse alquanto favolosa, non osava negare che in essa « forsitan aliquid veri latitare ». A noi sembra però che il benevolo giudizio dei due bollandisti sia alquanto esagerato e che la nostra passio non merita alcuna fede perché priva di qualsiasi valore storico.
A prescindere dal fatto che l'autore non sa indicare né il tempo del martirio né il luogo della sepoltura dei protagonisti, indizio eloquente che ha lavorato di fantasia senza alcun fondamento concreto, lo stesso racconto si rivela inconsistente ed inverosimile.
Luceia infatti è una vergine religiosa romana che catturata dal re barbaro Auceia sa resistere alle lusinghe del suo padrone, il quale ammirandone la fede e la fortezza non solo le permette di seguire la sua religione, ma si raccomanda alle sue preghiere ogni qualvolta deve intraprendere qualche batta­glia contro i suoi nemici. Dopo venti anni di prigionia, però, Luceia è avvertita da una visione che deve ritornare a Roma per subirvi il martirio; Auceia abbandona famiglia e regno e l'accompagna. Giunti a Roma Luceia è arrestata e poiché si rifiuta di sacrificare è tosto uccisa. Allora anche Auceia si pre­senta al prefetto e, pur essendo pagano, chiede ed ottiene di seguire la sorte di L. Poco dopo altri venti cristiani (che poi risultano ventuno perché di dodici sono riferiti i nomi e di altri nove si dice che sono conosciuti solo da Dio) sono arrestati ed uccisi.Evidentemente non ci si può fidare di questo racconto per accettare l'esistenza storica dei nostri martiri, tanto più che una Luceia martire di Roma è assolutamente ignota alle più antiche e genuine fonti agiografiche e liturgiche. Se ci è lecito pro­spettare un'ipotesi oseremmo dire che la nostra passio è una degna compagna dell'altra, non meno leggendaria, che ha per protagonisti Lucia e Geminiano, e come questa fu scritta per esaltare la titolare della basilica onoriana, così la nostra fu composta per dare una storia alla titolare di un'altra chiesa, duella cioè del monastero romano, conosciuto con l'appellativo di « Renato » o di « Lucia » la cui esistenza è attestata da S. Gregorio Magno (Didogi, IV, 13; Reg. Epist., XI, 15).
Ma la passio di Luceia e Auceia è alla base di un altro errore agiografico sanzionato dal Martirologio Ro­mano. Diversamente dalle fonti latine, il Sinassario Costantinopolitano riferisce una breve sintesi della nostra passio al 6 lugl., ma invece di Auceia ha trascritto « Rizio vicario », e poiché 'all'inizio della stessa passio si dice che Luceia era de territorio su-burbicario, il traduttore pensò alla « campagna romana » e quindi pose in Campania. ' A sua volta il Baronio trascrivendo dal Sinassario e non ren­dendosi conto che si trattava del gruppo già ri­cordato il 25 giug., corresse il nome di « Rizio vicario » in quello più noto di « Riziovaro », e attribuì tutto il gruppo dei martiri non a Roma ma alla Campania ( = regione); così accanto al già fantomatico gruppo di Luceia e compagni martiri ro­mani, commemorati il 25 giug. nel Martirologio Romano esiste anche il gruppo di Luceia e compagni, martiri campani, al 6 luglio.


Autore:
Agostino Amore


Fonte:
Bibliotheca Sanctorum

______________________________
Aggiunto/modificato il 2008-12-20

___________________________________________
Translate this page (italian > english) with Google


CD immagini

Sostienici e avrai TUTTE le immagini di Santiebeati
Clicca qui per richiederlo

Home . Onomastico . Emerologico . Patronati . Diz.Nomi . Ricerca . Ultimi . Più visitati