Home . Onomastico . Emerologico . Patronati . Diz.Nomi . Ricerca . Ultimi . Più visitati


Newsletter
Per ricevere i Santi di oggi
inserisci la tua mail:

E-Mail: info@santiebeati.it


> Home > Sezione Chiese Orientali Ortodosse > San Smbat il Confessore Condividi su Facebook Twitter

San Smbat il Confessore Generale armeno

13 giugno (Chiese Orientali)

† 855 circa


Il Sinassario di Ter Israyel commemora il 7 margac' (13 giu.) il generale (sparapet) Smbat Bagratuni, padre del re Asot I. Nella notizia si riferisce che al tempo del­l'invasione dell'Armenia da pane del governatore Bula (Bugha al-Kabir), Smbat si consegnò a lui seguendo così la sorte di altri naxarar (nobili) armeni che. incatenati, fu­rono condotti a Samarra (nel testo genericamente «Babilonia») per essere deferiti al califfo. Davanti a lui molti di loro, per aver salva la vita, preferirono rinne­gare la religione cristiana; non così fecero Stefano det­to Kon, principe del borgo di Tus nella provincia di Uteac'ik', che scelse il martirio, e lo stesso Smbat, il quale, avendo più volte proclamato la propria fede in Cristo, morì dopo una lunga prigionia. La notizia termina ri­ferendo che alcuni cristiani del posto, ottenuta l'auto­rizzazione del califfo, trasportarono il suo corpo nella vecchia Babilonia, e lo seppellirono nella cappella che era stata costruita sopra la fossa del profeta Daniele.
Nello stesso Sinassario, il nome di Smbat ricorre altre due volte, unito al ricordo delle 250 vittime della per-secuzione di Bula: in una breve menzione al giorno 25 meheki (3 mar.) comprendente anche i «Secondi Ato-miani», nonché al successivo 26 meheki (4 mar.) in una notizia più dif­fusa, analoga a quella del 13 giu.
In linea generale, quanto riferito nel Sinassario tro­va riscontro nelle pagine degli storici armeni sia contemporanei che successivi: Giovanni Kat'otìkos (sec. DO, ad esempio, dedica all'elogio del martirio di Smbat il cap. 14 della sua Storia d'Armenia, mentre Kirakos Ganjakec'i, nel XIII secolo, attesta l'epiteto di «Con­fessore» (Xostovanol) che ha seguito nel tempo il no­me del santo. Sempre al XIII secolo risale la testimo­nianza di Tommaso Arcruni (cf. M. Brosset, Collection d'historiens arméniens, I, San Pietroburgo 1874, 166-167), secondo la quale Smbat non subì un'esecuzione ma, pur restando, come sembra, in carcere, ebbe salva la vita: il «martirio» nominato nelle fonti sarebbe dun­que da intendersi come la lunga serie di patimenti uni­ti alla prigionia, che furono causa della sua morte.


Fonte:
Bibliotheca Sanctorum Orientalium

______________________________
Aggiunto/modificato il 2009-03-17

___________________________________________
Translate this page (italian > english) with Google


CD immagini

Sostienici e avrai TUTTE le immagini di Santiebeati
Clicca qui per richiederlo

Home . Onomastico . Emerologico . Patronati . Diz.Nomi . Ricerca . Ultimi . Più visitati