Home . Onomastico . Emerologico . Patronati . Diz.Nomi . Ricerca . Ultimi . Più visitati


Newsletter
Per ricevere i Santi di oggi
inserisci la tua mail:

E-Mail: info@santiebeati.it


> Home > Sezione Servi di Dio > Serva di Dio Barbara Umiastauskaite Zagariete Condividi su Facebook Twitter

Serva di Dio Barbara Umiastauskaite Zagariete Vergine e martire

.

Zvelgaiciai, Lituania, 1628 - 1648

Barbara, o meglio, Barborą Umiastauskaitė, detta anche Barborą ˇagarietę, fu una giovane lituana, vissuta nel XVII secolo. Aspirava a consacrarsi al Signore come monaca benedettina, ma dovette lasciare il convento. A vent’anni, per sfuggire a un tentativo di violenza da parte di suo padre, si gettò da una finestra al secondo piano di casa sua e ne morì. La venerazione popolare nei suoi riguardi si è protratta per secoli e ha sfidato perfino l’occupazione sovietica. Il processo per indagare il suo martirio in difesa della castità del corpo è stato avviato nella diocesi di Šiauliai il 24 settembre 2005. I suoi resti mortali, rimasti intatti nonostante incendi e furti, non sono più stati ritrovati dal 1963.



Barbara Umiastauskaitė nacque nel 1628 a ˇvelgaičiai, nella regione di Joniškis, in Lituania, e visse nella vicina città di ˇagare (motivo per cui è nota anche come Barborą ˇagarietę). Suo padre, Tadas Umiastauskasera, era un “bajoras”, ossia un membro della nobiltà, che vigilava dalla torre di Raktuve contro le invasioni del Paese da parte teutonica.
Come in certe favole, la piccola Barbara rimase orfana e venne maltrattata dalla nuova moglie del padre. Suo unico conforto era la preghiera assidua, insieme all’assistenza ai più poveri. Ciò non era visto di buon grado dal padre, che avrebbe preferito darla in sposa, dato che era la sua unica erede.
Barbara, però, non era del medesimo parere: entrò quindi nel monastero benedettino di Riga, ma fu per breve tempo. Le esatte ragioni possono essere ricondotte o alla sua cagionevole salute o, come in altri casi, all’obbligo a tornare a casa da parte dei familiari.
Quasi alla stregua della sua omonima martire di Nicomedia, anche lei trovò la morte per causa del padre. Fonti storiche affermano che nel 1648, per sfuggire a un tentativo di violenza da parte sua, la giovane saltò da una finestra situata al secondo piano della propria abitazione e morì; aveva vent’anni. Tuttavia, a causa della posizione di prestigio ricoperta dal genitore, nessuno osò accusarlo. Quanto a lui, pentito, fece costruire una cappella sulla capella in pietra, a sua memoria.
Il corpo di Barbara venne chiuso in un sarcofago, sepolto nella villa di Butlerai, presso ˇvelgaičiai. Quando venne riesumato, risultò intatto, poi venne seppellito nel cimitero comunale. Nel 1711, ottenuti i debiti permessi, venne inserito in un’urna di vetro, collocata nella chiesa del centro storico di ˇagare.
La buona fama della giovane venne inizialmente sostenuta dal vescovo di Samogitia, Antanas Samogitian Tiškevičius, che presentò a Roma una relazione dettagliata, con l’attestazione di sette miracoli ottenuti per sua intercessione e il racconto di come, nonostante un grave incendio appiccato dagli invasori svedesi, i suoi resti mortali non erano andati persi tra le fiamme.
Nel 1870, un secolo dopo la prima commemorazione ufficiale di Barbara, il vescovo Motiejus Valačius incaricò il parroco della chiesa di Lima˛evicius di raccogliere le segnalazioni di grazie ricevute per sua intercessione.
La venerazione popolare subì una prima battuta d’arresto quando, nel 1878, lo zar ordinò di murare la porta della cripta dov’era custodito il corpo della potenziale martire. Diciannove anni dopo, nel 1897, grazie ad alcuni lavori di restauro, il luogo tornò accessibile e molti fedeli, specialmente dalla Lettonia, vennero a pregare là.
Un nuovo ostacolo si manifestò nel 1937, quando ignoti profanarono la cripta e abbandonarono per strada i resti di Barbara. La popolazione s’indignò e, dopo averli recuperati, li ricollocò nell’urna. È attestato che, nonostante tutte quelle traversie, il corpo non aveva subito nessun danno.
Tre anni dopo, con l’occupazione sovietica della Lituania, sorsero problemi ancora più gravi, peggiorati dal 1957 in poi. Il danno maggiore avvenne nel 1963: la chiesa venne sconsacrata e adibita a granaio e deposito per gli autoveicoli. Quanto a Barbara, la sua urna andò definitivamente dispersa, anche se, oggi, si continua a pregare per il suo ritrovamento.
I primi segnali di riscoperta della sua figura avvennero nel 1994: il parroco della chiesa dei santi Pietro e Paolo, Boleslovas Babrauskas, annunciò di aver rinvenuto un registro risalente al 1940, dov’erano riportati ben 97 miracoli, tenuti nascosti negli anni del comunismo.
Il perdurare della fama di Barbara e l’immutata devozione da parte del popolo ha condotto il vescovo di Šiauliai, Eugenijus Bartulisa, a chiedere alla Santa Sede il nulla osta per l’avvio della fase diocesana del processo per indagare le virtù eroiche della ragazza. L’autorizzazione giunse il 13 maggio 2005: il processo diocesano fu quindi intrapreso il 24 settembre del medesimo anno.

PREGHIERA per chiedere che la Serva di Dio sia innalzata agli onori degli Altari

Dio dell’Amore, Ti preghiamo con tutto il cuore, perché la Serva di Dio Barbora Zagariete, la quale, ispirata dalla fede profonda, ha curato con zelo i poveri, morta giovane e dopo la sua morte quasi quattrocento anni è diventata famosa per i miracoli e molte grazie, sia proclamata beata dalla Chiesa. Grazie, ricevute per la sua intercessione, promuovano tutti, in particolare i giovani cristiani, che incontrano le prove del mondo contemporaneo, di sviluppare in se stessi la ferma fede e fiducia in Dio. Te lo chiediamo per Cristo nostro Signore. Amen.

Serva di Dio Barbora Zagariete, prega per noi.

Pater, Ave, Gloria.

Imprimatur
+ Eugenijus Bartulis
Episcopus Siaulensis
Siauliai, 26.11.2012


PREGHIERA per chiedere il ritrovamento delle spoglie della Serva di Dio

Signore, Tu non hai permesso al corpo della Vergine Barbora la corruzione, perché testimoniasse il suo spirito, che era nel corpo, e che Ti piace: forte è l’amante di Dio e degli uomini. Tu hai permesso che succedesse presso le sue spoglie le guarigioni miracolose, in quel modo rafforzando la fede. Permetti, o Signore, se questa è la Tua volontà, perché quelle spoglie, che sono rimaste intatte nel fuoco distruttore e non sono decadute murate nella cripta, siano restituite all’asilo di quella chiesa, nella quale si trovavano già centinaia di anni. La sua intercessione, o Signore, accompagni tutti, che chiederanno a lei aiuto nelle loro miserie ed infermità. Amen.

(Sac. Stasys Yla, Il libro della preghiera “Credo in Dio”, Chikago, 13.03.1964)


Autore:
Emilia Flocchini

_____________________
Aggiunto il 2015-02-04

___________________________________________
Translate this page (italian > english) with Google


L'Album delle Immagini
è temporaneamente
disattivato




CD immagini

Sostienici e avrai TUTTE le immagini di Santiebeati
Clicca qui per richiederlo

Home . Onomastico . Emerologico . Patronati . Diz.Nomi . Ricerca . Ultimi . Più visitati