Home . Onomastico . Emerologico . Patronati . Diz.Nomi . Ricerca . Ultimi . Più visitati




Newsletter
Per ricevere i Santi di oggi
inserisci la tua mail:


E-Mail: info@santiebeati.it


> Home > Sezione Cardinali defunti > Card. Julien Ries Condividi su Facebook Twitter

Card. Julien Ries

Cardinale defunto

Arlon, Belgio, 19 aprile 1920 - Tournai, Belgio, 23 febbraio 2013


Il Cardinale Julien Ries, Professore emerito di storia delle religioni presso l’Università Cattolica di Louvain-la-Neuve (Belgio), considerato il più grande antropologo religioso del nostro tempo, è nato a Fouches, comune di Hachy, attualmente Arlon, nel Lussemburgo belga, il 19 aprile 1920. Il suo percorso didattico è cominciato nella scuola primaria a Fouches, poi è proseguito dal 1933 al 1941 nel seminario di Bastogne, dove ha perfezionato gli studi umanistici e filosofici.
Dal 1941 al 1945, in pieno tempo di guerra, ha frequentato il seminario maggiore di Namur, dove è stato ordinato sacerdote il 12 agosto 1945.
Su richiesta del vescovo diocesano, monsignor André Marie Charue, ha proseguito gli studi di teologia e di orientalistica all’Università Cattolica di Louvain, dove è rimasto dal 1945 al 1950. Intanto, nel 1948 si è laureato in teologia e nel 1949 in filosofia e storia orientale. Nel 1953 ha discusso la tesi di dottorato dal titolo: I rapporti della cristologia manichea con il Nuovo Testamento nell’eucologio copto di Narmouthis (Medĭnet Mădi). Ha avuto come relatori i monsignori Cerfaux e Lefort. Dopo che nel 1957 la sua tesi è stata pubblicata nelle Ephemerides Theologicae Lovanienses, ha conseguito il dottorato in teologia. Durante il periodo universitario ha anche prestato servizio pastorale nella diocesi di Namur. Negli anni 1949-1950 è stato vicario a Martelange, poi dal 1950 al 1959 docente di religione all’ateneo di Athus, quindi è stato nominato parroco-decano di Messancy, incarico mantenuto dal 1959 al 1968, anno in cui ha iniziato il ministero di parroco di Suarlée conclusosi nel 2000.
Dal 2000 è cappellano della Famiglia Spirituale L'Oeuvre nella casa madre di Villers-Notre-Dame.
La sua carriera accademica è stata segnata da un crescendo di incarichi nell’università cattolica di Lovanio. Nel 1960 è stato nominato professore incaricato. Nel 1968 i vescovi del Belgio lo hanno designato professore di storia delle religioni presso la facoltà di teologia e l’istituto orientalista, incarico mantenuto fino al 1991, quando è diventato professore emerito. La sua attività all'interno dell'ateneo è stata caratterizzata da un'attenzione particolare alle religioni orientali, in particolare alle figure di Mitra e di Zaratustra, e poi all'induismo, al buddismo e all'islam. Ha tenuto vari corsi sul sacro, il mito, il rito, i simboli. Si è specializzato anche nello studio delle religioni dell’Egitto faraonico, dello gnosticismo, del manicheismo e delle antiche religioni germaniche e scandinave. Ha fondato il Centre d’Histoire des Religions dell’Université Catholique di Louvain-la-Neuve e ha creato e diretto quattro raccolte di pubblicazioni di storia delle religioni: le collane Homo Religiosus, Cerfaux-Lefort, Information et Enseignement e Conférences et Travaux.
Nel 1969, durante il trasferimento dell’Università francofona e la sua ricostruzione a Louvain-la-Neuve, è stato incaricato della creazione del Centro Cerfaux-Lefort allo scopo di riorganizzare la biblioteca universitaria. Ha prestato servizio nel Centro fino al 2011, occupandosi delle grandi raccolte di libri e riviste per Louvain-la-Neuve, per i Paesi dell’est dell’Europa e per l’Africa francofona.
Dal 1975 al 1980 è stato presidente dell’Institut Orientaliste di Louvain-la-Neuvee, dal 1979 al 1985, consultore del Segretariato per i non cristiani.
Nel 1986 l’Académie Française gli ha conferito il premio Dumas Millier per le sue pubblicazioni sul tema del sacro e nel 1987 il premio Furtado per «l’insieme della sua opera scientifica».
Dal 1982 al 2000 ha partecipato diciassette volte come conferenziere al Meeting per l'amicizia tra i popoli promosso a Rimini da Comunione e Liberazione.
Dopo essere divenuto professore emerito, i suoi colleghi hanno voluto celebrarne l'opera con quatto volumi di Festschriften, miscellanea di studi in suo onore. Ries ha tenuto, inoltre, un corso semestrale all’Institut Catholique di Parigi e un altro presso la facoltà di teologia di Lugano, in Svizzera, sul tema L’antropologia religiosa.
Al suo attivo annovera moltissime pubblicazioni scientifiche. Nell'imponente bibliografia contenuta nel volume L’Antropologia religiosa. Il contributo di Julien Ries alla storia delle religioni (a cura di Natale Spineto, Jaca Book, Milano, 2008) sono annoverati 645 titoli di libri, saggi e articoli per riviste.
Fra le sue pubblicazioni, da ricordare Il Sacro nella storia religiosa dell’umanità (1982). Un centinaio di testi sono contenuti nel Dictionnaire des religions, edito sotto la direzione del cardinale Paul Poupard. Della sua Opera Omnia sono già stati pubblicati undici tomi in italiano e cinque in francese.
Ha diretto il Trattato di Antropologia del Sacro, opera monumentale - pubblicata dalla Jaca Book - alla quale dal 1989 hanno collaborato i maggiori specialisti di tutto il mondo, giunta a compimento nel 2009 con il decimo volume.
Nel 2009 ha donato all'Università Cattolica del Sacro Cuore di Milano la sua biblioteca, la totalità dei suoi manoscritti, appunti e fogli relativi a corsi e, soprattutto, le corrispondenze che ha avuto con storici delle religioni di tutto il mondo. Questa collezione privata di circa 8.000 pezzi tra editi e inediti è andata a costituire, all'interno dell'ateneo milanese, l'Archivio "Julien Ries" per l’antropologia simbolica, diretto dal professore di Semiotica e Filosofia Morale Silvano Petrosino.
Il 27 ottobre 2010 l'Università Cattolica del Sacro Cuore di Milano gli ha conferito la laurea magistrale honoris causa in Filosofia della persona e bioetica «per il valore intrinseco dei suoi studi, per la sua instancabile operosità scientifica e culturale, per l'apporto decisivo che le sue indagini sul fenomeno religioso hanno fornito alla comprensione della specificità propria dell'essere dell'uomo in quanto homo religiosus».
È commendatore dell’Ordine del Santo Sepolcro di Gerusalemme.
Dopo l'annuncio dell'imminente creazione a Cardinale, è stato nominato Arcivescovo titolare di Belcastro e l'11 febbraio 2012 ha ricevuto l'ordinazione episcopale nella chiesa di Notre Dame de Villers-Saint-Amand.
Da Benedetto XVI creato e pubblicato Cardinale nel Concistoro del 18 febbraio 2012, della Diaconia di Sant’Antonio di Padova a Circonvallazione Appia.
Il Cardinale Julien Ries morto il 23 febbraio 2013.


Fonte:
Santa Sede

______________________________
Aggiunto/modificato il 2020-12-30

___________________________________________
Translate this page (italian > english) with Google


L'Album delle Immagini
è temporaneamente
disattivato




Home . Onomastico . Emerologico . Patronati . Diz.Nomi . Ricerca . Ultimi . Più visitati