Home . Onomastico . Emerologico . Patronati . Diz.Nomi . Ricerca . Ultimi . Più visitati


Newsletter
Per ricevere i Santi di oggi
inserisci la tua mail:

E-Mail: info@santiebeati.it


> Home > Sezione M > Beata María Inés Teresa del Santissimo Sacramento (Manuela di Gesù Arias Espinosa) Condividi su Facebook Twitter

Beata María Inés Teresa del Santissimo Sacramento (Manuela di Gesù Arias Espinosa) Fondatrice

22 luglio

Ixtlán del Rio, Messico, 7 luglio 1904 - Roma, 22 luglio 1981


Chiamata affettuosamente “Manuelita”, la religiosa ha espresso il 12 dicembre del 1930 i voti temporanei nel Monastero dell’Ave María davanti all’immagine della Santissima Vergine di Guadalupe e quelli perpetui il 14 dicembre 1933.
La sua vita di clausura è durata fino al 1949. Quattro anni prima suor María Inés Teresa aveva ricevuto la notizia che Roma aveva firmato l’autorizzazione per fondare le Missionarie Clarisse del Santissimo Sacramento, una nuova congregazione cattolica con un’ideale contemplativa e apostolica nata ufficialmente nell’agosto 1945 a Cuernavaca. Il 22 giugno 1951 la Santa Sede ha approvato la nuova congregazione in modo permanente.
Da allora, le religiose Missionarie Clarisse del Santissimo Sacramento hanno esteso la loro attività di evangelizzazione in vari Paesi, non solo nelle Americhe ma anche in Asia, Africa ed in Europa.
Il 5 gennaio 1953 la Santa Sede ha autorizzato anche il movimento laicale Vanguardias Clarisas, che si è sviluppato in parallelo con la congregazione.
Le Missionarie sono una congregazione eucaristica, mariana e missionaria, che conducono una vita contemplativa e, allo stesso tempo, attiva, che ha come base l’adesione alla volontà divina, fonte di allegria, e come centro Gesù Cristo.
Fanno professione dei voti di castità, povertà ed obbedienza, e testimoniano l’amore fraterno “sempre in uno spirito di comprensione e di servizio, vissuti nell’amore e nella pace, essendo la carità ciò che incoraggia a vivere non per se stessi ma per ogni anima in stato di necessità”.
Madre María Inés Teresa ha lasciato numerosi scritti (oltre 6000), oltre a 36 case di missionarie in 14 paesi del mondo ed opere sacerdotali in Sierra Leone e in Messico.
La nuova beata nacque ad Ixtlán del Río (nello Stato messicano di Nayarit) il 7 luglio 1904 e morì a Roma (Italia) il 22 luglio 1981, solo pochi mesi dopo essere stata ricevuta da papa Giovanni Paolo II, il 9 dicembre 1980.
Era la quinta di otto fratelli nati da una famiglia cristiana. All’età di sette anni ha ricevuto la sua Prima Comunione. La sua vocazione risale al 1924, per entrare, cinque anni dopo, nel monastero dell’Ave María a Los Angeles, in California.
Erano gli anni della persecuzione religiosa dopo la Guerra dei Cristeros (1926-1929) e, per questo motivo, il monastero si era trasferito nei vicini Stati Uniti.
È stata la fondatrice delle congregazioni delle Missionarie Clarisse nel 1945 e dei Missionari di Cristo per la Chiesa universale nel 1979.
Il motto della Famiglia Inesiana è “Oportet illum regnare” (“Egli deve regnare”).


Fonte:
ZENIT

______________________________
Aggiunto/modificato il 2012-06-01

___________________________________________
Translate this page (italian > english) with Google


L'Album delle Immagini
è temporaneamente
disattivato




CD immagini

Sostienici e avrai TUTTE le immagini di Santiebeati
Clicca qui per richiederlo

Home . Onomastico . Emerologico . Patronati . Diz.Nomi . Ricerca . Ultimi . Più visitati