Home . Onomastico . Emerologico . Patronati . Diz.Nomi . Ricerca . Ultimi . Più visitati


Newsletter
Per ricevere i Santi di oggi
inserisci la tua mail:

E-Mail: info@santiebeati.it


> Home > Sezione Venerabili > Venerabile Giovanni Nicolucci da san Guglielmo Condividi su Facebook Twitter

Venerabile Giovanni Nicolucci da san Guglielmo Agostiniano

.

Montecassiano, Macerata, 15 luglio 1552 - Battignano, Gosseto, 15 agosto 1621


Nato a Montecassiano (Macerata) il 15 luglio 1552, rimase ben presto orfano dei genitori, trovando un rifugio nella facoltosa casa dell'ottimo compaesano Bartolomeo Quattrini. Nel settembre 1570 entrò tra gli Agostiniani nel patrio convento di S. Marco; studiò, prima del sacerdozio (1575), nelle Marche e poi nel Veneto e in Romagna; mentre era a Padova cadde vittima di un infame tranello, per cui ebbe a soffrire, con umile rassegnazione, le più dure pene ecclesiastiche, finché, nel 1587, il generale dell'Ordine, Gregorio da Montelparo, futuro cardinale, ne riconobbe l'innocenza.

Nel frattempo aveva insegnato filosofia e teologia presso i Celestini di Sulmona, da dove era passato a S. Agostino a Roma. Il suddetto generale lo volle maestro dei novizi nel convento di S. Felice a Giano dell'Umbria. Da qui passò a Perugia e quindi, come priore, prima a Camerino (1590) e poi a Montecassiano (1592). Anelando alla solitudine, ottenne dai superiori il permesso di ritirarsi nell'eremo della Madonna della Sassetta, nel Senese, e più tardi in quello di S. Guglielmo eremita a Castiglione della Pescaia, in Maremma.

Qui la sua santità attirava pellegrini d'ogni parte, mentre dovunque era richiesto per la direzione spirituale e per la predicazione e tutti edificava con la penitenza, l'orazione e la devozione alla Passione e alla Vergine. A Tirli (sempre in territorio di Castiglione della Pescai a) fondò un romitorio, dove si ritirò.

Il 3 maggio 1621, attratto dalla riforma degli Agostiniani scalzi, entrò a fame parte nel convento di Battignano (Grosseto), assumendo il nome di Giovanni di S. Guglielmo, e vi rimase fino al 15 agosto dello stesso anno, quando santamente si spense. Inutile dire come popolo e persone eminenti, tanto ecclesiastiche che laiche, ne celebrassero, anche dopo la morte, la santità e si raccomandassero a lui, ottenendone grazie. Già fin dal 1625 fu introdotta la causa di beatificazione; nel 1771 furono approvate le virtù; nel 1894 si adunò la congregazione preparatoria sui miracoli. Il venerabile, conosciuto anche come "l'Apostolo della Maremma" lasciò diversi lavori letterari, quasi tutti manoscritti, d'indole spirituale e mariana.


Autore:
Agostino M. Giacomini O.S.A.


Fonte:
www.cassiciaco.it

______________________________
Aggiunto/modificato il 2013-12-08

___________________________________________
Translate this page (italian > english) with Google


L'Album delle Immagini
è temporaneamente
disattivato




CD immagini

Sostienici e avrai TUTTE le immagini di Santiebeati
Clicca qui per richiederlo

Home . Onomastico . Emerologico . Patronati . Diz.Nomi . Ricerca . Ultimi . Più visitati