Home . Onomastico . Emerologico . Patronati . Diz.Nomi . Ricerca . Ultimi . Più visitati


Newsletter
Per ricevere i Santi di oggi
inserisci la tua mail:

E-Mail: info@santiebeati.it


> Home > Sezione Servi di Dio > Servi di Dio Antonio della NativitÓ e 148 compagni Condividi su Facebook Twitter

Servi di Dio Antonio della NativitÓ e 148 compagni Martiri di Mombasa

.

Mombasa, Kenya, 16/21 agosto 1631


Nell'anno1631, a cui si riferiscono gli episodi narrati, Mombasa, una città sulle coste africane dell'Oceano Indiano (attuale Kenya), è una piazzaforte militare portoghese a metà strada sulla rotta delle Indie. la sua posizione ha una grande importanza strategica. Si tratta di un avamposto di mare, con i militari della guarnigione, avventurieri, scampati al naufragio e mercanti europei, africani, arabi, asiatici. La popolazione locale è per la maggior parte musulmana. C'è anche una fiorente e fervorosa comunità cristiana, formata metà da portoghesi e metà da nativi.

Dal 1597 Mombasa è curata pastoralmente dagli agostiniani portoghesi. Hanno anche allevato e cresciuto nella fede cristiana del principe Gerolamo Chingulia, che ora, succeduto a suo padre, regna sul luogo in nome del re portoghese. Da tempo però Chingulia, forse pressato dai suoi, ha interiormente rinnegato il battesimo e ha aderito alla fede dei suoi avi, l'Islam. Accarezza l'idea di cacciare i portoghesi. Il 16 agosto 1631, riesce ad introdursi nella fortezza, con i suoi uomini armati, sorprende e uccide la guarnigione. Quindi fece appiccare il fuoco alle loro abitazioni nella città. I soldati si diedero al saccheggio, mentre il fuoco divampò per tutta la notte.

I cristiani che scamparono al massacro si raccolsero dentro la chiesa. Nei giorni seguenti inutilmente i tre agostiniani presenti nella missione di Mombasa, i Padri Antonio della Natività, Antonio della Passione e Domenico della Natività, cercarono di indurre Chingulia a lasciar liberi i cristiani: il re in cambio della vita pretendeva che abbracciassero l'islam. Ma i superstiti, sia portoghesi che nativi, incoraggiati dai Padri, decisero di rimanere fedeli a Cristo. Il 21 agosto il re fece chiamare davanti a sé i tre religiosi e tutti gli uomini rifugiati in chiesa e li fece massacrare. Se ne salvò soltanto uno, perché apostata dalla fede. Poi fu la volta delle donne e dei bambini. Il re fece sapere al gruppo rimasto in chiesa che gli risparmiava la vita e lo inviava alla vicina isola di Pate, dove c'era una guarnigione portoghese. Una colonna formata da donne, ragazzi e bambini si avviò verso il porto. Le mamme procedevano stringendo a sé i figli, animandosi e animando i piccoli a rimanere fermi nella fede cristiana. Al porto, però non le attendevano marinai per condurle a Pate, ma una masnada di soldati che infierirono su di loro uccidendoli a colpi di spada, di remi, di bastoni. È in corso la causa di canonizzazione, basata sul processo diocesano tenutosi a Goa nel 1632.


Autore:
Pietro Bellini O.S.A.


Fonte:
www.cassiciaco.it

______________________________
Aggiunto/modificato il 2013-12-13

___________________________________________
Translate this page (italian > english) with Google


L'Album delle Immagini
è temporaneamente
disattivato




CD immagini

Sostienici e avrai TUTTE le immagini di Santiebeati
Clicca qui per richiederlo

Home . Onomastico . Emerologico . Patronati . Diz.Nomi . Ricerca . Ultimi . Più visitati