Home . Onomastico . Emerologico . Patronati . Diz.Nomi . Ricerca . Ultimi . Più visitati


Newsletter
Per ricevere i Santi di oggi
inserisci la tua mail:

E-Mail: info@santiebeati.it


> Home > Sezione Servi di Dio > Serva di Dio Raffaella della Passione Veintemilla Condividi su Facebook Twitter

Serva di Dio Raffaella della Passione Veintemilla Fondatrice

.

1836 - 1918


Originaria di Quito (Ecuador), a quattro anni rimase orfana della madre e a diciannove perse anche il padre. Ricevette una educazione propria dell'alta società, cui la sua famiglia apparteneva. Sin da giovane, attratta dalla figura della B. Marianna di Gesù, il giglio di Quito, oltre a vestirne l'abito, creò un'associazione in suo onore. Avrebbe desiderato vivere in un monastero come clarissa, ma suo fratello il generale Ignazio - Presidente della Repubblica dell'Ecuador dal 1878 al 1883 -, che per lei era come un padre, desiderava che continuasse ad essere la responsabile del governo della casa. Rimase pertanto nel mondo, ma con una forma di vita simile a quella di una religiosa: con i voti privati e con il proposito di fare ciò che in ciascun caso le fosse sembrato più perfetto. Dedicava varie ore del giorno a pratiche di devozione, come l'orazione mentale, la recita dell'ufficio parvo e dei quindici misteri del rosario.

In conseguenza della rivoluzione contro il "dittatore Veintemilla", suo fratello, fu incarcerata per otto mesi. Quando poi, verso la fine del 1883, fu espulsa dalla nazione insieme a tutta la famiglia, stabilì la residenza a Lima, ovviamente con le ristrettezze proprie degli esiliati. Nella sua nuova patria divenne ben presto una persona nota. Era alta, piuttosto snella, di tratto signorile, con una personalità ferma e serena e una grande padronanza di sé. Poco dopo il suo arrivo si iscrisse alla Confraternita del Rosario che aveva sede nella chiesa di S. Domenico.

Dal 1894 ebbe come direttore spirituale l'agostiniano spagnolo Padre Eustasio Esteban, futuro generale dell'Ordine. Con il suo aiuto non tardò a rendersi conto che il Signore la chiamava a fondare una congregazione religiosa avente come scopo di nutrire e istruire le bambine e le giovanette bisognose di ogni tipo di protezione, offrendo i sacrifici che tale servizio avrebbe comportato in favore dei peccatori e a conforto delle anime del purgatorio. Verso la metà del 1895 si separò dalla famiglia e andò a vivere in un modesto appartamento in affitto.

Adottò sin da allora il nome di Raffaella della Passione e per le sue figlie quello di "Agostiniane Figlie del SS. Salvatore". Senza altro segno esterno se non il vestito nero con un crocefisso sul petto e un rosario pendente dalla cintura agostiniana. Morì nel 1918 all'età di 82 anni. I suoi resti riposano nel giardino del convento di Nostra Signora del Prado di Lima. Ottenuto il 6 febbraio 1987 il nihil ostat della Santa Sede, il 30 marzo 1987 si dava inizio all'inchiesta diocesana. Conclusa questa il 6 aprile 1989, si è avuto il decreto di validità dalla Congregazione dei Santi il 6 marzo 1992.


Fonte:
www.cassiciaco.it

______________________________
Aggiunto/modificato il 2013-12-13

___________________________________________
Translate this page (italian > english) with Google


L'Album delle Immagini
è temporaneamente
disattivato




CD immagini

Sostienici e avrai TUTTE le immagini di Santiebeati
Clicca qui per richiederlo

Home . Onomastico . Emerologico . Patronati . Diz.Nomi . Ricerca . Ultimi . Più visitati