Home . Onomastico . Emerologico . Patronati . Diz.Nomi . Ricerca . Ultimi . Più visitati


Newsletter
Per ricevere i Santi di oggi
inserisci la tua mail:

E-Mail: info@santiebeati.it


> Home > Sezione P > Beato Paolo Yi Do-gi Condividi su Facebook Twitter

Beato Paolo Yi Do-gi Martire

24 luglio

>>> Visualizza la Scheda del Gruppo cui appartiene

Cheongyang, Corea del Sud, 1743 Jeongsan, Corea del Sud, 24 luglio 1798

Paolo Yi Do-gi aderì al cattolicesimo, ma dovette trasferirsi più volte insieme alla sua famiglia a causa delle minacce. Stabilitosi nella cittadina montana di Jeongsan, si guadagnò da vivere come vasaio, finché la polizia non venne ad arrestarlo mentre lavorava. Morì a causa delle numerose percosse e torture subite il 24 luglio 1798. Inserito nel gruppo di martiri capeggiato da Paolo Yun Ji-chung, è stato beatificato da papa Francesco il 16 agosto 2014, nel corso del viaggio apostolico in Corea del Sud.



Paolo Yi Do-gi nacque a Cheongyang, nell’antico distretto di Chungcheong, nel 1743. Benché non sapesse leggere, comprese pienamente le virtù cristiane, ad esempio usando le sue poche sostanze per aiutare l’evangelizzazione dei non credenti. Minacciato a causa della sua fede, si spostò di città in città, fino a trasferirsi da Cheongyang a Jeongsan, in montagna, insieme alla sua famiglia. Lì impiantò una fornace e prese a lavorare come vasaio.
Tuttavia, i cattolici coreani furono nuovamente in pericolo quando, nel 1797, esplose la persecuzione Jeongsa. Un vicino non credente andò da Paolo e lo minacciò: «Riferirò alla polizia che tu sei un capo dei cattolici». Sua moglie, terrorizzata, gli chiese di fuggire, ma lui rispose di non voler andare contro il volere di Dio, anche per non essere di cattivo esempio per i neofiti.
L’8 giugno 1793, mentre Paolo stava lavorando in casa, i poliziotti fecero irruzione per arrestarlo, trovando un crocifisso e alcuni libri religiosi. Lo presero a botte e gli chiesero dove si trovassero altri cristiani, ma lui rimase in silenzio.
Trasferito all’ufficio governativo di Jeongsan, Paolo venne ripetutamente interrogato e torturato. A volte veniva condotto nella piazza del mercato, per essere umiliato pubblicamente, ma non si piegò mai, anzi, espose coraggiosamente la dottrina della Chiesa al magistrato che voleva obbligarlo ad apostatare.
Col passare del tempo, soffriva sempre più la fame e il freddo, ma resisteva pensando continuamente a Gesù. Affermò di aver sentito un angelo dirgli: «Il Signore è con te», e si sentì circondato da una beatitudine celeste.
Il primo giorno del 1798, Paolo venne condotto dal magistrato e passò attraverso nuovi interrogatori e torture. Gli venne proposto di salvarsi accettando una carica ufficiale, ma ribatté: «Anche se mi deste l’intero villaggio, non posso rinunciare al mio Dio». Per evitare di essere tentato, rifiutò perfino le visite della moglie e degli altri fratelli nella fede.
Un mattino, i poliziotti vennero ad avvisarlo che era il giorno della sua esecuzione; ne fu felice. Condotto al terreno d’esecuzione di Jeongsan, subì le ennesime torture, mentre gli astanti si univano agli scherni da parte della polizia, ma ribadì che non avrebbe mai tradito la religione cattolica. Con gli occhi al cielo, gridò a gran voce: «Santa Madre Maria, ti saluto».
Paolo era così malridotto a causa delle percosse che svenne un paio di volte e aveva le gambe spezzate. Venne lasciato così per due giorni, finché il magistrato non ordinò di ucciderlo, nel caso non fosse ancora morto. I poliziotti ridussero il suo corpo così a pezzi che non aveva più forma umana. Era il 24 luglio 1798 (12 giugno del calendario lunare) e Paolo aveva cinquantacinque anni.
In base agli ordini del magistrato, il suo corpo venne seppellito. Circa una settimana dopo, alcuni cattolici di Jeongsan vennero a cercarlo, lo prelevarono e gli diedero cristiana sepoltura.
Paolo Yi Do-gi, inserito nel gruppo di martiri capeggiato da Paolo Yun Ji-chung, è stato beatificato da papa Francesco il 16 agosto 2014, nel corso del viaggio apostolico in Corea del Sud.


Autore:
Emilia Flocchini

______________________________
Aggiunto/modificato il 2014-08-12

___________________________________________
Translate this page (italian > english) with Google


CD immagini

Sostienici e avrai TUTTE le immagini di Santiebeati
Clicca qui per richiederlo

Home . Onomastico . Emerologico . Patronati . Diz.Nomi . Ricerca . Ultimi . Più visitati