Home . Onomastico . Emerologico . Patronati . Diz.Nomi . Ricerca . Ultimi . Più visitati


Newsletter
Per ricevere i Santi di oggi
inserisci la tua mail:

E-Mail: info@santiebeati.it


> Home > Sezione F > San Foca di Sinope Condividi su Facebook Twitter

San Foca di Sinope Vescovo e martire

14 luglio

+ 114


Sinope è un’antica città dell’Asia Minore (odierna Turchia), appartenete alla provincia del Ponto. Fondata sul Mar Nero da coloni greci nel 630 a.C., fu occupata dai Persiani nel 380 a.C. e successivamente da Alessandro Magno. Nel 47 a.C. fu conquistata da Giulio Cesare che ne fece una colonia romana. Crebbe in prosperità, divenendo uno dei porti più portanti del Mar Nero. Successivamente fece parte dell'Impero bizantino, cadendo poi sotto il dominio degli Ottomani.
Foca ne fu vescovo nel primo secolo dell’era cristiana, strenue difensore del suo popolo meritò l’appellativo di “avvocato”. Fu martirizzato sotto l’imperatore Traiano col supplizio del “bagno bollente” nel 114 secondo i Bollandisti, altre fonti dicono nel 117. I cristiani venivano accusati, in particolare, di ostilità verso la sacralità dell’imperatore e dei simulacri pagani.
Il culto di san Foca vescovo e delle sue reliquie, dall’Antiochia e da Costantinopoli, si diffuse in Occidente. Alla sua protezione si affidarono alcune località che poi ne presero il nome. In particolare una in provincia di Pordenone - comune di San Quirino, prime notizie dal 762 – mentre nell’Italia del Sud il culto fu trasmesso attraverso il rito bizantino. Una località sulla costa salentina ne porta il nome, nel comune di Melendugno, dove è festeggiato annualmente con una processione in mare. Vi è una cappella, meta, fino a qualche decennio fa, degli “avvelenati” dal morso della taranta. San Foca proteggeva, inoltre, dai morsi dei serpenti, in particolare nel mese di giugno. È invocato pure dalla gente di mare, per un viaggio felice e contro i naufragi. Suoi attributi iconografici sono l’àncora e il serpente. Nei calendari ortodosso e greco-cattolico il 23 luglio è festeggiata la traslazione delle sue reliquie ed è venerato come ieromartire (colui che ha ricevuto un ordine sacro). È a volte confuso con un altro santo di nome Foca, un giardiniere anch’egli della città di Sinope.


Autore:
Daniele Bolognini

_____________________
Aggiunto il 2017-09-15

___________________________________________
Translate this page (italian > english) with Google


CD immagini

Sostienici e avrai TUTTE le immagini di Santiebeati
Clicca qui per richiederlo

Home . Onomastico . Emerologico . Patronati . Diz.Nomi . Ricerca . Ultimi . Più visitati