Home . Onomastico . Emerologico . Patronati . Diz.Nomi . Ricerca . Ultimi . Più visitati


Newsletter
Per ricevere i Santi di oggi
inserisci la tua mail:

E-Mail: info@santiebeati.it


> Home > Sezione Testimoni > Maurice Zundel Condividi su Facebook Twitter

Maurice Zundel Sacerdote

Testimoni

Neuchâtel, Svizzera, 21 gennaio 1897 - Ouchy, Svizzera, 14 dicembre 1975


Maurice Zundel nacque a Neuchâtel il 21 gennaio 1897. Suo padre fu un funzionario postale, e sua madre casalinga. Educato in una famiglia cattolica, frequentò le scuole dell’obbligo nella sua città natale, unico cattolico tra protestanti, prima di proseguire gli studi liceali al Collège St-Michel di Friburgo, dove ebbe per compagno di scuola Jean Piaget, poi presso l’Abbazia di Einsiedeln. In quegli anni maturò l'interesse per la scienza che non lo abbandonò mai e che nutrì con abbondanti letture, sempre aggiornate.
A quattordici anni, fu colto da una profonda e decisiva esperienza spirituale. Si recò come suo solito a pregare nella chiesa di Notre-Dame de Neuchâtel, un cupo edificio neo-gotico. Si fermò davanti alla statua dell'Immacolata di Lourdes. Improvvisamente, sentì nel suo intimo la presenza della Vergine Maria che lo sconvolse. Questa la sua descrizione:
"Ho ricevuto da parte della Santa Vergine una specie di appello urgente, istantaneo, sconvolgente e irresistibile, che ha cambiato tutta la mia vita. Non si trattava di una visione, non c’era nulla di visibile, ma soltanto una realtà interiore che annullava ogni resistenza. Da quel momento la mia vita l’ho messa nelle mani della Santa Vergine [...]. Ho conservato nei confronti dell’Immacolata Concezione una specie di tenerezza, con la certezza assoluta che la mia vita fosse cominciata con questo mistero".
Maria divenne il segno dell'amore verginale di Dio. Nello stesso periodo Zundel frequentò un amico protestante, che faceva il meccanico ed aveva tappezzato la sua stanza di frasi di san Giovanni. L'amico era di condizioni modeste e cominciarono a parlare della situazione dei poveri. Cominciò allora a leggere I Miserabili di Victor Hugo rimanendo impressionato della magnanimità del vescovo nei confronti del protagonista del romanzo, Jean Valjean. Di qui la sua decisione di soccorrere, per il resto della sua vita, i poveri. Ne fecero esperienza i poveri e di derelitti di Losanna a cui il padre Zundel donò tutto e di tutto. Donare tutto fu il suo modo per far sentire i mendicanti principi.
Dal 1915 al 1919 seguì i corsi di filosofia e di teologia nel Seminario diocesano di Friburgo. Fu ordinato presbitero il 20 luglio 1919. Iniziò un'intensa attività pastorale come vicario parrocchiale nella parrocchia di San Giuseppe, la più grande di Ginevra ed iniziò anche un'intensa esperienza come teologo, guida spirituale, confessore, cappellano in diverse comunità religiose e conferenziere. Fu subito un sacerdote originale: al catechismo ordinario, preferì portare i bambini al Signore attraverso la meraviglia per le grandi opere d'arte o attraverso la luce delle recenti scoperte scientifiche.
L'originalità del pensiero e la profondità delle sue riflessioni, spesso profetiche, attirarono in fretta invidie ed incomprensioni, anche da parte dei superiori. Cominciò allora un lungo e doloroso periodo di esilio identificabile dal 1925 al 1946.
Nel 1927, il vescovo lo mandò a Parigi. Zundel trascorse sei mesi a Charenton vivendo un'esperienza durissima che lo segnò parecchio. In seguito dirà che fu un'esperienza istruttiva, ma in quei mesi visse una profonda aridità affettiva e spirituale. Ben presto, trovò un lavoro come secondo cappellano in Rue Monsieur presso i benedettini. Cominciò così a respirare di nuovo. In quel periodo legò con personalità di primo piano come padre Montini, Charles Du Bos, Louis Massignon.
A partire dagli anni trenta cominciò a scrivere anche di lavoro ed occupazione offrendo soluzioni ed analisi valide ancora oggi.
Zundel si dedicò, allora, all'attività di conferenziere, oratore, predicatore di esercizi spirituali che lo condussero a un'intensa vita itinerante tra Svizzera romanda, Italia, Francia, Egitto, Israele, Libano ed Inghilterra.
Nel 1937, si realizzò uno dei suoi sogni più significativi, trascorrendo un anno presso l'Ecole Biblique di Gerusalemme: studiò le lingue ed il testo della Bibbia con passione e frenesia, rinunciando spesso al riposo notturno.
Allo scoppio della guerra nel 1939, tornò in Svizzera, e fu ospitato per qualche tempo in una a Bex (VD) per poi trasferirsi al Cairo. In Egitto incontrò l'Islam in un misto di ammirazione e soggezione. Ammirò la poesia e la grandezza del Corano, i mistici musulmani, ma detestò tutto l'apparato sociologico dell'Islam, così contrario alla sua idea di libertà. Considerò un incubo il Dio adorato dai musulmani, per quanto bella possa essere la litania dei suoi novantanove nomi. In questo Dio solo, temette di vedere una sorta di "faraone onnipotente", un "despota non raggiungibile" davanti al quale non possiamo che piegarci. Di quel periodo conservò soprattutto importanti e significative amicizie.
Nel 1946 ritornò in Svizzera, gli venne assegnato il posto di collaboratore parrocchiale nella parrocchia del Sacro Cuore-d'Ouchy di Losanna. Incarico che mantenne fino alla morte.
Nel 1972 una sua vecchia conoscenza del periodo parigino, divenuta nel frattempo papa Paolo VI, lo invitò a predicare gli esercizi spirituali in Vaticano. Fu un episodio particolarmente felice e significativo della sua vita e del suo percorso di ricerca. Molti suoi detrattori e critici furono infatti costretti a tacere.
Nei primi mesi del 1975 subì un ictus che lo privò della parola, lui che conobbe molte lingue. Morì a Losanna il 10 agosto di quell'anno.


Fonte:
www.it.cathopedia.org

______________________________
Aggiunto/modificato il 2019-12-04

___________________________________________
Translate this page (italian > english) with Google


Home . Onomastico . Emerologico . Patronati . Diz.Nomi . Ricerca . Ultimi . Più visitati . Pubblicità