Home . Onomastico . Emerologico . Patronati . Diz.Nomi . Ricerca . Ultimi . Più visitati




Newsletter
Per ricevere i Santi di oggi
inserisci la tua mail:


E-Mail: info@santiebeati.it


> Home > Sezione F > San Felice di Pistoia Condividi su Facebook Twitter

San Felice di Pistoia Sacerdote ed eremita

16 agosto

Vissuto in epoca longobarda, parla di lui una «legenda» conservata nell'archivio capitolare di Pistoia. Sacerdote, Felice faceva l'eremita. Luogo prescelto era la valle della Bure, tra Candeglia, Santomoro e Valdibure. Pregava e faceva digiuni e penitenze. Anche quando tornò a vivere in città continuò la stessa vita di sofferenze erinunce. La sua simpatia era tutta per il popolo bisognoso: guariva dal vaiolo, liberava dagli spiriti maligni, assisteva le donne durante il parto. Il miracolo più curioso che gli si attribuisce è la resurrezione di un bue, l'intero capitale di un contadino dell'epoca. Fu tale la devozione per questo prete che i pistoiesi gli dedicarono la cattedrale che si chiamava appunto «Ecclesia Sanctorum Zenonis, Rufini et Felicis». Probabilmente, le sue ossa furono seppellite proprio nel Duomo, in un'urna d'alabastro venuta alla luce nel lontano 1414. Nel '700 le ossa furono deposte in altra urna di legno argentato, dove sono tuttora. Ad oggi una chiesa di Pistoia è dedicata a San Felice.



______________________________
Aggiunto/modificato il 2021-02-25

___________________________________________
Translate this page (italian > english) with Google


Home . Onomastico . Emerologico . Patronati . Diz.Nomi . Ricerca . Ultimi . Più visitati