Home . Onomastico . Emerologico . Patronati . Diz.Nomi . Ricerca . Ultimi . Più visitati




Newsletter
Per ricevere i Santi di oggi
inserisci la tua mail:


E-Mail: info@santiebeati.it


> Home > Sezione Servi di Dio > Serva di Dio Pura Rosa del Carmelo (Secundina Guadalupe Olmos) Condividi su Facebook Twitter

Serva di Dio Pura Rosa del Carmelo (Secundina Guadalupe Olmos) Religiosa carmelitana

.

Cordova, Argentina, 26 febbraio 1896 - 28 luglio 1965

Chiamata “madre Purita” è ricordata come una suora esemplare per la sua obbedienza, umiltà, austerità di vita e dedizione totale agli altri. Il 5 marzo 1918 vestì l’abito tra le Suore Terziarie Carmelitane Scalze di Santa Teresa di Gesù dell’Argentina.



Secundina Guadalupe Olmos nacque il 26 febbraio 1896 a La Cumbre, in provincia di Cordova in Argentina, da Pio Cruz Olmos e Clorinda Campos.
I suoi genitori, ferventi cristiani la battezzarono se mesi dopo, nella cappella della Canada-Punilla il 4 settembre 1896.
A otto anni, il 28 febbraio 1904 ricevette il sacramento della cresima nella chiesa di San Rocco di San Gerónimo in Punilla.
Dopo un’infanzia e una giovinezza normale, sentita la propria vocazione religiosa, a ventun anni, il 27 ottobre 1917 chiese di essere ammessa tra le postulanti della Suore Terziare Carmelitane Scalze di Santa Teresa di Gesù, una piccola congregazione religiosa di diritto diocesano fondata nel 1792.
Entrata in questa comunità il 5 marzo 1918, vestì l’abito carmelitano iniziando il noviziato il 19 dicembre 1918, assumendo il nome di suor Pura Rosa del Carmelo.
Il 28 dicembre 1920 fece la sua professione semplice e il 29 dicembre 1926 quella perpetua.
Nel 1932 fu assegnata alla comunità del Collegio di Gesù, Maria e Giuseppe di Rio Tercero e tre anni dopo fu nominata assistente alla maestra delle novizie presso casa madre della Congregazione.
Il 31 luglio 1937 fu eletta consigliera generale dell’Istituto.
Nel mese di gennaio dell’anno 1939, è stata assegnata per due anni consecutivi al collegio di San Giuseppe di Laboulaye con la funzione di segretaria.
Nel mese di aprile del 1941 è stata nominata superiora di quella comunità, carica che mantenne fino al 1944.
Dal 1944 al 1949 divenne la superiora con funzioni di economa del Collegio di Rio Tercero.
Nel 1949, dopo essere stata rieletta consigliera generale, è stata nominata maestra delle novizie e successivamente vice-direttrice della comunità di casa madre a Cordova. Nel capitolo del 1955 fu rieletta consigliera generale.
Nel 1959, per un solo anno divenne l’economa e l’infermiera nel collegio San Rocco di Villa Busto
Nel 1959 è stata trasferita a Cordoba con il ruolo di portinaia della Casa Madre e nel 1963 presso la stessa comunità ebbe il ruolo di infermiera e provveditrice.
Ammalatisi, dopo un breve periodo, suor Pura Rosa del Carmelo, a soli sessantanove anni morì in concetto di santità il 28 luglio 1965.
Da tutti chiamata “madre Purita” è ricordata come una suora esemplare per la sua obbedienza, umiltà, austerità di vita e dedizione totale agli altri.
La sua tomba nel cimitero di Cordova è meta di pellegrinaggio dei suoi devoti che sul luogo hanno lasciato bel 180 ex-voto a testimonianza dei favori ricevuti grazie alla sua intercessione.

Il processo della beatificazione per suor Pura Rosa del Carmelo, promosso dalle Suore Terziarie Carmelitane Scalze di Santa Teresa di Gesù dell’Argentina, ha ottenuto il giorno 29 ottobre 1996, il nulla osta dalla Santa Sede.


Autore:
Mauro Bonato

______________________________
Aggiunto/modificato il 2022-06-17

___________________________________________
Translate this page (italian > english) with Google

Album Immagini


Home . Onomastico . Emerologico . Patronati . Diz.Nomi . Ricerca . Ultimi . Più visitati