Home . Onomastico . Emerologico . Patronati . Diz.Nomi . Ricerca . Ultimi . Più visitati




Newsletter
Per ricevere i Santi di oggi
inserisci la tua mail:


E-Mail: [email protected]


> Home > Sezione M > Beato Michele Ozieblowski Condividi su Facebook Twitter

Beato Michele Ozieblowski Sacerdote e martire

31 luglio

>>> Visualizza la Scheda del Gruppo cui appartiene

Izdebno, Polonia, 28 settembre 1900 – Dachau, Germania, 31 luglio 1942

Michal Ozieblowski, sacerdote dell’arcidiocesi di Varsavia, cadde vittima dei nazisti nel celebre campo di concentramento tedesco di Dachau. Papa Giovanni Paolo II il 13 giugno 1999 lo elevò agli onori degli altari con ben altre 107 vittime della medesima persecuzione.

Martirologio Romano: Vicino a Monaco di Baviera in Germania nel campo di prigionia di Dachau, beato Michele Oziębłowski, sacerdote e martire, che, deportato per la sua fede in un carcere straniero dalla Polonia, sua patria, costretta sotto un regime nemico della religione, porṭ a compimento il martirio sotto tortura.


Michał Oziębłowski nacque il 28 settembre 1900 a Izdebno Kościelne in una famiglia numerosa.
Per il trasferimento della sua famiglia, trascorse la sua infanzia e frequentò le elementari a Oryszewo Osada.
Dopo essersi diplomato 1920 nel liceo di Skierniewice, entrò nel seminario di Varsavia.
Nel 1927, dopo che si era ammalato di tubercolosi interruppe gli studi e tornò in famiglia,
Tra gli anni 1930-1934 venne curato a Otwock, mentre era incaricato quale tesoriere della Spółdzielcza Kasa Oszczędnościowo-Loan e mentre svolgeva ruolo di catechista in varie scuole locali.
Nel 1934 riprese gli studi in seminario e al termine del ciclo scolastico, il giorno 11 giugno 1938 è stato ordinato sacerdote.
Dopo l’ordinazione sacerdotale celebrò la sua prima messa il 19 giugno 1938 nella chiesa parrocchiale di Szymanów.
Inizialmente prestò il suo servizio sacerdotale a Przybyszew fino a quando il 19 agosto fu inviato come vicario nella parrocchia di alla parrocchia di San Wawrzyńca a Kutno, dove tutti lo ricordano come un prete che si è sempre occupato delle persone più povere.
Anche dopo lo scoppio della seconda guerra mondiale, quando i tedeschi occuparono la città, don Michał Oziębłowski rimase in parrocchia continuando nel suo impegno pastorale.
Dal 16 settembre al giorno 11 novembre 1939 fu tenuto in ostaggio dagli invasori.
Ripresa la sua attività pastorale, il giorno 6 ottobre 1941 è stato arrestato e deportato nel campo di transito per sacerdoti a Lad. Successivamente è stato internato a Dachau e gli è stato assegnato il numero 28201.
Secondo i resoconti di alcuni testimoni don Michał Oziębłowski ha servito i suoi compagni di prigionia come sacerdote testimoniando “l'amore eroico di Dio e del prossimo”
Il suo internamento durò solo nove mesi.
A causa della mancanza di cibo, delle torture, dei maltrattamenti e pestaggi e del duro lavoro, don Michał Oziębłowski, morì il 31 luglio 1942 a soli quarantadue anni.
Don Michał Oziębłowski è stato beatificato Il 13 giugno 1999, da San Giovanni Paolo II, nella cerimonia di beatificazione di 108 martiri polacchi della seconda guerra mondiale.


Autore:
Mauro Bonato

______________________________
Aggiunto/modificato il 2023-04-21

___________________________________________
Translate this page (italian > english) with Google

Album Immagini


Home . Onomastico . Emerologico . Patronati . Diz.Nomi . Ricerca . Ultimi . Più visitati . Pubblicità