Home . Onomastico . Emerologico . Patronati . Diz.Nomi . Ricerca . Ultimi . Più visitati




Newsletter
Per ricevere i Santi di oggi
inserisci la tua mail:


E-Mail: [email protected]


> Home > Sezione E > Santa Eanswythe di Folkestone Condividi su Facebook Twitter

Santa Eanswythe di Folkestone Badessa

31 agosto

614 (?) 31 agosto 640

Santa Eanswythe di Folkestone, chiamata anche Eanswith del Kent, badessa di Folkestone, era la figlia del re Eadbald del Kent, che fondò il primo monastero benedettino femminile in Inghilterra.
 



Santa Eanswythe (Eanswida o Eanswith) nacque verso l’anno 614. Era l’unica figlia di re Eadbald del Kent e di Emma, una principessa franca.
Si ritiene che al momento della sua nascita suo nonno re sant’Ethelbert (Etelberto) del Kent era cristiano, suo padre era pagano e sua madre una cristiana, ed è molto probabile che Eanswida sia stata battezzata.
Se in un primo momento re Eadbald accettò il cristianesimo, dopo la morte del padre, abbracciò il paganesimo e sposò la seconda moglie di suo padre.
Con il ritorno del paganesimo, i monaci missionari che avevano svolto il loro lavoro con la protezione di re Etelberto si dispersero e ritornarono in Gallia. Solo Lorenzo di Canterbury dopo una visione di San Pietro, che lo rimproverò anche soilo per aver pensato di lasciare i suoi fedeli, rimase in Inghilterra riuscendo a convertire e battezzare il padre di Eanswida.
Fin dalla sua giovane età, santa Eanswida mostrò di non aver alcun interesse per la vita mondana, perché desiderava di consacrarsi a Dio per servirlo come religiosa.
Anche se il re desiderava un matrimonio per la sua unica figlia, la giovane gli disse di aver scelto uno sposo immortale a cui a cui avrebbe dato tutto il suo amore e gli chiese che le venisse costruita una cella dove quotidianamente poter pregare.
Dopo che il re accondiscese alla scelta di santa Eanswida, le costruì un monastero a Folkestone nel Kent.
Il monastero ultimato nel 630, è la prima comunità religiosa femminile dell’Inghilterra, dove santa Eanswida e le sue compagne abbracciarono la regola benedettina.
Inizialmente santa Eanswida per la sua giovane età, aveva solo sedici anni, non fu nominata badessa. La tradizione vuole che la comunità venne guidata da una superiora temporanea e da alcune monache venute dal continente che insegnarono lo stile di vita monastico a santa Eanswida e alle sue compagne.
Al momento in cui la comunità si sentì pronta, santa Eanswida venne eletta badessa del monastero.
Seguendo la regola santa Eanswida pregava Dio giorno e notte, trascorreva le sue veglie leggendo libri spirituali e facendo alcuni lavori manuali, come copiare r rilegare manoscritti oppure realizzare paramenti sacri. Le monache si occupavano anche dei poveri e degli infermi che vivevano nelle vicinanze del monastero.
La tradizione riporta che santa Eanswida sia morta il 31 agosto 640, quando aveva solo venticinque anni, e da subito venne invocata come santa. Anche suo padre morì nello stesso anno.
Molti sono i miracoli legati alla badessa santa Eanswida.
Dopo la morte di santa Eanswida il monastero ebbe vita breve, alcuni affermano che fu distrutto a seguito di una mareggiata, altri per il saccheggio dei danesi nell’anno 867.
In quel periodo le reliquie di santa Eanswida furono trasferite nella vicina chiesa dei santi Pietro e Paolo.
Nel 1138 venne costruito nell’entroterra un nuovo monastero dedicato a santa Maria e a santa Eanswida, dove vennero traslate le sue reliquie.
Nel 1535, nel momento in cui il monastero venne depredato dagli ufficiali del re, le reliquie di Sant’ Eanswida furono nascoste.
Il 17 giugno 1885, vennero ritrovate le reliquie che erano conservate in un reliquiario del XII secolo.
Santa Eanswida raffigurata, oltre che con la corona principesca, il pastorale da badessa e un libro, anche con un pesce, viene festeggiata e ricordata nel giorno 31 agosto.


Autore:
Mauro Bonato

______________________________
Aggiunto/modificato il 2023-05-15

___________________________________________
Translate this page (italian > english) with Google

Album Immagini


Home . Onomastico . Emerologico . Patronati . Diz.Nomi . Ricerca . Ultimi . Più visitati . Pubblicità