Home . Onomastico . Emerologico . Patronati . Diz.Nomi . Ricerca . Ultimi . Più visitati



Newsletter
Per ricevere i Santi di oggi
inserisci la tua mail:


E-Mail: [email protected]


> Home > Sezione Chiese Orientali Ortodosse > Sant' Ariano il Governatore Condividi su Facebook Twitter

Sant' Ariano il Governatore Martire

Festa: 8 marzo (Chiese Orientali)

L’impero romano non conobbe un governatore più duro di Ariano, che impiegò tutte le sue forze per torturare i cristiani. Un giorno, mentre i suoi soldati lanciavano frecce verso due cristiani torturati, nessuno dei due fu colpito; anzi, una freccia ritornò colpendo l’occhio di Ariano, il quale gridò dal dolore chiedendo aiuto. Allora uno dei due cristiani gli suggerì di aspettare il giorno seguente alla loro uccisione, di prendere la polvere dei loro piedi e di applicarla sull’occhio. Ariano ordinò di decapitarli e non poté dormire quella notte. Al mattino presto fece quello che gli era stato consigliato e fu guarito all’istante. Rattristato e pentito, si convertì al cristianesimo e liberò i cristiani dalla prigione. Quando Diocleziano venne a saperlo si infuriò e inviò quattro soldati a convocarlo. Dopo essere stato interrogato, fra gli scherni dei soldati, fu gettato in un pozzo che poi venne interrato. All’improvviso Diocleziano se lo vide davanti: stupito e spaventato, ordinò ai suoi soldati di catturarlo e di ucciderlo. Sant’Ariano fu sottoposto al martirio con gli stessi quattro inviati che si convertirono vedendo questo miracolo.



La storia di Sant'Ariano è un racconto avvincente di conversione, miracoli e martirio. Un uomo che passò dall'essere un persecutore spietato dei cristiani a diventare un loro devoto seguace, subendo infine il martirio per la sua fede.

Un governatore crudele
Ariano era un governatore romano noto per la sua durezza e ferocia. Sotto il suo comando, i cristiani venivano perseguitati senza pietà e sottoposti a torture inenarrabili. La sua crudeltà non conosceva limiti e il suo obiettivo era quello di estirpare completamente la fede cristiana dai suoi territori.

Un miracolo che cambia la vita
Un giorno, mentre Ariano assisteva alla tortura di due cristiani, un evento miracoloso cambiò il corso della sua vita. Le frecce scagliate dai soldati contro i due fedeli non li colpirono, ma una di esse si ritorse contro Ariano, colpendolo all'occhio e causandogli un dolore lancinante.
Disperato, Ariano chiese aiuto ai due cristiani che, con grande magnanimità, gli suggerirono di applicare la polvere dei loro piedi sull'occhio ferito il giorno dopo la loro morte. Ariano, seppur tormentato dal dolore e incredulo di fronte a tanta benevolenza, ordinò la decapitazione dei due cristiani.

Conversione e martirio
La notte successiva, Ariano non trovò pace e al mattino, seguendo il consiglio ricevuto, applicò la polvere dei piedi dei cristiani sul suo occhio ferito. Miracolosamente, la sua vista fu istantaneamente ristabilita.
Quest'evento miracoloso aprì il cuore di Ariano alla fede cristiana. Profondamente pentito per le sue azioni passate, si convertì al cristianesimo e liberò tutti i cristiani che erano stati incarcerati sotto il suo comando.
La sua conversione non passò inosservata e l'imperatore Diocleziano, infuriato, inviò quattro soldati per arrestarlo. Ariano fu sottoposto a un duro interrogatorio e, tra gli scherni dei soldati, venne gettato in un pozzo che fu poi interrato.
Ma la storia di Ariano non finisce qui. Miracolosamente, egli si presentò di nuovo davanti a Diocleziano, che, stupito e spaventato, ordinò ai suoi soldati di catturarlo e ucciderlo. Sant'Ariano fu sottoposto a un nuovo martirio, questa volta insieme ai quattro soldati che, testimoni del miracolo, si erano convertiti alla fede cristiana.


Autore:
Franco Dieghi

______________________________
Aggiunto/modificato il 2024-01-29

___________________________________________
Translate this page (italian > english) with Google

Album Immagini


Home . Onomastico . Emerologico . Patronati . Diz.Nomi . Ricerca . Ultimi . Più visitati