Home . Onomastico . Emerologico . Patronati . Diz.Nomi . Ricerca . Ultimi . Più visitati




Newsletter
Per ricevere i Santi di oggi
inserisci la tua mail:


E-Mail: [email protected]


> Home > Sezione G > Beato Giovanni Nelson Condividi su Facebook Twitter

Beato Giovanni Nelson Sacerdote e martire

3 febbraio

>>> Visualizza la Scheda del Gruppo cui appartiene

Skelton, Yorkshire, 1535 - Tyburn, Inghilterra, 3 febbraio 1578

Nacque in Inghilterra nel 1535 e fu battezzato cattolico. Da giovane, fu un fervente cattolico e non temeva di esprimere le sue convinzioni, anche in presenza di protestanti. Nel 1573, si recò a Douai, in Francia, per studiare per diventare sacerdote. Fu ordinato sacerdote nel 1576 e tornò in Inghilterra per servire i cattolici perseguitati. Nel 1577, Nelson fu arrestato e condannato a morte per aver rifiutato di riconoscere la supremazia della regina Elisabetta I in materia spirituale. Fu impiccato e squartato a Tyburn il 3 febbraio 1578.

Martirologio Romano: A Londra in Inghilterra, beato Giovanni Nelson, sacerdote della Compagnia di Ges¨ e martire, che neg˛ alla regina Elisabetta I la potestÓ suprema nelle questioni spirituali e, condannato per questo a morte, a Tyburn morý impiccato.


Giovanni Nelson nacque intorno al 1535 a Skelton, nello Yorkshire, in Inghilterra, da Nicholas Nelson. Fin dalla giovinezza fu noto per il suo incrollabile attaccamento alla fede cattolica.
Quando aveva quasi quarant'anni, nel 1573, Giovanni Nelson attraversò il continente per studiare presso il collegio-seminario inglese di Douai, nei Paesi Bassi meridionali (oggi in Francia). Due dei suoi quattro fratelli, Martin e Thomas, lo seguirono più tardi sulla stessa strada e arrivarono a Douai rispettivamente nel 1574 e nel 1575. Giovanni Nelson fu ordinato sacerdote a Binche (contea dell'Hainaut) da mons. Louis de Berlaymont, arcivescovo di Cambrai, il 11 giugno 1576.
Nel novembre del 1576, Nelson tornò in Inghilterra per sostenere pastoralmente i cattolici perseguitati. Era consapevole del pericolo che correva, ma era determinato a portare la sua fede ai suoi connazionali. Iniziò a operare nell'area di Londra, ma appena un anno dopo, il 1° dicembre 1577, fu sorpreso dai “cacciatori di preti” e arrestato nella sua residenza “a tarda sera, mentre leggeva il breviario”. Fu rinchiuso nella prigione di Newgate.
Durante l'interrogatorio, una settimana dopo, Giovanni Nelson si rifiutò di prestare giuramento riconoscendo la supremazia della regina Elisabetta I in materia spirituale. Fu indotto dai commissari a dichiarare la regina "scismatica", un crimine di alto tradimento punibile con la morte. Il 1 febbraio 1578, Nelson fu condannato a morte. Fu rinchiuso nella “fossa della torre”, una prigione sotterranea della Torre di Londra, dove fu alimentato solo a pane secco e acqua. Tuttavia, riuscì a celebrare la messa in carcere.
Mentre era in carcere, Nelson chiese e ottenne l'ammissione nella Compagnia di Gesù. Il 3 febbraio 1578, il giorno della sua esecuzione, rifiutò l'aiuto dei pastori protestanti, ma incontrò i membri della sua famiglia. Fu portato a Tyburn, dove gli fu permesso di parlare agli spettatori. Quando gli fu chiesto di chiedere perdono alla regina, rispose: "Non le chiederò perdono perché non ho fatto nulla che potesse offenderla". Chiese ai cattolici presenti tra la folla di unirsi a lui nella preghiera e recitò il Credo, il Padre Nostro e l'Ave Maria in latino. Nelson fu quindi impiccato. Le sue ultime parole furono: "Perdono la regina e tutti coloro che hanno causato la mia morte".
Giovanni Nelson fu beatificato da papa Leone XIII il 29 dicembre 1886.


Autore:
Franco Dieghi

______________________________
Aggiunto/modificato il 2024-01-11

___________________________________________
Translate this page (italian > english) with Google


Home . Onomastico . Emerologico . Patronati . Diz.Nomi . Ricerca . Ultimi . Più visitati