Home . Onomastico . Emerologico . Patronati . Diz.Nomi . Ricerca . Ultimi . Più visitati



Newsletter
Per ricevere i Santi di oggi
inserisci la tua mail:


E-Mail: [email protected]


> Home > Sezione S > San Salmodio (o Psalmodio) Condividi su Facebook Twitter

San Salmodio (o Psalmodio) Eremita

Festa: 13 giugno

VII sec.

Nobile aquitano di singolare pietà, abbracciò la vita eremitica in una foresta presso Limoges, dedicandosi interamente alla preghiera e alla contemplazione. La sua fama di santità, alimentata da doni taumaturgici e miracoli prodigiosi, attirò numerosi discepoli, desiderosi di seguire il suo esempio e apprendere dalla sua saggezza. Divenuto guida spirituale e modello di riferimento, Salmodio si spense circondato dai suoi seguaci, lasciando un'eredità di santità e devozione. Ancora oggi venerato come patrono degli eremiti e di quanti ricercano la pace interiore.

Martirologio Romano: Presso Limoges in Aquitania, in Francia, san Salmodio, eremita.


Nato da una nobile famiglia aquitana, Salmodio si distinse fin da giovane per la sua pietà e il suo ardore religioso. Attratto dalla vita ascetica, lasciò il mondo per dedicarsi alla preghiera e alla contemplazione in solitudine. Si stabilì in una remota foresta vicino a Limoges, dove costruì una semplice cella e visse in austerità. Trascorreva le sue giornate in preghiera, meditazione e lettura delle Scritture. La sua fama di santità si diffuse rapidamente attirando a lui numerosi discepoli che desideravano imparare dalla sua saggezza e imitare il suo esempio di vita. Salmodio divenne una guida spirituale per molti, offrendo loro consigli e incoraggiamento.
Diverse leggende si sono intrecciate attorno alla figura di San Salmodio. Si dice che avesse il potere di guarire i malati, scacciare i demoni e persino compiere miracoli. Una leggenda narra che un giorno, mentre pregava nella foresta, fu avvicinato da un leone affamato. Salmodio, senza timore, si rivolse al leone e lo benedisse. Miracolosamente, il leone divenne docile e si sdraiò ai suoi piedi. Un'altra leggenda racconta che un giorno, mentre attraversava un fiume, la sua barca si rovesciò. Salmodio, non sapendo nuotare, si affidò alla sua fede e pregò con fervore. Miracolosamente, le acque del fiume si solidificarono sotto i suoi piedi, permettendogli di camminare fino alla riva sana e salva.
Salmodio morì nella sua cella eremitica in tarda età, circondato dai suoi discepoli. La sua morte fu segnata da numerosi prodigi, tra cui l'apparizione di una luce intensa e il suono di canti angelici. Il suo corpo fu sepolto in un luogo segreto nella foresta, che divenne presto un luogo di pellegrinaggio per i devoti. La sua fama di santità si diffuse in tutta l'Aquitania e oltre, e il suo culto crebbe rapidamente. San Salmodio è venerato come patrono degli eremiti, dei penitenti e di coloro che cercano la pace interiore. La sua festa si celebra il 13 giugno di ogni anno.


Autore:
Franco Dieghi

______________________________
Aggiunto/modificato il 2024-05-16

___________________________________________
Translate this page (italian > english) with Google


Home . Onomastico . Emerologico . Patronati . Diz.Nomi . Ricerca . Ultimi . Più visitati