Home . Onomastico . Emerologico . Patronati . Diz.Nomi . Ricerca . Ultimi . Più visitati




Newsletter
Per ricevere i Santi di oggi
inserisci la tua mail:


E-Mail: [email protected]


> Home > Sezione V > San Vitaliano di Capua Condividi su Facebook Twitter

San Vitaliano di Capua Vescovo

3 settembre e 16 luglio

Montevergine, Avellino, 699

Patronato: Catanzaro

Etimologia: Vitaliano = figlio di Vitale

Emblema: Bastone pastorale

Martirologio Romano: A Montesarchio in Campania, san Vitaliano, vescovo.


Il ‘Martirologio Romano’ riporta al 3 settembre: “Caudii in Campania, sancti Vitaliani, episcopi”. Questa memoria ripresa dal ‘Martirologio Geronimiano’, fa pensare che Vitaliano fosse un abitante del Sannio, nella Valle Caudina; l’antica “Caudium” corrisponde oggi alla città di Montesarchio sulla via Appia, situata tra Capua e Benevento.
Queste due città nel passato si contesero il santo come loro vescovo, infatti Capua lo annovera al 25° posto della sua lista episcopale; nulla toglie che sia stato per qualche tempo anche vescovo della vicina Benevento.
Una leggendaria ‘Vita’ fu scritta alla fine del XII secolo, forse da un chierico beneventano, con l’intenzione di affermare la consacrazione del monte Partenio, chiamato poi anche Montevergine, già prima della venuta di san Guglielmo da Vercelli (1142), fondatore del veneratissimo santuario della Madonna e della Congregazione benedettina ‘Verginiana’.
S. Vitaliano, vissuto nel VII secolo, fu acclamato vescovo dal popolo di Capua, contro la sua volontà, in seguito divenne oggetto di calunnie e di volgari insinuazioni, da parte dei suoi nemici, che in ogni circostanza non mancano mai, i quali non si sa come, lo fecero apparire in pubblico vestito da abiti femminili, onde accusarlo di impudicizia.
Vitaliano si difese apertamente, smascherando le insidie dei suoi calunniatori, poi lasciò la città, ma fu catturato, legato in un sacco di cuoio e gettato nel fiume Garigliano; la protezione divina lo salvò dalla morte e lo fece approdare incolume sulla costa ad Ostia, dopo che il fiume l’ebbe trasportato fino al mare; inoltre la città fu punita con siccità, carestia e peste.
Allora i capuani si recarono dal vescovo, pregandolo di tornare in sede, ma Vitaliano non volle fermarsi stabilmente a Capua e si ritirò sul Monte Partenio, dove eresse un oratorio sacro dedicato alla Vergine e dove morì nel 699.
Prima del 716, il suo corpo sarebbe stato traslato da Montevergine (Partenio) a Benevento dal vescovo Giovanni, alcuni studiosi dicono nel 914 a causa delle scorrerie dei saraceni.
Nel 1122 papa Callisto II, trasferendo a Catanzaro il vescovado di ‘Tres Tabernae’, fece dono alla città delle reliquie del santo; credenze dell’epoca affermavano, ma senza fondamento, che le reliquie del santo vescovo fossero state portate ad Osimo (Ancona), generando così un equivoco riguardante s. Vitaliano, effettivo vescovo di Osimo (sec. VIII), identificandolo con quello di Capua, il cui giorno di festa è lo stesso 16 luglio.
Nel 1311 Pietro Ruffo, conte di Catanzaro, edificò in quella cattedrale un’apposita cappella per riporvi le reliquie di s. Vitaliano; risulta che nel 1583 dopo la rovina della cappella, il vescovo Nicolò Orazio, ne fece la ricognizione canonica, sistemando le reliquie in una nuova cassetta foderata di velluto.
In epoca imprecisata il sepolcro di s. Vitaliano avrebbe pure cominciato a trasudare un umore detto manna. Catanzaro, la città delle tre V (Vento, Velluti, Vitaliano), venera s. Vitaliano come suo patrono principale il 16 luglio, che è forse la data della traslazione dei suoi resti mortali da Montevergine a Benevento e poi a Catanzaro, inoltre ne celebra la festa del patrocinio nella domenica ‘in albis’.
Ne sperimentò più volte la protezione in occasione di terremoti e nel 1922 celebrò con solennità il settimo centenario dell’arrivo delle reliquie.
Il culto di s. Vitaliano vescovo, si diffuse nei secoli in Campania; il famoso “Calendario Marmoreo” di Napoli, scolpito nel IX secolo, lo ricorda al 3 settembre; si ritiene che il suo culto a Napoli sia giunto con i capuani, qui rifugiatosi nel 595. Chiese in suo onore sorsero in vari Comuni campani e il Comune di S. Vitaliano, provincia di Napoli ma diocesi di Nola, porta il suo nome.

Autore: Antonio Borrelli
 


 

Catanzaro è chiamato paese delle tre V: Vento, Velluto, Vitaliano. Il vento soffia quasi sempre sulla città, situata tra il Mare Ionio e quello Tirreno, la produzione e il commercio del velluto l’hanno resa ricca e famosa fino al 1800, Vitaliano è l’amato santo patrono e protettore. Di Vitaliano, diventato popolare soprattutto nell’Italia meridionale, si hanno poche notizie. Vissuto nel VII secolo, secondo alcune fonti sarebbe originario di Capua (Caserta) o di Montesarchio (Benevento). Vitaliano è un uomo dalle mille virtù. Così il popolo di Capua lo nomina vescovo (alcune fonti lo indicano anche come vescovo di Benevento).
Vitaliano è molto amato, ma anche invidiato da chi avrebbe voluto essere al suo posto. Un giorno gli giocano un brutto scherzo. Sostituiscono la sua tunica con indumenti da donna. Vitaliano al mattino non si accorge di nulla e, con indosso una tunica femminile molto somigliante a quella vescovile, si reca a visitare un malato. Viene subito schernito e accusato di predicare bene ma razzolare male. Il vescovo riesce a discolparsi e si mette in viaggio verso Roma per dichiarare la verità sull’increscioso accaduto. Durante il tragitto viene raggiunto dai suoi calunniatori, chiuso in un sacco e buttato nel fiume Garigliano. Per intervento divino Vitaliano si salva e naufraga sulla spiaggia di Ostia (Roma) dove viene rifocillato e accolto da alcuni pescatori. Nel mentre Capua viene punita con mesi di carestia, siccità ed epidemie. La gente cattiva capisce il male fatto. Pentita implora il perdono e prega Vitaliano di tornare a Capua per aiutare il popolo in lacrime.
Il vescovo torna a Capua e, con le sue preghiere, fa subito scendere la pioggia, ma non si ferma. Preferisce fare vita da eremita su un’altura chiamata Montevergine (Avellino) dove costruisce una piccola chiesa dedicata a Maria, madre di Gesù. In questo stesso luogo nel XII secolo San Guglielmo da Vercelli fonderà il famoso Santuario della Madonna di Montevergine. Vitaliano muore nel suo eremo nel 699. Le sue spoglie vengono portate a Benevento e poi definitivamente collocate nella Cattedrale di Catanzaro, di cui è patrono. La città calabrese, capoluogo di Regione, è molto devota al suo santo (invocato contro le calamità naturali) anche per essere stata salvata, per sua intercessione, dal devastante terremoto del 1783 e ogni anno, il 16 luglio, lo festeggia solennemente.
 


Autore:
Mariella Lentini


Fonte:
Mariella Lentini, Santi compagni guida per tutti i giorni

______________________________
Aggiunto/modificato il 2023-07-17

___________________________________________
Translate this page (italian > english) with Google

Album Immagini


Home . Onomastico . Emerologico . Patronati . Diz.Nomi . Ricerca . Ultimi . Più visitati