Home . Onomastico . Emerologico . Patronati . Diz.Nomi . Ricerca . Ultimi . Più visitati



Newsletter
Per ricevere i Santi di oggi
inserisci la tua mail:


E-Mail: [email protected]


> Home > Sezione R > Beato Rizziero della Muccia Condividi su Facebook Twitter

Beato Rizziero della Muccia Francescano

Festa: 7 febbraio

† 7 febbraio 1236

Nato in una famiglia nobile marchigiana, studiò legge a Bologna dove conobbe San Francesco e lo seguì nella sua predicazione. Ordinato sacerdote, fu eletto Ministro Provinciale della Marca d'Ancona e guidò i frati con austerità e gioiosa fraternità. Un giorno, colpito da una terribile prova, si rivolse a San Francesco per essere rassicurato del suo amore di Dio. Il Poverello d'Assisi lo accolse calorosamente e gli disse che era il suo frate più gradito. Rizzerio, confortato, trascorse gli ultimi anni della sua vita in preghiera e penitenza presso l'eremo di San Giacomo apostolo a Muccia, dove morì nel 1236.

Martirologio Romano: A Muccia nelle Marche, beato Rizziero, tra i primi e più cari discepoli di san Francesco.


Il Beato Rizzerio nacque a Muccia (MC). La vita di Rizzerio ha tratti in comune con quella del Beato Pellegrino da Falerone: entrambi erano marchigiani, provenienti da famiglie nobili e studenti di legge a Bologna. Proprio a Bologna i due studenti ebbero l'occasione di avvicinare San Francesco d'Assisi e di rimanere affascinati dalla sua persona, tanto da indurli a seguirlo. San Francesco predisse a Pellegrino una vita umile e nascosta, mentre a Rizzerio di reggere e governare i frati.
Rizzerio, ritornato nelle Marche, fu ordinato sacerdote e in seguito fu anche eletto Ministro Provinciale, formando i propri confratelli ad una austera vita di povertà e di gioiosa fraternità e al rispetto della regola dei Frati Minori. Condusse una fervida ed instancabile predicazione evangelica per molte città e paesi.
Un giorno si abbatté su Rizzerio una terribile prova, smarrito e turbato si presentò a San Francesco per capire, dal modo come sarebbe stato accolto dal serafico padre, se fosse stato ancora amato da Dio. San Francesco, che era allora infermo nel palazzo del Vescovo di Assisi, illuminato da Dio su ciò che stava accadendo, spedì incontro a Rizzerio Fra Leone e Fra Masseo con il compito di accoglierlo a braccia aperte e di comunicargli che lui tra i frati gli era il più gradito. La calorosa accoglienza e le tenere parole calmarono il cuore in tempesta di Rizzerio. Quando fu vicino a San Francesco, il poverello d'Assisi, benché gravemente ammalato, lo abbracciò teneramente e gli ribadì: "Figliolo carissimo, frate Rizzerio, fra tutti i frati che sono nel modo io amo te singolarmente". Baciatolo, gli impresse un segno di croce sulla fronte e aggiunse: "Figliolo carissimo, questa tentazione è stata permessa da Dio per un tuo grande merito e guadagno". Rizzerio si sentì sollevato dal terribile cruccio. Gli ultimi anni della sua vita li trascorse a Muccia, presso l'eremo di San Giacomo apostolo.
Morì il 7 febbraio 1236. Il culto è stato approvato da Gregorio XVI il 14 dicembre 1838.


Autore:
Elisabetta Nardi

______________________________
Aggiunto/modificato il 2002-04-12

___________________________________________
Translate this page (italian > english) with Google


Home . Onomastico . Emerologico . Patronati . Diz.Nomi . Ricerca . Ultimi . Più visitati