Home . Onomastico . Emerologico . Patronati . Diz.Nomi . Ricerca . Ultimi . Più visitati



Newsletter
Per ricevere i Santi di oggi
inserisci la tua mail:


E-Mail: [email protected]


> Home > Sezione I > Beata Ildegarda Condividi su Facebook Twitter

Beata Ildegarda Regina

Festa: 30 aprile

Thurgan, Svevia, sec. VIII Metz, Francia, 30 aprile 783

Figlia di nobile stirpe sveva, Hildegarda, nobilissima regina e consorte di Carlomagno, dispiegò una vita esemplare, ricca di fede e di opere meritevoli. Ascesa al trono dei Franchi in giovane età, seppe distinguersi per la sua pietà, accompagnando il marito nei suoi viaggi e governando con saggezza. Madre di nove figli, ne perse tre in tenera età, ma non vacillò mai nella sua devozione cristiana, donando cospicue ricchezze all'abbazia di Saint-Arnoul di Metz, dove fu sepolta alla sua prematura morte, avvenuta a soli venticinque anni. La sua bellezza, sia esteriore che interiore, venne celebrata da Paolo Diacono in un epitaffio che ne tramanda la memoria. Le sue spoglie, venerate come quelle di una beata, furono in parte trasferite all'abbazia di Kempten, dove la regina era considerata la fondatrice. Ancora oggi, a distanza di secoli, la sua figura suscita ammirazione e devozione, testimoniata dalla 'Vita' compilata nel XV secolo e dalla sua festa liturgica celebrata il 30 aprile.



Uno storico del IX secolo la classifica come “nobilissimam piissimamque reginam” (nobilissima piissima regina).
Discendente da Goffredo duca di Allemagna e dell’alta nobiltà sveva, Hildegarda era figlia di Pabo conte del Thurgan (altri testi dicono di Ildebrando conte di Svevia).
Era ancora un’adolescente quando Carlomagno, re dei Franchi, nel 771 la prese in sposa, subito dopo aver rotto il suo terzo matrimonio con la figlia di Desiderio re dei Longobardi, che d’altra parte non era approvato dal papa Stefano IV (768-772).
Fu esemplare nella vita cristiana, sia in famiglia che nella corte, ebbe nove figli dei quali tre morirono in tenera età; fu fedele compagna di Carlomagno, che accompagnò sempre nei suoi viaggi arrivando fino a Roma; risulta che fece una cospicua donazione all’abbazia di Saint-Arnoul di Metz, dove secondo la sua volontà fu sepolta alla sua morte, avvenuta il 30 aprile 783 a Metz, quando aveva circa venticinque anni.
L’epitaffio sulla sua tomba, composto da Paolo Diacono (720-799), monaco benedettino, profondo conoscitore della storia di Metz, ne esalta la singolare bellezza della sua persona e soprattutto della sua anima.
Parte delle sue reliquie furono trasferite nell’872 nell’abbazia di Kempten, sull’Iller in Svevia, posta tra il lago di Costanza e Monaco, i cui monaci la consideravano come loro fondatrice.
Nel 963 si procedette all’elevazione delle reliquie e da allora fu onorata come beata. Una nuova ‘Vita’ della beata Hildegarda fu compilata nel 1472 per disposizione di Giovanni di Werdenau, abate di Kempten e dedicata anche al figlio della regina l’imperatore Ludovico il Pio († 840), essa esalta la virtù della sovrana, narra della costruzione di vari monasteri, della sua predilezione per l’abbazia di Kempten, dove aveva fatto deporre le reliquie dei martiri Gordiano ed Epimaco e racconta delle numerose guarigioni verificatesi sulla sua tomba.
La festa si celebra il 30 aprile.


Autore:
Antonio Borrelli

______________________________
Aggiunto/modificato il 2004-12-09

___________________________________________
Translate this page (italian > english) with Google

Album Immagini


Home . Onomastico . Emerologico . Patronati . Diz.Nomi . Ricerca . Ultimi . Più visitati