Home . Onomastico . Emerologico . Patronati . Diz.Nomi . Ricerca . Ultimi . Più visitati




Newsletter
Per ricevere i Santi di oggi
inserisci la tua mail:


E-Mail: [email protected]


> Home > Sezione T > Santi Timoteo e Maura Condividi su Facebook Twitter

Santi Timoteo e Maura Sposi e martiri

3 maggio

Antinoe, Alto Egitto, 286 circa

Larga diffusione ebbe in Oriente il culto dei santi coniugi Timoteo e Maura, martiri nell’Alto Egitto durante la persecuzione del prefetto Arriano. Sono purtroppo assai scarse le notizie certe sulla loro vita terrena. Timoteo era lettore della chiesa di Panapeis nei pressi di Antinoe, mentre sua moglie Maura era un’appassionata studiosa della Sacra Scrittura. Dopo soli venti giorni di matrimonio Timoteo venne portato dinnanzi al governatore e gli fu ingiunto di consegnare i libri sacri in suo possesso, ma egli rifiutò. Anche Maura non accettò il sopruso e si dichiarò piuttosto pronta a morire con il marito. Per entrambi giunse così il momento del martirio, subito presso Antinoe in Tebaide verso l’anno 286. Gli Atti della loro passione narrano inverosimilmente che Timoteo sia stato torturato alle orecchie con attrezzi incandescenti, mentre alla moglie sarebbero stati strappati i capelli. Ambo i coniugi furono poi inchiodati ad un muro, al quale rimasero appesi per ben nove giorni. Il Martyrologium Romanum li commemora il 3 maggio.

Martirologio Romano: Ad Antinoe nella Tebaide in Egitto, santi Timoteo e Maura, martiri.


Agli albori del cristianesimo molti cattolici soffrirono per la propria santa fede. L'imperatore romano Diocleziano, che governò dall'anno 284 al 305, fu un persecutore particolarmente brutale dei seguaci di Cristo. Un giorno, un giovane cattolico di nome Timoteo fu arrestato e gettato in prigione. Fu accusato di essere “un custode e copista di libri divini”; cioè, Timoteo era un lettore durante le liturgie speciali in chiesa, e conservava e faceva copie di testi sacri usati per l'adorazione di Dio. E allora l'imperatore Diocleziano aveva ordinato che tutti questi libri venissero confiscati e bruciati, così i soldati portarono Timoteo davanti a un governatore pagano che chiese a quest'uomo cristiano di consegnare i libri sacri. Timoteo si rifiutò di obbedire a questo comando illegale e, di conseguenza, fu sottoposto a orribili torture: ferri incandescenti conficcati nelle orecchie; accecamenti e palpebre tagliate; e venne persino posto a testa in giù con una pietra al collo. In effetti, le sue torture divennero così estreme che persino i suoi torturatori implorarono il governatore di placarle. Eppure Timoteo preferisce sopportare tutte queste torture piuttosto che negare Cristo.
Allo stesso tempo, alcuni assistenti dissero al governatore pagano che Timoteo aveva una giovane moglie di nome Maura, che si era sposata con lui solo venti giorni prima. Dopo aver sentito questo, il governatore chiese immediatamente che sua moglie venisse condotta da lui per spezzare la volontà e lo spirito di Timoteo. Se non poteva tentarlo nel negare Cristo per se stesso, pensava il governatore pagano Arian, sicuramente avrebbe potuto indurlo a cedere all'apostizzazione per amore di Maura. Quando Maura arrivò, Arian fece appello alle speranze e ai sogni di Maura per cercare di persuaderla, in fin dei conti, a convincere Timoteo a commettere apostasia.
E così Ariano, il torturatore, insistette con Maura dicendole: “sei sposata solo da tre settimane. Non vuoi vivere la vita che ti è stata promessa? Non vuoi crescere una famiglia con tuo marito, invecchiare con lui? Tutto ciò che Timoteo deve fare è consegnare le Scritture e sarà liberato per vivere in pace fino alla vecchiaia felice con te”. Timoteo, tuttavia, esortò sua moglie a rimanere fedele ea non temere i torturatori. Di fronte a questo dilemma, Maura dichiarò coraggiosamente suo marito: “Sono pronta a morire con te”. Ella professava, coraggiosamente, di essere cristiana e che avrebbe preferito la morte a una vita vissuta lontana da Cristo.
Infuriato, il governatore pagano ordinò di strapparle i capelli dalla testa e di tagliarle le dita. Furono impiegate varie altre torture, ma tutte furono inutili. Timoteo e Maura rimasero fedeli. E, infine, il governatore ordinò che fossero crocifissi su croci poste l'una di fronte all'altra.
Mentre erano appesi a queste croci uno di fronte all'altro, si sostenevano a vicenda pregando insieme, cantando inni e incoraggiandosi a vicenda mentre soffrivano per Cristo. Quando uno era debole, l'altro sarebbe stato forte, ricordando all'amato ciò che Gesù ha sofferto per loro e la promessa del Signore circa la vita eterna. Dopo dieci giorni di incredibile fortezza e fedeltà a Cristo dimostrata da entrambi vennero accolti nel regno di Dio come gloriosi martiri. Questa incredibile testimonianza del loro coraggio e della loro gioia costante ispirò così tanto il loro torturatore che presto divenne un cristiano, fu poi martirizzato lui stesso e ora è venerato nella Chiesa d'Oriente come S. Ariano d'Alessandria!
Sebbene fossero sposati da meno di un mese, i santi Timoteo e Maura mostrarono un'incredibile comprensione e testimonianza dello scopo del matrimonio che va ben al di là del semplice invecchiare insieme al coniuge e avendo i sogni romantici realizzati nella relazione.
Il matrimonio è in definitiva pensato per essere un martirio della testimonianza sacrificale a Cristo. I coniugi dovrebbero sfidarsi e incoraggiarsi a vicenda a seguire sempre più da vicino Cristo, sopportando insieme sia la sofferenza che la gioia nel farlo, con l'obiettivo finale di presentare il loro migliore amico davanti al Signore come immacolato e santo, degno di condividere la gloriosa eredità dei santi (cfr. Ef. 5,26-27).
E così, quanto è straordinariamente bella la coppia sposata che modella questo amore reciproco per Cristo e desidera che il proprio coniuge sia unito al Signore più di ogni altra cosa per loro! In altre parole, quanto sono belli gli sposi che amano ciascuno Dio più di quanto si amino l'un l'altro, e quindi il loro amore reciproco è guidato dal desiderio ultimo di vedere il proprio coniuge unito a Dio! I santi Timoteo e Maura avevano entrambi questo amore più grande per Dio che l'uno per l'altro, e quindi si sottomisero ciascuno alla missione di condursi l'un l'altro in paradiso, furono in grado di incoraggiarsi una vicenda attraverso dolore e sofferenza inimmaginabile; anzi, la loro sofferenza divenne motivo di gioia mentre cantavano insieme inni durante le loro crocifissioni,
Allo stesso modo dei santi Timoteo e Maura le coppie si modellano in maniera meravigliosa vivendo il sacramento del matrimonio in tutto il suo meraviglioso potenziale, ciò permette all'uomo e alla donna di rendere visibile il mistero dell'amore fedele e sacrificale di Cristo per la sua Chiesa. Le coppie sposate moderne, quindi, sono chiamate a rendere la stessa testimonianza di questo mistero davanti al mondo attraverso una vita di castità all'interno del matrimonio (usando il dono della sessualità secondo i disegni di Dio). E nonostante ciò non sia sempre facile, i tempi in cui è difficile diventare fonti di gioia sono quelli più adatti per gli sposi, poiché voi due soffrite come testimoni di Cristo agli occhi del mondo.


Autore:
Robbie Simon


Fonte:

www.chastity.com

______________________________
Aggiunto/modificato il 2023-08-31

___________________________________________
Translate this page (italian > english) with Google

Album Immagini


Home . Onomastico . Emerologico . Patronati . Diz.Nomi . Ricerca . Ultimi . Più visitati . Pubblicità