Home . Onomastico . Emerologico . Patronati . Diz.Nomi . Ricerca . Ultimi . Più visitati




Newsletter
Per ricevere i Santi di oggi
inserisci la tua mail:


E-Mail: [email protected]


> Home > Sezione A > Sant' Alcmondo Condividi su Facebook Twitter

Sant' Alcmondo Martire

19 marzo

819

Figlio di Alredo (765-774) e fratello di Osredo (788-790), entrambi re di Northumbria, pur vivendo in mezzo agli splendori della corte, seppe santificarsi in virtù del suo profondo sentimento religioso, della sua umiltà e della sua pietà verso i poveri, ai quali distribuì tutte le sue ricchezze. Seguì in Scozia il padre cacciato in esilio, e, al suo ritorno in Inghilterra nell'800, pare che venisse fatto assassinare dall'usurpatore Eardulfo. Un'altra versione afferma, invece, che Alcmondo avrebbe preso parte, con uno dei governatori della Mercia, alla guerra contro i Sassoni e sarebbe caduto combattendo, o forse sarebbe stato ucciso a tradimento durante tale campagna. Secondo altri, infine, Alcmondo passò venti anni in Scozia e fu assassinato da traditori circa nell'819. Venerato comunque come martire e inu­mato a Lilleshall, nello Shropshire, le sue spoglie furono successivamente traslate a Derby, di cui è patrono, e il suo sepolcro divenne ben presto meta di devoti pellegrinaggi.



La figura di Sant'Alcmondo, principe di Northumbria morto nell'819, si staglia enigmatica e affascinante nel panorama storico e religioso dell'Inghilterra altomedievale. Avvolto in un alone di leggenda e venerato come martire, il suo profilo biografico presenta diverse lacune e contraddizioni, alimentando il mistero che avvolge la sua esistenza.

Nobiltà e Santità
Nato da Alredo, re di Northumbria, e fratello di Osredo, Alcmondo visse immerso negli splendori della corte. Tuttavia, egli seppe distinguersi per la sua profonda religiosità, l'umiltà e la pietà verso i poveri, ai quali distribuì gran parte delle sue ricchezze. La sua indole virtuosa lo portò ad essere considerato un esempio di santità già in vita.

Esilio e Martirio
Le vicende storiche dell'epoca lo condussero in esilio in Scozia insieme al padre, cacciato dal trono. Al loro ritorno in Inghilterra nell'800, la tragica sorte di Alcmondo si compì: diverse versioni ne narrano la morte violenta. Secondo alcuni, egli fu assassinato dall'usurpatore Eardulfo; altri lo vedono cadere in battaglia contro i Sassoni; altri ancora sostengono che trascorse vent'anni in Scozia per poi essere tradito e ucciso nell'819.

Culto e Devozione
Indipendentemente dalle circostanze della sua morte, Alcmondo fu venerato come martire e le sue spoglie inumate a Lilleshall, nello Shropshire. Successivamente, furono traslate a Derby, città di cui divenne patrono. Il suo sepolcro divenne meta di devoti pellegrinaggi, testimoniando la fama di santità che lo accompagnava. La sua festa si celebra il 19 marzo.

Un Enigma Storico
La figura di Sant'Alcmondo rimane avvolta in un alone di mistero. Le diverse versioni della sua morte e le lacune storiche rendono difficile ricostruire una biografia completa e definitiva. Tuttavia, la sua santità e il suo martirio sono testimoniati dalla devozione popolare e dalla sua memoria, che ancora oggi risuona nella città di Derby e nella Chiesa cattolica.


Autore:
Franco Dieghi

______________________________
Aggiunto/modificato il 2024-02-16

___________________________________________
Translate this page (italian > english) with Google

Album Immagini


Home . Onomastico . Emerologico . Patronati . Diz.Nomi . Ricerca . Ultimi . Più visitati