Home . Onomastico . Emerologico . Patronati . Diz.Nomi . Ricerca . Ultimi . Più visitati




Newsletter
Per ricevere i Santi di oggi
inserisci la tua mail:


E-Mail: [email protected]


> Home > Sezione C > Beata Contessa Tagliapietra Condividi su Facebook Twitter

Beata Contessa Tagliapietra Vergine

1 novembre

Venezia, 1288 Venezia, 1 novembre 1308


La beata Contessa Tagliapietra è una vergine veneziana vissuta tra il XIII e il XIV secolo a lungo considerata beata dal popolo veneziano, anche se sulla sua figura non esiste alcuna notizia certa.
Contessa nacque a Venezia nel 1288, in una nobile famiglia che viveva in campo San Vio, da Pietro (o Nicolò) ed Elena.
La beata Tagliapietra era una giovane virtuosa, dedita alla preghiera e alla penitenza, che solitamente frequentava la chiesa di San Maurizio, oltre il Canal Grande.
Fin da giovanissima pronunciò il suo voto di verginità dedicandosi a numerose opere di carità e al suffragio delle anime del Purgatorio.
La tradizione riposta che ebbe numerosi doni mistici, tra cui estasi e rapimenti spirituali. Inoltre è riportato che frequentava quotidianamente la messa nella parrocchia di San Maurizio attraversando il Canal Grande con la gondola paterna.
Alla sua richiesta di entrare in convento incontrò la netta opposizione dei genitori, che volevano un matrimonio per la figlia.
I suoi genitori erano contrari alla sua entrata in convento che questi proibirono ai barcaioli ormeggiati sulla riva di san Vio di traghettarla al di là del canale affinché potesse raggiungere la chiesa di San Maaurizio dove incontrava un sacerdote con cui “intrattenersi in colloqui spirituali”.
Esiste una leggenda popolare che racconta come Contessa riuscì a raggiungere miracolosamente la chiesa, attraversando il canale camminando su un velo di lino steso sopra le acque.
La giovane Contessa che si rifiutò sempre di sposarsi, morì il giorno 1 novembre 1308, dopo una lunga malattia appena ventenne.
Il numeroso popolo, che accorse ai suoi funerali, iniziò fin da subito a chiamarla beata. Inoltre, le madri veneziane, richiamandosi al miracolo che riguardava la giovane Contessa Tagliapietra, “erano solite far sedere i propri figli sul sepolcro della beata, credendo così di preservarli dal rischio di annegare nei canali della città” di Venezia.
Contessa Tagliapietra è stata sepolta nella chiesa di San Vio, dove era ricordata e festeggiata nel giorno 8 settembre. Dopo la soppressione di quella parrocchia da parte di Napoleone e la demolizione della chiesa nel 1813, i suoi resti furono traslati nella sacrestia della chiesa di San Maurizio.
Attualmente le sue spoglie risultano “loculate” nel vano sottostante il piccolo altare della Sacrestia nella Chiesa San Maurizio ricostruita e consacrata nel 1829, in campo San Maurizio. Il suo corpo scheletrico e convenientemente abbigliato e incoronato è conservato in una bara di vetro.
La beatificazione di Contessa Tagliapietra non è mai stata riconosciuta ufficialmente dalla Santa Sede, anche se il patriarcato veneziano ne accettava il suo culto.
Nel 1765 il Patriarca Giovanni Bragadin chiese a papa Clemente XIII l’ufficialità per il culto di Contessa Tagliapietra, ma la richiesta è stata ignorata, mentre il cardinale Jacopo Monico, Patriarca veneziano dal 1827 al 1851, fece sospendere il suo culto perché voleva un approfondito chiarimento della questione riguardante la personalità della beata Contessa Tagliapietra.
La beata Contessa Tagliapietra, oltre ad essere ricordata nell’enciclopedia “Biblioteca Sanctorum” e in altri testi dell’Ottocento, è anche ricordata nel volume “Santi e Beati veneziani”. La festa in suo ricordo si celebrava nell’anniversario della sua morte, il giorno 1 novembre.


Autore:
Mauro Bonato

______________________________
Aggiunto/modificato il 2020-08-13

___________________________________________
Translate this page (italian > english) with Google

Album Immagini


Home . Onomastico . Emerologico . Patronati . Diz.Nomi . Ricerca . Ultimi . Più visitati . Pubblicità